Scoperto dinosauro con pelle “morto lo stesso giorno della caduta dell’asteroide”

La zampa – completa persino delle impronte di pelle fossilizzata – di uno degli ultimi dinosauri è stata recentemente scoperta e finite anche sotto la lente d’ingrandimento della tv pubblica britannica BBC:

l’arto, completo di pelle, è solo uno di una serie di notevoli reperti emersi dal sito fossile di Tanis nello stato americano del North Dakota. Ma l’importante dettaglio appena descritto non rappresenta l’unico punto straordinario del reperto fossile: secondo i paleontologi, i fossili scoperti a Tanis appartengono a dinosauri uccisi e sepolti lo stesso giorno in cui un asteroide gigante colpì la Terra. Quel giorno risale a 66 milioni di anni fa, in cui terminò il regno dei dinosauri e iniziò l’ascesa dei mammiferi. Nelle rocce sono stati trovati pochissimi resti di dinosauri che registrano anche le ultime migliaia di anni prima dell’impatto. Il popolare conduttore britannico Sir David Attenborough esaminerà le scoperte, molte delle quali riceveranno la loro prima visione pubblica:

- Prosegue dopo la pubblicità -
BBC

Insieme a quella zampa, ci sono pesci che hanno respirato i detriti dell’impatto mentre piovevano dal cielo. Vediamo una tartaruga fossile che è stata infilzata da un paletto di legno; i resti di piccoli mammiferi e le tane che hanno fatto; pelle di un triceratopo cornuto; l’embrione di uno pterosauro volante all’interno del suo uovo; e quello che sembra essere un frammento dell’impattore dell’asteroide stesso:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Abbiamo così tanti dettagli con questo sito che ci raccontano cosa è successo momento per momento, è quasi come guardarlo recitare nei film. Guardi la colonna di roccia, guardi i fossili lì e ti riporta indietro fino a quel giorno“, afferma Robert DePalma, studente laureato dell’Università di Manchester, Regno Unito, che guida lo scavo di Tanis. È ormai ampiamente accettato che una roccia spaziale larga circa 12 km abbia colpito il nostro pianeta causando l’ultima estinzione di massa. Il sito dell’impatto è stato identificato nel Golfo del Messico, al largo della penisola dello Yucatan. Si tratta di un’area di circa 3.000 km di distanza da Tanis, ma tale è stata l’energia impartita nell’evento, la sua devastazione è stata avvertita in lungo e in largo. Il sito fossile del North Dakota è un caos caotico. I resti di animali e piante sembrano essere stati arrotolati insieme in una discarica di sedimenti dalle onde dell’acqua del fiume messe in moto da terremoti inimmaginabili. Gli organismi acquatici si mescolano con le creature terrestri. Lo storione e il pesce spatola in questo groviglio di fossili sono fondamentali. Hanno piccole particelle bloccate nelle branchie. Queste sono le sferule di roccia fusa espulse dall’impatto che poi sono ricadute sul pianeta. I pesci avrebbero respirato le particelle mentre entravano nel fiume:

BBC

Le sferule sono state collegate chimicamente e mediante datazione radiometrica al luogo dell’impatto messicano, e in due delle particelle recuperate dalla resina dell’albero conservata ci sono anche minuscole inclusioni che implicano un’origine extraterrestre. “Quando abbiamo notato che c’erano inclusioni all’interno di queste piccole sferule di vetro, le abbiamo analizzate chimicamente al sincrotrone a raggi X del diamante vicino a Oxford”, spiega il professor Phil Manning, che è il supervisore del dottorato di ricerca del signor DePalma a Manchester. “Siamo stati in grado di separare la chimica e identificare la composizione di quel materiale. Tutte le prove, tutti i dati chimici, da quello studio suggeriscono fortemente che stiamo guardando un pezzo dell’impattore; dell’asteroide che lo ha posto fine per i dinosauri”. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’esistenza di Tanis e le sue affermazioni sono emerse per la prima volta nella sfera pubblica sul New Yorker Magazine nel 2019 . Ciò fece furore all’epoca. La scienza di solito richiede che la presentazione iniziale delle nuove scoperte venga fatta nelle pagine di un giornale accademico. Sono stati ora pubblicati alcuni articoli sottoposti a revisione paritaria e il team di scavo ne promette molti altri mentre lavora attraverso il meticoloso processo di estrazione, preparazione e descrizione dei fossili. Per realizzare il suo programma televisivo, la BBC ha chiamato consulenti esterni per esaminare una serie di reperti.

