Il lago di Natron: perché è rosso e come fa a “pietrificare” gli animali. Spiegazione scientifica. Attenti alle bufale!

Il lago Natron è un lago salato o alcalino situato nel distretto settentrionale di Ngorongoro nella regione di Arusha in Tanzania . Si trova nel Gregory Rift , che è il ramo orientale dell’East African Rift . [1] Il lago si trova all’interno del bacino del lago Natron , una zona umida del sito Ramsar di importanza internazionale. [2] La metà meridionale del Lago Natron (in alto). Si possono anche vedere le scarpate di faglia e il vulcano Gelai . Numerose “zattere” di crosta di sale quasi bianche pepano le parti più basse del lago (riquadro). Nel suo libro, “Across the Ravaged Land”, il fotografo Nick Brandt ha rivelato molteplici animali “pietrificati” dopo il contatto con il suddesso lago:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il lago è alimentato principalmente dal fiume Ewaso Ng’iro meridionale, che nasce nel Kenya centrale e da sorgenti termali ricche di minerali. [1] È abbastanza basso, profondo meno di tre metri (9,8 piedi) e varia in larghezza a seconda del livello dell’acqua. Il lago è lungo al massimo 57 chilometri (35 miglia) e largo 22 chilometri (14 miglia). [1] L’area circostante riceve precipitazioni stagionali irregolari, principalmente tra dicembre e maggio per un totale di 800 millimetri (31 pollici) all’anno. [1] Le temperature del lago sono spesso superiori a 40 °C (104 °F). [1]

- Prosegue dopo la pubblicità -

Com’è fatto il Lago di Natron:

Alti livelli di evaporazione hanno lasciato natron (carbonato di sodio decaidrato) e trona (sesquicarbonato di sodio diidrato). L’alcalinità del lago può raggiungere un pH superiore a 12. Il substrato roccioso circostante è composto da lave trachitiche alcaline a dominanza di sodio che furono depositate durante il periodo pleistocenico. Le lave hanno quantità significative di carbonato ma livelli di calcio e magnesio molto bassi. Ciò ha permesso al lago di concentrarsi in una salamoia caustica alcalina. [3]

Perché “pietrifica” gli animali e perché, in realtà, questa definizione è SCORRETTA? Svelato l’arcano:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Se un corpo cade da qualche altra parte si decompone molto rapidamente, ma sul bordo del lago si incrosta di sale e rimane per sempre”,  ha detto David Harper, un ecologista dell’Università di Leicester che ha visitato il lago Natron quattro volte Notizie NBC. Proprio a causa della presenza di carbonato idrato di sodio, noto come Natron, gli animali che si posano su di esso rischiano la rapida calcificazione a causa della sostanza che agisce in maniera simile all’ammoniaca, con un pH fino a 10.5 (piuttosto alto, se si considera che l’acqua del mare è circa 8). Il natron storico veniva raccolto direttamente come miscela di sale dai letti di laghi asciutti nell’antico Egitto ed è stato usato per migliaia di anni come prodotto per la pulizia sia della casa che del corpo e anche come ingrediente nelle tecniche di imbalsamazione. Mescolato con olio, era una prima forma di sapone:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ammorbidisce l’acqua rimuovendo olio e grasso. Non diluito, il natron era un detergente per i denti e un primo collutorio. Il minerale è stato miscelato nei primi antisettici per ferite e tagli minori. Il natron può essere utilizzato per essiccare e conservare pesce e carne. Era anche un antico insetticida domestico ed era usato per fare il cuoio e come candeggina per i vestiti. Il minerale veniva utilizzato durante le cerimonie di mummificazione nell’antico Egitto perché assorbe l’acqua e si comporta come un essiccante. Inoltre, se esposto all’umidità, il carbonato nel natron aumenta il pH (aumenta l’ alcalinità ), creando un ambiente ostile per i batteri. In alcune culture si pensava che il natron migliorasse la sicurezza spirituale sia per i vivi che per i morti. Il natron è stato aggiunto all’olio di ricino per fare un combustibile senza fumo , che ha permesso agli artigiani egizi di dipingere opere d’arte elaborate all’interno di antiche tombe senza macchiarle di fuliggine. I Testi delle Piramidi descrivono come i pellet di natron fossero usati come offerte funerarie nei riti per il faraone defunto, “N”. La cerimonia richiedeva due tipi di natron, uno proveniente dal nord (Basso) e uno dal sud (Alto) Egitto:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Smin , smin ti apre la bocca. Una pallina di natron.
O N., ne assaggerai il sapore davanti alle cappelle sḥ-ntr . Una pallina di natron.
Quello che Horus sputa fuori è smin . Una pallina di natron.
Ciò che Set sputa fuori è smin . Una pallina di natron.
Quello che i due dèi armoniosi (sputati fuori) è smin . Una pallina di natron.
Per dire quattro volte: ti sei purificato con natron, insieme a Horus (e) i seguaci di Horus. Cinque palline di natron da Nekheb, nell’Alto Egitto.
Tu purifichi (te stesso); Horus purifica (se stesso). Una pallina di natron. Tu purifichi (te stesso); Set purifica (se stesso). Una pallina di natron.
Tu purifichi (te stesso); Thot purifica (se stesso). Una pallina di natron. Tu purifichi (te stesso); il dio purifica (se stesso). Una pallina di natron.
Anche tu purifichi (te stesso), tu che sei in mezzo a loro. Una pallina di natron.
La tua bocca è la bocca di un vitello che allatta il giorno della sua nascita.
Cinque palline di natron del nord, Wadi Natrûn ( št-pt ) [1]

