Addio a Ndakasi, morta tra le braccia del suo custode. La gorilla di montagna diventata famosa per un selfie, ecco la sua storia

C’è una foto che è diventata virale nel 2019 , di due gorilla di montagna dietro un ranger del parco mentre scatta un selfie nel Parco nazionale di Virunga in Congo. Un gorilla sembra guardare l’umano con tutto il blando interesse di un newyorkese, in attesa su una piattaforma della metropolitana, con le mani lungo i fianchi, come se fosse stato ficcato in tasche immaginarie. Il secondo gorilla, appena dietro al ranger, sembra chinarsi sull’inquadratura, come per dire: “Ciao! Guarda chi c’è anche qui!” Questo è Ndakasi, la cui morte all’età di 14 anni è stata segnalata questa settimana dal Parco nazionale di Virunga. Ndakasi è nel parco da quando aveva 2 anni. I ranger l’hanno trovata poco dopo che sua madre e altri membri della loro famiglia erano stati massacrati dalla milizia armata. Il piccolo gorilla è stato affidato alle cure di un ranger di nome Andre Bauma. “Era piccola, pesava solo un paio di chili”, ha detto a un programma della BBC del 2014 . “Condividevamo lo stesso letto, giocavo con lei, le davo da mangiare...”

Ndakasi è cresciuta forte e sana – le piacevano le Pringles, le patatine fritte – ed è rimasta giocosa. “Ogni volta che mi vede si arrampica sulla mia schiena come farebbe con sua madre“, ha detto Bauma alla BBC.  “La mia famiglia umana capisce che il mio lavoro con i gorilla è importante“, ha detto. “Ho una parte d’amore che do alla mia famiglia di gorilla e una parte d’amore che do alla mia famiglia umana“.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questa settimana un’altra foto ha fatto il giro del mondo. Ndakasi, dall’aspetto stanco e prossimo alla morte, era rannicchiata con la sua grande testa, i suoi occhi dolci, sulla forte spalla di Bauma. Sembravano due esseri che si davano conforto, compagnia e conforto l’un l’altro nel momento del bisogno. Bauma ha dichiarato in una intervista dell’orfanotrofio del Parco nazionale di Virunga che conoscere Ndakasi “mi ha aiutato a capire la connessione tra gli umani e le grandi scimmie e perché dovremmo fare tutto ciò che è in nostro potere per proteggerli ...
L’amavo come un bambino“, ha detto. “La sua personalità allegra mi faceva sorridere ogni volta che interagivo con lei“. Due spiriti forti e giocosi nel mondo che si sono trovati.
Purtroppo dopo 14 anni Ndakasi è morta per una malattia, ma rimarrà sempre nel cuore di Bauma.

- Prosegue dopo la pubblicità -


Ecco come ha voluto ricordare questo forte e grande legame l’artista Antonio Federico Art:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: www.npr.org

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.