Scienziati scoprono “ammortizzatore umano” nell’elastina

La scoperta è quella della parte precedentemente sconosciuta della molecola che sarà applicata al lavoro dei ricercatori nella progettazione di versioni migliorate di un vaso sanguigno umano e per la riparazione del danno cutaneo, come le bruciature. La ricerca può essere applicata al trattamento di malattie cardiovascolari e enfisema. I risultati sono pubblicati nell’edizione di oggi dei Proceedings della National Academy of Sciences USA (PNAS). “Questa scoperta emozionante risponde al mistero di come i nostri corpi accolgono il nostro tessuto vivente senza che sia fatto a brandelli dalla sua interazione con le parti in movimento”, afferma il professor Tony Weiss, presso l’Università della School of Bioscience Molecolare , che guida e coordina il team di ricerca. Il team ha sezionato una parte fondamentale della molecola in elastina, la proteina che mantiene i tessuti come la pelle, polmoni e vasi sanguigni elastici durante i processi normali, come il movimento del corpo, la respirazione e la circolazione sanguigna. Utilizzando una potente combinazione di fasci di raggi X sincronizzati e gli strumenti di sintesi per l’elastina, il team ha scoperto che gli esseri l’elastina degli esseri umani contiene un ponte molecolare o un ammortizzatore. “Questo piccolo ammortizzatore si collega perfettamente nelle parti molecolari: una parte è dedicata alla elasticità e un’altra parte dedicata al tessuto vivente vincolante”, ha detto il professor Weiss. “Si esegue la stessa funzione per gli esseri umani a livello molecolare come gli ammortizzatori farebbero con una macchina, possiamo godere di una guida fluida, perché mantengono il corpo della vettura evitando che questa sia violentemente scossa dal movimento delle ruote.” La squadra ora ha informazioni sufficienti per cambiare solo un miliardesimo di un metro del ponte molecolare, il che porterebbe a cambiamenti drammatici per l’elastina. La proteina anomala ha prodotto un elastina che sembra e si comporti diversamente all’elastina normale. “Questa scoperta andrà a beneficio del nostro lavoro sulla progettazione di vasi sanguigni artificiali che utilizzano repliche di elastina umana, per riparare e sostituire i vasi sanguigni umani, con implicazioni per il trattamento delle malattie cardiovascolari”, ha detto il professor Weiss. “In futuro potrà avere applicazioni nel trattamento dell’enfisema, che è causato dalla distruzione di elastina nel polmone”. La ricerca è stata condotta nell’ambito del nuovo centro dell’Università che mira a ridurre l’impatto personale e sociale di obesità, diabete e malattie cardiovascolari in tutto il mondo trasformando il modo di mangiare, vivere e lavorare. Il fatto che il team sia composto da eminenti ricercatori di Australia, Regno Unito e Europa, con accesso a una varietà di squisiti strumenti hi-tech, significa che la ricerca può sfruttare il loro contributo collettivo. “Una parte importante di questo lavoro straordinario è stato fatto anche da Giselle Yeo, studentessa superba nel mio laboratorio”, ha precisato il professor Weiss.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.