In Italia nata la stampante 3D per costruire case a km0 con l’argilla locale

News Tecnologia

wasp-big-deltaWASP ce l’ha fatta! La stampante 3D per realizzare case in argilla è realtà. L’ha realizzata l’azienda ravennate Wasp.  BigDelta, questo il nome dell’hardware – alta 12 metri è “la più grande al mondo”, spiegano i suoi ideatori – sarà presentata in un raduno di 3 giorni dal 18 settembre a Massa Lombarda.  Sostenibilitàautoproduzione, condivisione  le tre parole chiave del fondatore Massimo Moretti. Un primo video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Utilizzare la stampante 3d per la costruzione di edifici, riduce di molto i costi di trasporto e diminuisce notevolmente lo spreco di materiale, i rifiuti da smaltire risultano quindi di un numero considerevolmente inferiore. La stampante è in grado di trasformare la terra locale (argilla) in case. Una vera rivoluzione, soprattutto se si considera che molte famiglie nel mondo non possono permettersi di costruirsi una casa.stampante-case-3D

- Prosegue dopo la pubblicità -

Già nel 2013 si parlava dell’ambizioso progetto nell’Incubator di Città della Scienza Paolo Cascone di COdesignLab in collaborazione con Urban fablab e Massimo Moretti di WASP. L’idea di costruire una stampante che si adatti alle esigenze di chiunque non è più un’utopia grazie anche ai nuovi makers che progettano in questo campo. Massimo Moretti da circa 20 anni lavora al WASProject: il termine WASP inglese che indica la “vespa vasaia”, questo piccolo insetto costruisce il nido depositando piccole porzioni di terra bagnata le une sulle altre, per poi compattarle con le mandibole e le zampe. Perché non prendere spunto dalla natura per costruire una casa (il nostro nido) con una stampante 3D? Video:

L’obiettivo è fornire alloggi a prezzi contenuti, sostanzialmente a costo zero e a bassissimo impatto. Il tutto – spiegano da Wasp – in una visione più estesa che guarda al modello della ‘Makereconomy’.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il sito ufficiale del progetto WASP: www.wasproject.it