Il natron è un ingrediente per creare un colore distinto chiamato blu egiziano , e anche come flusso in maiolica egiziana. Fu usato insieme alla sabbia e alla calce nella fabbricazione della ceramica e del vetro dai romani e altri almeno fino al 640 d.C. Il minerale fu anche impiegato come fondente per saldare insieme i metalli preziosi. Il National Geographic riporta che le foto sono state scattate dal fotografo Nick Brandt, che “ha trovato inaspettatamente gli animali morti che si erano arenati sulla riva, conservati in riva al lago, e li ha messi in posa come erano in vita”. Huffington Post cita Brandt dicendo nel suo libro che “nessuno sa per certo” come muoiono gli animali, “ma sembra che l’estrema natura riflettente della superficie del lago li confonda, facendoli schiantare nel lago”. Ma non ci sono prove che il lago sia il “posto più mortale per gli animali“. Sempre l’ecologista dell’Università di Leicester Harper, ha detto a NBC News che i corpi che cadono nel lago vengono “semplicemente incrostati”. Dire che il lago è il “luogo più mortale per gli animali in Africa” è incorretto come anche il termine “pietrificazione” poiché nel lago gli animali ci finiscono probabilmente già morti (forse anche a causa di cadute accidentali dovute ai notevoli rifletti procurati dalla notevole concentrazione di sale) e il processo di pietrificazione non può essere paragonato scientificamente a quello di un’incrostrazione da calcificazione parziale dei corpi. Il lago di Norton, dunque, non un luogo “maledetto e mortale che pietrifica ogni cosa” ma semplicemente un posto insolito, paragonabile ad una grande salina naturale.

Flora

Il colore del lago è caratteristico di quelli dove si verificano tassi di evaporazione molto elevati . Quando l’acqua evapora durante la stagione secca, i livelli di salinità aumentano al punto che i microrganismi amanti del sale iniziano a prosperare. Tali organismi alofili includono alcuni cianobatteri che producono il proprio cibo con la fotosintesi come fanno le piante. Il pigmento fotosintetico accessorio rosso nei cianobatteri produce i rossi profondi delle acque aperte del lago e i colori arancioni delle parti poco profonde del lago. Anche la crosta di sale alcalino sulla superficie del lago è spesso colorata di rosso o rosa dai microrganismi amanti del sale che vi abitano. Le paludi salate e le zone umide d’acqua dolce attorno ai bordi del lago supportano una varietà di piante.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Minacce e conservazione

 

L’area intorno al lago salato non è abitata ma c’è qualche pastorizia e qualche coltivazione stagionale. Le minacce all’equilibrio della salinità dovute all’aumento degli afflussi di interramento proverranno da un maggiore disboscamento previsto nei bacini idrografici di Natron e da una prevista centrale idroelettrica sull’Ewaso Nyiro oltre il confine in Kenya . Sebbene i piani di sviluppo includano la costruzione di una diga all’estremità nord del lago per contenere l’acqua dolce, la minaccia di diluizione di questo terreno fertile potrebbe essere ancora grave. Non c’è protezione formale.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Una nuova minaccia per il lago Natron è la proposta di sviluppo di una pianta di carbonato di sodio sulle sue sponde. L’impianto pomperebbe l’acqua dal lago ed estrarrebbe il carbonato di sodio da convertire in detersivo per l’esportazione. Ad accompagnare l’impianto ci sarebbero alloggi per oltre 1000 lavoratori e una centrale elettrica a carbone per fornire energia al complesso dell’impianto. Inoltre, esiste la possibilità che gli sviluppatori introducano un gambero di salamoia ibrido per aumentare l’efficienza dell’estrazione.

