domenica, Maggio 26, 2024
Home Scienza Paleontologia Scoperto il fossile di quello che potrebbe essere il rettile marino più...

Scoperto il fossile di quello che potrebbe essere il rettile marino più grande mai esistito: le dimensioni simili a quelle di una balenottera

Un’enorme mascella fossile trovata da una coppia di collezionisti di fossili – padre e figlia – su una spiaggia nel Somerset (lungo la costa inglese) apparteneva a una nuova specie che rappresenta probabilmente il più grande rettile marino conosciuto che abbia mai nuotato negli oceani della Terra. La specie appartiene al genere degli ittiosauri, rettili marini vissuti sino a circa 90 milioni di anni fa, nel Mesozoico. Gli scienziati considerano la balenottera azzurra, che raggiunge i 33,5 metri di lunghezza, il più grande animale conosciuto mai esistito sul pianeta. Ma è possibile che questo antico rettile di 202 milioni di anni possa rivaleggiare con il cetaceo moderno in termini di dimensioni:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Alla scoperta di un ittiosauro sconosciuto:

- Prosegue dopo la pubblicità - ---- Comunicazione di servizio di GloboChannel.com ---- l'articolo prosegue più sotto ----- ---- Fine comunicazione di servizio di GloboChannel.com ---- l'articolo prosegue qui sotto -----

La mascella dell’ittiosauro, o surangolare, era un osso lungo e ricurvo nella parte superiore della mascella inferiore, appena dietro i denti, e misurava più di 2 metri di lunghezza. I ricercatori ritengono che la creatura, chiamata Ichthyotitan severnensis, o “lucertola gigante del Severn” in latino, fosse lunga più di 82 piedi (25 metri), o la lunghezza di due autobus urbani. Incoraggiati dal pensiero che il ritrovamento fossile potesse essere significativo, i Reynolds contattarono il dottor Dean Lomax, paleontologo dell’Università di Manchester e ricercatore presso l’Università di Bristol nel Regno Unito. Esperto di ittiosauri, Lomax ha nominato diverse specie nuove per la scienza negli ultimi anni. Incuriosito dal fossile, Lomax contattò il collezionista di fossili Paul de la Salle, che aveva trovato una mascella gigante di ittiosauro che sembrava notevolmente simile nel maggio 2016. De la Salle scoprì la prima mascella a circa 10 chilometri dal Devon lungo la costa a Lilstock. Lomax, che è stato l’autore principale del nuovo rapporto, e il coautore de la Salle avevano studiato insieme il ritrovamento precedente e avevano scritto un articolo sulla scoperta nell’aprile 2018 , sospettando che potesse appartenere a una specie di ittiosauro precedentemente sconosciuta. Ma i ricercatori avevano bisogno di ulteriori prove e una seconda mascella quasi identica offriva l’opportunità di confermare potenzialmente una nuova specie.