BBC

Il professor Paul Barrett del Museo di Storia Naturale di Londra ha osservato la gamba. È un esperto di dinosauri ornitischi (per lo più mangiatori di piante). È un Thescelosaurus . Viene da un gruppo di cui non avevamo alcuna registrazione precedente dell’aspetto della sua pelle, e mostra in modo molto conclusivo che questi animali erano molto squamosi come lucertole. Non erano piumati come i loro coetanei carnivori. Sembra un animale la cui zampa è stata semplicemente strappata via molto rapidamente. Non ci sono prove sulla gamba della malattia, non ci sono patologie evidenti, non c’è traccia della gamba che è stata spazzata via, come segni di morsi o frammenti di essa che sono scomparso“, mi dice.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Quindi, l’idea migliore che abbiamo è che questo è un animale che è morto più o meno istantaneamente”. La grande domanda è se questo dinosauro sia effettivamente morto il giorno in cui l’asteroide ha colpito, come risultato diretto del cataclisma che ne è seguito. Il team di Tanis pensa che molto probabilmente l’abbia fatto, data la posizione dell’arto nei sedimenti dello scavo. Se così fosse, sarebbe una scoperta sensazionale senza precedenti. Ma il professor Steve Brusatte dell’Università di Edimburgo dice di essere scettico, per il momento. Ha agito come un altro dei consulenti esterni della BBC. Vuole vedere gli argomenti presentati in articoli più sottoposti a revisione paritaria e che alcuni paleoscienziati con specializzazioni molto specifiche entrino nel sito per dare la loro valutazione indipendente.

BBCA

Il professor Brusatte afferma che è possibile, ad esempio, che gli animali morti prima dell’impatto dell’asteroide siano stati riesumati dalle violenze di quel giorno e poi re-sepolti in modo tale da far sembrare la loro morte simultanea. “Quei pesci con le sferule nelle branchie, sono un vero biglietto da visita per l’asteroide. Ma per alcune delle altre affermazioni – direi che hanno molte prove circostanziali che non sono state ancora presentate alla giuria, “ lui dice. “Per alcune di queste scoperte, però, importa se sono morte il giorno o anni prima? L’uovo di pterosauro con dentro un cucciolo di pterosauro è super raro; non c’è nient’altro di simile dal Nord America. Non è tutto deve riguardare l’asteroide”. Con la moderna tecnologia a raggi X è possibile determinare la chimica e le proprietà del guscio d’uovo. Probabilmente era coriaceo piuttosto che duro, il che potrebbe indicare che la madre dello pterosauro ha seppellito l’uovo nella sabbia o nei sedimenti come una tartaruga. È anche possibile con la tomografia a raggi X estrarre virtualmente le ossa del pulcino di pterosauro all’interno, stamparle e ricostruire come sarebbe stato l’animale. Il signor DePalma ha fatto questo. Il cucciolo di pterosauro era probabilmente un tipo di azhdarchide, un gruppo di rettili volanti le cui ali adulte potevano raggiungere più di 10 m da punta a punta. Il signor DePalma ha tenuto una conferenza speciale sulle scoperte di Tanis a un pubblico al Goddard Space Flight Center dell’agenzia spaziale statunitense Nasa mercoledì. Lui e il professor Manning presenteranno i loro ultimi dati anche all’Assemblea generale dell’Unione europea delle geoscienze a maggio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: https://www.bbc.com/news/science-environment-61013740

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.