Il ghiacciaio si scioglie: riemergono i resti di un ittiosauro incinta, la scoperta in Patagonia – VIDEO

I resti fossili del primo ittiosauro completo del Cile sono stati portati alla luce da un ghiacciaio in scioglimento nelle profondità dell’area della Patagonia, nel paese sudamericano. In una spedizione guidata dall’Università di Magallanes (UMAG) nell’area del ghiacciaio Tyndall della Patagonia cilena nei mesi di marzo e aprile 2022, all’interno dei confini del Parco Nazionale Torres del Paine, i resti intatti sono stati delicatamente raccolti utilizzando un elicottero:

cedarjuice.com

Come riporta Reuters, l’antico rettile marino preservato e in stato di gravidanza è stato soprannominato “Fiona” dagli scienziati che lo hanno scoperto. Il fossile lungo 4 metri aiuterà gli scienziati a studiare lo sviluppo embrionale negli ittiosauri, che vagavano per i mari tra i 90 ed i 250 milioni di anni fa. L’eccezionale ittiosauro è l’unica femmina gravida di età valanginiano-hauteriviana (un periodo geologico risalente tra i 129 ed i 139 milioni di anni, ovvero Cretaceo inferiore) registrata ed estratta sul pianeta. “A quattro metri di lunghezza, completo e con embrioni in gestazione, lo scavo aiuterà a fornire informazioni sulla sua specie, sulla paleobiologia dello sviluppo embrionale e su una malattia che lo ha colpito durante la sua vita“, ha affermato il dott. Pardo-Perez Pérez, che riporta anche che, oltre alla pietra miliare dell’ittiosauro, sono stati scoperti 23 nuovi esemplari durante quest’ultima campagna, rendendolo, secondo Pardo-Perez, il deposito di ittiosauro del Cretaceo inferiore più abbondante e meglio conservato al mondo:

- Prosegue dopo la pubblicità -
mirror.co.uk

“I risultati della spedizione hanno soddisfatto tutte le aspettative, e anche più del previsto”, afferma lo scienziato, specificando che, da questi reperti fossili, “speriamo di ottenere risultati sulla diversità, disparità e paleobiologia degli ittiosauri della località del ghiacciaio Tyndall , stabilire gradi di maturità ossea e nicchie ecologiche per valutare possibili transizioni dietetiche avvenute durante la loro evoluzione e che potrebbero aiutare a stabilire connessioni paleobiogeografiche con ittiosauri di altre latitudini”. Il dottor Pardo-Pérez ha visitato il sito fossile di Tyndall più di 10 volte dalla scoperta iniziale nel 1997 e ha completato un dottorato di ricerca sugli ittiosauri trovati nell’area:

- Prosegue dopo la pubblicità -
La ricostruzione artistica di un ittiosauro (a sinistra) ed i resti fossili scoperti in Patagonia nel 2022 (a destra)

Data l’entità degli obiettivi di ricerca proposti per questo viaggio, le complessità associate al terreno, nonché la natura multidisciplinare dello studio e della scienza, è stato coinvolto un team internazionale di collaboratori con competenze uniche provenienti da tutto il Cile, l’Argentina e anche la Germania e il Regno Unito. Parte del team era anche il dottor Dean Lomax, paleontologo e Visiting Scientist presso l’Università di Manchester, che ha studiato migliaia di ittiosauri e che ha recentemente guidato lo scavo dell’ittiosauro Rutland, lo scheletro più completo di un grande rettile preistorico mai trovato nel Regno Unito. Durante l’assistenza in loco, Lomax ha trovato nuovi esemplari tra cui il cranio meglio conservato di un ittiosauro trovato lì fino ad oggi, appartenente a un giovane giovane:

http://estaticos.efe.com

“Il fatto che questi incredibili ittiosauri siano così ben conservati in un ambiente estremo, rivelato da un ghiacciaio in ritirata, è diverso da qualsiasi altra parte del mondo. Il numero considerevole di ittiosauri trovati nell’area, inclusi scheletri completi di adulti, giovani e neonati, offre una finestra unica sul passato. La collaborazione internazionale aiuta a condividere questo eccezionale cimitero di ittiosauro con il mondo e, in larga misura, a promuovere la scienza”. Lomax ha continuato: “Il tempo era così estremo che non potevamo raggiungere il sito dell’ittiosauro tutti i giorni e dovevamo rimanere al campo. In quei giorni in cui il team ha potuto raggiungere il sito, ha documentato gli ittiosauri e altri fossili e ha scoperto nuovi esemplari. Sorprendentemente, in media, sono stati trovati due ittiosauri ogni giorno”. Per la dott.ssa Pardo-Pérez – membro del team di ricerca dopo lo scavo, ritiene che la prima cosa sia implementare metodi di protezione in situ per prevenire il deterioramento dei fossili.  A tal proposito, riportiamo qui sotto il link ad un video diffuso sul web:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonti:

https://www.reuters.com/lifestyle/science/intact-pregnant-ichthyosaur-fossil-recovered-patagonian-glacier-chile-2022-05-11/

- Prosegue dopo la pubblicità -

https://www.manchester.ac.uk/discover/news/chiles-first-complete-ichthyosaur-recovered-from-a-glacier-in-patagonia/

https://www.mirror.co.uk/news/weird-news/huge-139-million-year-old-26942419

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.