Come, secondo la Scienza, la Terra da “inferno” si trasformò in un paradiso per la vita: perché è diventata abitabile? Delle “strane” rocce perdute potrebbero fornirci una spiegazione

La Terra primordiale è spesso descritta dagli scienziati come “Hadea” per una buona ragione. Secondo la Scienza moderna, Hadea nacque dalle ceneri di una collisione che ci ha portato alla nascita della nostra Luna procurando alla versione antichissima del nostro pianeta un alone di calore infernale intrappolato sotto una spessa coltre di anidride carbonica e vapore acqueo. Stranamente, quelle condizioni avrebbero dovuto essere inospitali per molto più tempo di quanto non fossero:

Pinterest

Circa 4 miliardi di anni fa, dopo solo poche centinaia di milioni di anni circa di raffreddamento, il nostro pianeta stava già iniziando a sembrare straordinariamente abitabile. Qualsiasi spiegazione della drammatica trasformazione della Terra dovrebbe tener conto della rapida perdita dei suoi gas serra, fenomeno che ha così consentito al pianeta di raffreddarsi e al suo vapore acqueo di condensarsi negli oceani. L’unico problema per i ricercatori è che questo periodo della storia del nostro pianeta ha lasciato poche tracce della sua geologia. Secondo la tesi scientifica moderna, le croste di minerale cristallizzato che galleggiavano sugli oceani di magma sarebbero sprofondate da tempo nell’abisso, portando con sé le prove delle condizioni della superficie del pianeta:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Dunque, tutte le ipotesi che elaboriamo per risolvere il mistero del gas scomparso devono basarsi su prove per lo più circostanziali. Due ricercatori della Yale University hanno recentemente eseguito analisi su uno scenario piuttosto speculativo che coinvolge rocce “strane” che non esistono più sulla superficie terrestre, assorbendo tutta quella CO2 . E l’idea sembra verificare. “In qualche modo, è stato necessario rimuovere un’enorme quantità di carbonio atmosferico“, afferma lo scienziato planetario Yoshinori Miyazaki, che ora lavora al California Institute of Technology. “Poiché non esiste alcun record rock conservato dalla Terra primordiale, abbiamo deciso di costruire da zero un modello teorico per la Terra primordiale“. Quello che sappiamo sull’eone di Ade sulla Terra proviene in gran parte da modelli astrofisici e geochimici di formazione planetaria. Il nostro sistema Terra-Luna è stato molto probabilmente il prodotto di una collisione tra due protopianeti, uno delle dimensioni di circa Marte e l’altro più o meno della massa della Terra odierna:

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ciò che si sarebbe depositato fuori da quel pasticcio di sostanze volatili e roccia sarebbe stato un grumo fuso di minerali e gas vorticosi che era tenuto caldo da un costante acquazzone di macerie dallo spazio. Da queste origini, possiamo immaginare un lungo periodo di caldo e caos, perpetuato da un’atmosfera serra di anidride carbonica e acqua. Basta guardare al nostro vicino, Venere, per avere un’idea di come potrebbe essere. Tra le scarse prove minerali che abbiamo ci sono segni che ospitava già oceani dopo solo poche centinaia di milioni di anni di raffreddamento. Entro la fine dell’eone, circa 4 miliardi di anni fa, il ciclo del carbonio sembra aver stabilizzato le temperature al punto che la vita potrebbe esistere piuttosto felicemente. Una possibilità è che il carbonio nell’atmosfera possa essersi dissolto negli oceani, trasformandosi in carbonati solidi, che potrebbero essere affondati e inglobati nelle correnti del mantello. È una bella idea, ma anche solo per pensarci un po’, vale la pena sapere se i numeri tornano. Quindi Miyazaki e il suo collega Jun Korenaga hanno messo insieme modelli sulla meccanica dei fluidi, il movimento del calore e la fisica atmosferica per vedere se potevano far funzionare l’ipotesi:

- Prosegue dopo la pubblicità -

I risultati suggeriscono che potrebbe… se un certo tipo di roccia fosse esposta sulla superficie del nostro pianeta. “Queste rocce sarebbero state arricchite in un minerale chiamato pirosseno e probabilmente avevano un colore verdastro scuro”afferma Miyazaki. “Soprattutto, erano estremamente arricchiti in magnesio, con un livello di concentrazione raramente osservato nelle rocce odierne”. Una crosta di roccia bagnata e fusa in rapido movimento, piena di pirosseno, potrebbe spiegare una rapida perdita di tutta quell’anidride carbonica in un processo di stabilizzazione che, diversamente, avrebbe richiesto milioni se non miliardi di anni. E poi, a seguito di un raffreddamento che ci ha dato una crosta rigenerante costituita da una manciata di placche che si muovono lentamente, tutta quella roccia ricca di magnesio sarebbe rimasta molto sotto i nostri piedi:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Quando la crosta si capovolgeva rapidamente, i minerali impregnati d’acqua si sarebbero rapidamente disidratati, riempiendo gli oceani ai livelli che vediamo oggi. Lo scenario è intrigante, anche perché un fenomeno del genere avrebbe contribuito a rilanciare la vita in altri modi. “Come bonus aggiuntivo, queste rocce ‘strane’ sulla Terra primordiale reagirebbero prontamente con l’acqua di mare per generare un grande flusso di idrogeno, che è ampiamente ritenuto essenziale per la creazione di biomolecole“, afferma Korenaga. È il tipo di scienza che chiede solo prove concrete, che giacciono sepolte sia nel profondo del tempo che molto sotto la superficie. Senza dubbio il periodo “infernale” della Terra manterrà i suoi misteri un po’ più a lungo. Ma, grazie alle analisi approfondite degli scienziati, stiamo riuscendo a comprendere come il nostro pianeta sia diventato un posto dell’universo capace di ospitare milioni di specie animali e vegetali. Questa ricerca è stata pubblicata su Nature. A tal proposito, riportiamo qui sotto il link ad un interessante documentario diffuso su YouTube:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.