Secondo Chris Magin, ufficiale internazionale dell’RSPB per l’Africa, “Le possibilità che i fenicotteri minori continuino a riprodursi di fronte a tale caos sono prossime allo zero. Questo sviluppo lascerà i fenicotteri minori nell’Africa orientale a rischiare l’estinzione”. Il settantacinque per cento dei fenicotteri minori del mondo nasce sul lago Natron. [5] Attualmente un gruppo di oltre cinquanta istituzioni ambientali e di conservazione dell’Africa orientale sta conducendo una campagna mondiale per fermare la costruzione pianificata della fabbrica di carbonato di sodio da parte della Tata Chemicals Ltd di Mumbai, in India, e della National Development Corporation della Tanzania. Il gruppo che lavora sotto il nome ombrello Lake Natron Consultative Group è coordinato da Ken Mwathe, Conservation Program Manager presso BirdLife International Segreteria dell’Africa.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Come da comunicazione del giugno 2008, Tata Chemicals non procederà con il progetto Natron e un ulteriore riesame di tale progetto sarà soggetto al piano Ramsar Wetlands, attualmente in fase di preparazione. [6] A causa della sua biodiversità unica, il 4 luglio 2001 la Tanzania ha inserito il bacino del lago Natron nella lista di Ramsar delle zone umide di importanza internazionale . Il lago è anche l’ ecoregione alofita dell’Africa orientale del World Wildlife Fund.

Visitare l’area

Ci sono numerosi campeggi vicino al lago, che è anche la base per l’arrampicata sull’Ol Doinyo Lengai . Il lago Natron ha immensi potenziali di attrazione turistica che sono importanti per lo sviluppo dell’ecoturismo . Tuttavia, la mancanza di un piano di gestione generale, i finanziamenti inadeguati a livello operativo, la mancanza di meccanismi per garantire un’equa distribuzione dei benefici dell’ecoturismo e le strutture turistiche poco sviluppate per supportare diversi segmenti di turisti sono state identificate come le principali sfide associate alla gestione dell’ecoturismo sul territorio. Il lago è accessibile anche da Shompole Conservancy Kenya. [7]

Riferimenti

  1.  “Africa orientale: Tanzania settentrionale, al confine con il Kenya”Fondo mondiale per la fauna selvatica.
  2. ^Salta su:b “Bacino del Lago Natron”Servizio informazioni siti Ramsar . Estratto il 25 aprile 2018.
  3. ^ “Alkaline Environments”, scritto da WD Grant e BE Jones, in Encyclopedia of Microbiology , redattore capo Joshua S. Lederberg, Academic Press, 2010, pagina 129, ultimo accesso 24 novembre 2014
  4. ^ Swancer, Brent (20 aprile 2015). “Il bizzarro lago Medusa d’Africa” ​​. Estratto 1 giugno 2019 .
  5. ^ Billlock, Jennifer (14 giugno 2016). “Il lago mortale dove nascono il 75 percento dei fenicotteri minori del mondo” . Smithsoniano . Estratto il 17 giugno 2016 .
  6. “Dichiarazione di posizione sul progetto Lake Natron” (PDF) . Tata prodotti chimici. 13 giugno 2008 Archiviato dall’originale (PDF) il 5 ottobre 2013 Estratto il 7 ottobre 2013 .
  7. ^ Shoo, Rehema Abeli ​​(2020), “Ecotourism Potential and Challenges at Lake Natron Ramsar Site, Tanzania”, Protected Areas in Northern Tanzania , Geotechnologies and the Environment, Springer International Publishing, vol. 22, pp. 75–90, doi : 10.1007/978-3-030-43302-4_6 , ISBN 978-3-030-43301-7

Fonti:

- Prosegue dopo la pubblicità -

https://www.nbcnews.com/science/bird-mummies-natron-lakes-toxic-waters-petrify-animals-fall-8C11322626

https://en.wikipedia.org/wiki/Lake_Natron

https://africacheck.org/fact-checks/meta-programme-fact-checks/tanzanias-lake-natron-not-deadliest-place-animals-and-bodies

https://www.nickbrandt.com/

- Prosegue dopo la pubblicità -

https://en.wikipedia.org/wiki/Natron#Decline_in_use

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.