“Pensare che la mia scoperta nel 2016 possa suscitare così tanto interesse per queste enormi creature mi riempie di gioia”, ha detto de la Salle. “Quando ho trovato la prima mascella, sapevo che era qualcosa di speciale. Avere un secondo che conferma le nostre scoperte è incredibile. Sono felicissimo.” Insieme, i Reynolds, Lomax, de la Salle e altri tornarono a Blue Anchor per cercare ulteriori frammenti. Il team ha recuperato altri pezzi che si incastrano perfettamente, come se completassero un puzzle. “Quando Ruby e io abbiamo trovato i primi due pezzi eravamo molto emozionati perché ci siamo resi conto che si trattava di qualcosa di importante e insolito“, ha detto Justin Reynolds in una nota. “Quando ho trovato la parte posteriore della mascella, ero entusiasta perché quella è una delle parti determinanti della precedente scoperta di Paul.” I ricercatori hanno rimontato la mascella entro ottobre 2022. “Sono rimasto stupito dalla scoperta“, ha detto Lomax in una nota. “Nel 2018, il mio team (compreso Paul de la Salle) ha studiato e descritto la mascella gigante di Paul e speravamo che un giorno ne venisse alla luce un’altra. Questo nuovo esemplare è più completo, meglio conservato e mostra che ora abbiamo due di queste ossa giganti – chiamate surangolari – che hanno una forma e una struttura uniche. Ero molto emozionato, per usare un eufemismo”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Mettere insieme un ittiosauro gigante:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le ossa risalgono alla fine del periodo Triassico, durante un periodo noto come Retico, quando gli ittiosauri nuotavano negli oceani e i dinosauri regnavano sulla terra. La mascella appena scoperta è un esemplare di qualità migliore rispetto al primo, che mostra le caratteristiche del surangolare della creatura che la rendono distinta dalle altre specie, ha detto Lomax. Le mascelle del severnensis risalgono a circa 13 milioni di anni fa, fossili di ittiosauri giganti appartenenti a specie diverse precedentemente rinvenuti in Canada e Cina. Gli ittiosauri, che somigliavano leggermente ai delfini moderni, apparvero per la prima volta circa 250 milioni di anni fa. Nel corso del tempo, alcuni di loro si sono evoluti fino ad avere dimensioni corporee più grandi e, 202 milioni di anni fa, i titani oceanici come i severnensis erano probabilmente i più grandi rettili marini. Ma gli scienziati ritengono che gli ittiosauri giganti siano scomparsi durante un evento di acidificazione dell’oceano avvenuto circa 200 milioni di anni fa, e che gli ittiosauri sopravvissuti non siano mai cresciuti fino a raggiungere dimensioni così gigantesche prima di scomparire 94 milioni di anni fa. I ricercatori hanno sottolineato che sono necessarie ulteriori prove per confermare l’esatta dimensione del severnensis e rimangono fiduciosi che in futuro si possa scoprire un cranio o uno scheletro completo, ha detto Lomax. Il coautore Perillo (dell’Università di Bonn) ha studiato l’istologia, o anatomia microscopica, delle ossa dell’ittiosauro e ha scoperto che il rettile probabilmente stava ancora crescendo al momento della sua morte, il che significa che un severnensis adulto potrebbe essere stato più grande di una balenottera azzurra.

- Prosegue dopo la pubblicità -
La mascella gigante quasi completa è mostrata insieme alla mascella (centrale e inferiore) trovata da Paul de la Salle nel 2016.

Scoprire la storia dei rettili marini è fondamentale per comprendere gli antichi ecosistemi oceanici perché le creature riempivano varie nicchie e modellavano le catene alimentari oceaniche, ha detto Perillo, creando competizione e una “spirale infinita di evoluzione”. “Da loro possiamo capire come le leggi evolutive hanno modellato la vita, cosa ha portato la vita ad essere quello che è ora”, ha detto. “Possiamo capire come i cambiamenti nell’ambiente si ripercuotono sulle comunità ecologiche e prevedere i futuri sviluppi ecologici nel nostro ambiente attuale”.

Il futuro della paleontologia

La paleontologa Mary Anning e suo fratello maggiore, Joseph, scoprirono i primi fossili di ittiosauro conosciuti nel 1811 e nel 1812, decenni prima che la parola dinosauro facesse parte del nostro lessico. Da allora sono stati identificati in tutto il mondo fossili appartenenti a più di 100 specie di ittiosauri.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Un'illustrazione raffigura una carcassa di Ichthyotitan severnensis spiaggiata.

 

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

Lo studio scientifico consultabile online al seguente indirizzo:

- Prosegue dopo la pubblicità -

https://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0300289

Info su:

https://en.wikipedia.org/wiki/Ichthyotitan

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte:

https://edition.cnn.com/2024/04/17/world/giant-ichthyosaur-fossil-species-discovery-scn/index.html

#paleontologia #ittiosauro #dinosauri #rettilimarini #fossile #Ichthyotitansevernensis

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.
Share via
error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.
Send this to a friend