Press "Enter" to skip to content

Il mistico indiano Prahlad Jani: “non bevo e non mangio dal 1940” – VIDEO

Prahlad-Jani,Un mistico locale Indiano, Prahlad Jani, sostiene di essere a digiuno dal 1940. Stando a quello che dichiara egli stesso, l’uomo ha dichiarato più volte che non mangia e non beve dall’età di 8 anni, cioè da quando sarebbe stato graziato da una divinità Indiana. Il suo continuo stato di meditazione non lo ha nemmeno influenzato psicologicamente: dalle analisi si evince anche che il suo cervello è in perfetta salute. Pare che una spiegazione scientifica possa esserci, ovvero che Prahlad Jani utilizzi una tecnica Yoga in grado di comandare alla sua vescica per riportare indietro la sua urina anzichè espellerla in modo tale da non aver bisogno di bere. Tuttavia non sembra plausibile che un uomo possa sopravvivere ad anni di digiuno e i dubbi sulle analisi effettuate a livello locale persistono. Un video dal web che riporta un servizio del noto programma televisivo italiano Voyager (2010):

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Due studi di osservazione sono stati condotti su Jani, uno nel 2003 e uno nel 2010, coinvolgendo in ambedue i casi il Dottor Sudhir Shah, neurologo presso l’Ospedale Sterling di Ahmedabad, in India, che studia le persone che hanno apparentemente abilità spirituali eccezionali. Nel 2010, lo studio è stato supervisionato dal Dottor G Ilavazhagan dell’Indian Defence Institute of Phisiology and Allied Sciences (DIPAS), un’ala dell’organizzazione di ricerca e sviluppo della difesa. In entrambi i casi i ricercatori, a dispetto di ogni legge biologica hanno confermato la capacità di Jani di sopravvivere sano senza cibo e acqua durante i periodi di osservazione, anche se nessuna delle indagini condotte da Shah riguardo a questo argomento è stata mai pubblicata e/o discussa su una rivista scientifica. Quando è stato interrogato durante i primi sei giorni dell’ esperimento 2010, il portavoce DRDO ha annunciato che i risultati dello studio sarebbero “riservati”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Lo scopo dello studio, durato 10 giorni nel 2003 e 15 nel 2010, consisteva nel cercare di capire come fosse possibile per un essere umano vivere senza alimentazione, con la finalità di estendere queste conoscenze e capacità, una volta eventualmente apprese, in campo militare e spaziale.Prahlad-Jani

Test del 2003:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel 2003, Sudhir Shah e gli altri medici dello Sterling Hospital di Ahmedabad (India) hanno voluto osservare e studiare Jani per dieci giorni. Ha dormito in una stanza sigillata e gli sono stati forniti 100 ml d’acqua da utilizzare come collutorio ogni giorno. I medici dichiarano che l’asceta non ha né urinato, né defecato durante il periodo di osservazione, ma che all’interno della sua vescica si è formata dell’urina. Un portavoce dell’ospedale ha detto che Jani è fisicamente normale, ma ha osservato anche che ha un buco nel palato, il che è una condizione anomala (buco attraverso cui Jani sostiene di essere nutrito dalla Dea Madre). Il fatto che il peso di Jani sia calato un po’ di peso durante i 10 giorni ha gettato qualche dubbio sulla sua pretesa di poter vivere all’infinito senza cibo.

Test del 2010:

Dal 22 aprile al 6 maggio 2010, Prahlad Jani è stato nuovamente osservato e testato da Sudhir Shah e da un team di 35 ricercatori dell’ Indian Defence Institute of Physiology and Allied Sciences (DIPAS). Il direttore di DIPAS ha dichiarato che i risultati delle osservazioni potrebbero offrire “un enorme vantaggio all’umanità”, così come a “soldati, vittime di calamità e astronauti”, e tutti coloro che possono devono sopravvivere senza cibo o acqua per lunghi periodi. I test sono stati ancora una volta condotti allo Sterling Hospital. Il professor Anil Gupta di SRISTI, coinvolto nel monitoraggio delle prove, ha descritto il team come “incuriosito” dal processo attraverso cui Jani sembra controllare le funzioni fisiologiche del suo corpo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Dopo quindici giorni di osservazione durante il quale Prahlad Jani non avrebbe mangiato, bevuto o evacuato, tutti i test medici lo hanno segnalato come normale e in perfetta salute ed i ricercatori lo descrivono come un essere in migliore salute rispetto ai suoi coetanei. Basandosi sui livelli di leptina e grelina misurati su Jani, due ormoni dell’appetito-correlati fra loro, i ricercatori del DRDO concludono che Jani può essere la dimostrazione di una forma estrema di adattamento a restrizioni di fame e acqua.

La valenza non scientifica dei test di Sudhir Shah:

La comunità scientifica ritiene privi di valore tali studi osservando che, anche se le persone possono sopravvivere per giorni senza cibo e acqua, è impossibile che lo facciano per anni. I test condotti da Shah infatti non erano rigorosi e l’asceta non era sempre controllato 24 ore su 24 ed è quindi plausibile che abbia mangiato e bevuto quando non osservato.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il Dr. Michael Van Rooyen, direttore della Harvard Humanitarian Initiative, ha respinto i risultati dell’osservazione come “impossibili”, osservando che i corpi di persone profondamente malnutriti consumano rapidamente le risorse del proprio corpo, con conseguente insufficienza epatica, tachicardia e tensioni cardiache. Un portavoce della American Dietetic Association ha osservato che il corpo umano potrebbe sopravvivere con sola acqua, anche se non sano, ma senza aspettarsi che assimili vitamine e minerali senza l’ingestione di cibo. Anche il nutrizionista ricercatore Peter Clifton nega ogni valenza ai risultati dello studio. Ha accusato il gruppo di ricerca di “imbrogliare”, consentendo a Jani di fare i gargarismi e fare il bagno, affermando che un uomo di peso medio, sarebbe morto dopo “15 – 20 giorni” senza acqua. “Le persone che si astengono da cibo e acqua per emulare delle figure mistiche spesso muoiono”[16]. Sanal Edamaruku classifica l’esperimento come una farsa per consentire a Jani di emergere sotto l’occhio delle telecamere della CCTV, affermando che le riprese video mostravano che a Jani è stato permesso di ricevere devoti e di lasciare la stanza sigillata di prova per prendere il sole. Edamaruku ha anche dichiarato che le attività di balneazione e gargarismi non sono state sufficientemente controllate, e che gli è stato negato l’accesso al sito in cui sono state condotte le prove sia nel 2003, che nel 2010. Egli accusa Jani di di avere “protettori influenti” responsabili del rifiuto verso di lui di prendere visione al progetto durante gli esperimenti, pur essendo stati invitati a partecipare al test durante una trasmissione televisiva in diretta. È da segnalare che l’Indian Rationalist Association ha denunciato il caso come una bufala, affermando che durante i test i devoti di Jani gli avrebbero fornito piccole quantità di cibo di nascosto.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Come riportato da DNA, nel settembre 2010 medici provenienti da Austria e Germania si sono offerti di mettere Jani sotto controllo medico, ancora una volta per valutare le sue capacità. “Anche scienziati dagli Usa si sono offerti di venire e partecipare alla ricerca.”, ha dichiarato il dottor Sudhir Shah.

Quando successivamente intervistato da DNA, Jani ha detto che sarebbe disposto a collaborare per ulteriori indagini.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.