Irrigazione solare a goccia con materiali riciclati

Una creazione rustica ma efficace che può aiutare i giardinieri amatoriali e i piccoli coltivatori a mantenere le loro colture mediante irrigazione a goccia. Questa irrigazione automatica e autonoma non utilizza energia elettrica e può essere effettuata riutilizzando i materiali necessari. È un progetto del fisico Washington Luiz de Barros Melo.

Irrigazione a goccia solare
Secondo il ricercatore di Embrapa Instrumentação (SP), l’apparecchiatura si basa su un semplice principio di termodinamica: l’aria si espande quando riscaldata . Il sistema utilizza questa proprietà per utilizzare l’aria come una pompa che spinge automaticamente l’acqua per l’irrigazione.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Come realizzare un’irrigazione a goccia solare.
Una bottiglia di materiale duro, di colore nero, ribaltata sopra un’altra bottiglia contenente acqua. Quando il sole riscalda l’aria all’interno della bottiglia scura, spinge l’acqua attraverso il sistema , espellendola infine attraverso un piccolo tubo di gocciolamento verso le colture.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Irrigazione a goccia solare piatta
Fanno parte dell’invenzione altri due serbatoi d’acqua: una bottiglia rigida anch’essa capovolta che svolge la funzione di torre dell’acqua per mantenere alimentata la bottiglia gocciolante, e una bottiglia come contenitore più grande che immagazzina un volume d’acqua maggiore da utilizzare in tutto il sistema . I tubi che collegano i flaconi possono essere quelli usati per il siero in ospedale, per esempio, ma possono essere usati quelli che adempiono alla funzione.

Irrigazione a goccia solare automatica
È necessario che le prime tre bottiglie siano sigillate ermeticamente. È forse il più complicato del sistema. È un sistema automatico che funziona senza elettricità poiché dipende solo dalla luce solare, il che rende il suo funzionamento molto economico. Favorisce inoltre il risparmio idrico, perché utilizza il metodo dell’irrigazione a goccia, che evita lo spreco di questa risorsa scarsa. Può essere costruito con oggetti che troveremmo nella spazzatura, come bottiglie di plastica o di vetro. L’intensità del gocciolamento può essere regolata e altri input possono essere aggiunti al sistema per includere i nutrienti nell’acqua nel sistema. Clicca qui per vedere i dettagli di questo progetto.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte:  ecoinventos.com

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.