La scoperta del primo ocelot albino al mondo allerta gli scienziati in Colombia: ecco perché non è un buona notizia – foto e video

Il primo esemplare conosciuto al mondo di ocelot albino, un tipo di felino selvatico, è stato osservato Medellin Conservation Park, in Colombia:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“È passato un anno dall’arrivo del felino albino… salvato dalle autorità ambientali del comune di Amalfi”, ha spiegato il direttore del Parco Jorge Aubad. “A causa della sua condizione di albinismo, [egli] non poteva sopravvivere nel suo ambiente naturale, infatti oltre alla cecità totale, presentava gravi problemi respiratori”. Il filmato mostra il gatto selvatico, che ha il pelo bianco e gli occhi rossi, mentre si aggira nel suo recinto, modellato sul suo habitat naturale. I visitatori sono anche visti guardare attraverso il vetro e scattare foto. La creatura è stata trasferita nella struttura per essere curata e sta bene, pesa circa 12,8 kg e segue una dieta a base di carne rossa e pollo, tuttavia la sua esistenza ha preoccupato alcuni esperti. Ecco cosa l’ha portata al parco un anno fa, quasi morta a causa del suo insolito colore bianco, conseguenza di una malattia che, secondo gli esperti, è indice del degrado delle foreste native di Antiochia:

- Prosegue dopo la pubblicità -

I suoi allevatori ora sanno che è un ocelot, uno dei gatti selvatici della Colombia, come il giaguaro, il puma, il margay e il jaguarundi. Ma identificarla è stato difficile, perché di solito le dimensioni del corpo e il colore del pelo vengono utilizzati a tal fine. Quando è stata trovata, le sue piccole dimensioni suggerivano che fosse un gatto; quando è cresciuta, hanno sospettato che fosse un giaguarundi. Infine, dopo una serie di studi nei laboratori dell’Università di Antioquia e della Polizia Nazionale è stata identificata come un leopardo pardalis o ocelot. Così, poche settimane fa, è passata dall’essere “la felina albina” a essere “l’ocelot albino”, afferma Jorge Londoño, portavoce del parco. Attualmente, il felino pesa quasi 28 chili, quando il 23 dicembre 2021 è arrivata pesando meno di uno. Mangia incessantemente, tanto che i suoi custodi hanno dovuto ridurre la sua dieta da 2 a 1,5 chili di carne al giorno. Ama la carne, soprattutto il sanguinaccio di pollo, e ha un debole per l’odore di lavanda che la sua etologa, Elisa Madrigal, usa per stimolarla. Il parco mantiene segreto il suo nome per impedire ai visitatori di chiamarla e confonderla:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il felino si è presentato nel novembre 2021 a Cañón del Mata, un’area boschiva ad Amalfi (a nord-est di Antioquia). Un bambino si è preso cura di lei per alcuni giorni, fino a quando l’ufficio del sindaco ha notificato alla Corporazione Autonoma Regionale di Antioquia Centrale (Corantioquia). L’organizzazione, preposta alla tutela della biodiversità, l’ha salvata da una morte quasi certa: era denutrita e aveva problemi digestivi e respiratori. Il suo colore bianco e la visibile irrigazione di sangue nelle sue iridi, che rende i suoi occhi rossi, erano la prova dell’assenza di melamina. Cioè, albinismo:

Perché la presenza di felini selvatici albini preoccupa gli esperti:

Gli scienziati ritengono che la madre abbia abbandonato il suo cucciolo bianco per proteggere i fratelli sani, che sono stati esposti nella tana quando la madre è andata a caccia. Il colore bianco potrebbe averli resi facili prede per un gufo, un falco o un’aquila. Inoltre, la cecità rendeva difficile l’allattamento. L’istinto materno potrebbe aver dato la priorità alla protezione dei gattini sani. La biologa Catalina Díaz Vasco afferma in un’intervista telefonica che la scoperta ha generato in lei sentimenti contrastanti. La “curiosità scientifica” la rende felice di poter lavorare con un esemplare unico: sa che la ricerca su questo ocelot aiuterà chi è interessato a studiare le mutazioni genetiche rare nei felini. Sente anche un legame emotivo. “Ci prendiamo molta cura di lei”, osserva. Tuttavia, sa che l’animale ha sofferto e che la sua presenza non parla bene dello stato delle foreste di Antioquia. “Diverse pubblicazioni avranno un tono celebrativo, ma non c’è bisogno di essere felici che esista“, sottolinea.

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’ocelot albino è la prova di alti livelli di consanguineità nella popolazione in cui abita, e questo genera la preoccupazione che la specie possa scomparire localmente, pur non essendo classificata a livello globale come gravemente minacciata. Díaz spiega che l’albinismo è una mutazione recessiva che si attiva solo quando entrambi i genitori sono portatori del gene; non è normale che due portatori corrispondano, a meno che non vivano all’interno di piccole popolazioni.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ana Cristina Fernández, una biologa di Corantioquia, sottolinea che è possibile anche la precedente esistenza di altri ocelot albini. “Il gene che produce l’albinismo circola da chissà quanto tempo“, dice. Altri esemplari probabilmente sono morti prima di essere trovati, probabilmente perché possono vivere solo poche settimane in un ambiente ostile.

I felini si trovano in una situazione vulnerabile perché l’attività umana è aumentata nell’area in cui vivono. Secondo un rapporto dell’Antioquia Forest Observatory, tra il 2000 e il 2019 ad Antioquia sono andati perduti circa 490.000 ettari di foresta. esemplari geneticamente più diversi. Díaz afferma che la frammentazione è un problema serio, nonostante il comune di Amalfi abbia ancora foreste di buona qualità. “È più importante avere piccoli appezzamenti di foresta ben collegati piuttosto che un’area più ampia ma isolata“, spiega. Il piano per invertire questa situazione prevede il rimboschimento di alcune aree e la firma di accordi con i proprietari delle aziende agricole che si impegnano a preservare le fasce di vegetazione esistenti. Per Díaz è importante che gli ocelot non scompaiano perché sono essenziali per mantenere le foreste, che a loro volta forniscono servizi essenziali per l’attività umana. Lo scienziato li descrive come parti di un macchinario:

- Prosegue dopo la pubblicità -

 L’ecosistema in cui vivono questi animali fornisce acqua pulita e protegge dall’erosione del suolo. Ma affinché ci dia tutto questo, deve essere sano e ha bisogno di tutte le sue parti. Se gli ocelot non ci sono, gli erbivori che mangiano sfrutteranno eccessivamente la foresta”. Per ora, l’ocelot albino è salvo e motivo di orgoglio per il Conservation Park. “È viziata perché è un simbolo di salvataggio e riparo, recupero e resilienza“, afferma il portavoce Jorge Londoño. Ed è vero:

- Prosegue dopo la pubblicità -

l’agilità con cui si muove contrasta con l’animaletto malato che è stato ritrovato ad Amalfi. È molto ben curata, con un medico a disposizione 24 ore su 24 e un nutrizionista. Inoltre, non spreca energia cacciando o allevando cuccioli. Ecco perché gli ocelot in cattività possono vivere fino a 21 anni, rispetto ai 7 o 9 di quelli che rimangono allo stato brado. Ma il caso lascia diverse domande senza risposta. La mutazione genetica di solito si accompagna ad altre gravi come deformità cardiache o problemi renali. Finora non si sono manifestati in lei, ma non ci sono certezze sulla sua aspettativa di vita. A tal proposito, riportiamo qui sotto i link ad alcuni video diffusi sul web:

- Prosegue dopo la pubblicità -

#ocelot #albino #felini #albinismo

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.