La NASA osserva il pianeta più oscuro

Gli astronomi hanno scoperto il pianeta extrasolare più “buio”, più nero del carbone e comunque più oscuro di qualsiasi pianeta o satellite nel nostro sistema solare. Conosciuto con il nome di “TrES-2b”, simile a Giove per aspetto e dimensioni, il gigante gassoso riflette meno dell’uno per cento della luce solare che cade su di esso. Per osservare il pianeta, gli scienziati della NASA hanno usato la navicella “Kepler”. TrES-2b, era stato già scoperto nel 2006 dal Trans-Atlantic Survey Exoplanet, TrES, manca di nuvole riflettenti a causa della sua alta temperatura e ruota intorno alla sua stella a una distanza di soli tre milioni di miglia. L’intensa luce della stella riscalda TrES-2b ad una temperatura di oltre 1.800 gradi Fahrenheit. I ricercatori pensano che la carenza del riflesso di luce potrebbe derivare dal fatto che l’atmosfera del pianeta assorba sostanze chimiche come il sodio vaporizzato e ossido di titanio di potassio e altre sostanze di natura gassosa. Eppure, in realtà, nessuna di queste sostanze chimiche potrebbe completamente spiegare l’oscurità estrema di TrES-2b.

“Non è chiaro quello come questo pianeta sia così straordinariamente oscuro”, ha dichiarato il co-autore della ricerca, David Spiegel, dell’Università di Princeton. “Tuttavia, non è completamente nero come la pece. E ‘così caldo che emette un debole bagliore rosso, molto simile a un tizzone ardente”, ha aggiunto. Sembra che TrES-2b abbia una rotazione sincrona, come la nostra Luna, quindi con un lato del pianeta sempre rivolto alla stella. E come la nostra Luna, il pianeta mostra fasi di cambiamento in quanto orbita intorno alla sua stella. Questo fa sì che la luminosità totale della stella possa variare leggermente.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Unendo la precisione impressionante da Keplero con le osservazioni di oltre 50 orbite, abbiamo rilevato la più piccola in assoluto variazione di luminosità conosciuta in un pianeta extrasolare: a soli 6 parti per milione”, afferma Kipping. “In altre parole, Keplero è in grado di rilevare direttamente la luce visibile proveniente dal pianeta stesso.” TrES-2b orbita intorno alla stella GSC 03549-02811, che si trova a circa 750 anni luce di distanza in direzione della costellazione del Dragone.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.