Scoperto il più antico organismo con scheletro completo


Si chiama Coronacollina Acula e la sua scoperta permette di comprendere meglio l’evoluzione della vita: in particolare, i primi anni di vita sul pianeta, perché gli animali si estinguono, e come organismi rispondono ai cambiamenti ambientali. Potrebbe anche aiutare gli scienziati a riconoscere la vita altrove, nell’universo. La creatura fa parte della cosiddetta “Fauna di Ediacara”, dal nome della località di Ediacara Hills nel South Australia, che va dai 630 ai 542 milioni di anni fa, ovvero nel periodo Cambriano, caratterizzato da una rapida diversificazione delle forme di vita sulla Terra così come la nascita di organismi mineralizzati, va 542-488 milioni di anni fa. I migliori campioni di Coronacollina mostrano il corpo principale con spicole articolate. I campioni provengono da diverse località del campo. Guardiamo questa immagine per osservare al meglio i risultati della ricerca, le frecce indicano il corpo principale della Coronacollina:

- Prosegue dopo la pubblicità -

A, C, D ed E sono fotografie di impronte fossili nella roccia. B e F sono calchi in lattice che rivelano la forma effettiva di come fossili sarebbero stati in vita, dopo la compressione. “Sino ad ora si era capito che gli animali del Cambriano avevano un corpo morbido e non avevano parti dure”, afferma Mary Droser, professore di geologia presso la University of California, Riverside, il cui team di ricerca ha fatto la scoperta nel Sud Australia. “Ma ora abbiamo un organismo con le singole parti del corpo scheletrico che appare prima del Cambriano è quindi il più antico animale con parti dure. Sarebbero stati supporti strutturali essenziali. Si tratta di un’innovazione importante per gli animali.” Coronacollina Acula risulta una depressione nella roccia fossile che parte da pochi millimetri a 2 centimetri di profondità. Ma poiché le rocce diventano compatte nel tempo, l’organismo avrebbe potuto essere più grande di come si presenta nella roccia fossile, grande forse 3 o 5 centimetri. In particolare, è costruito nello stesso delle spugne marine dell’epoca. “Si prevede quindi che ci sia un nesso tra i due intervalli di tempo”, ha detto Droser. “Questo è tremendamente eccitante perché è la prima apparizione di una delle novità più importanti dell’evoluzione animale.” Secondo Droser, la comparsa di Coronacollina Acula segnala che l’avvio di scheletri non fu così improvvisa nel Cambriano, come si pensava, e che gli animali della Fauna di Ediacara facevano già parte della linea evolutiva che conosciamo. “Il destino dei primi animali Ediacara è stato oggetto di dibattito, con molti suggerendo che tutti si estinsero poco prima del Cambriano”, ha detto. “La nostra scoperta dimostra che non è vero.” I ricercatori hanno fanno notare che Coronacollina Acula viveva sul fondo del mare. Il suo corpo era a forma di ditale ed era provvisto di aghi sui quali molto probabilmente si manteneva e che potevano essere lunghi dai 20 ai 40 centimetri. I ricercatori ritengono che si nutrisse di spugne e che fosse incapace di locomozione. Come si riproducesse rimane invece un mistero. Coronacollina Acula è così chiamato perché si traduce come “piccola collina bordata con gli aghi” (corona – cerchio o corona; collis – colle; Acula – ago). Il nome descrive la morfologia del microrganismo fossile, e, in particolare, le sue due componenti: la il corpo troncoconico che appare nei fossili come un piccolo pozzo, e le lunghe spicole fragili, che compaiono nei fossili come sottili scanalature. I fossili di Ediacara mostrano spesso l’impronta di tutto il corpo dell’organismo. Con Coronacollina Acula , tuttavia, parti scheletriche sono sparite. “Se hai in possesso delle parti molli del corpo insieme, poi, mentre queste si deteriorano, si perdono i pezzi dello scheletro”, ha spiegato Droser. “Questo è il motivo per cui è raro trovare due conchiglie fossili insieme.” Precisando che “molti di loro vivere insieme.” Il team di ricerca ha iniziato questa ricerca come progetto di tesi di master nel laboratorio di Droser. Clites Erica, ora un tecnico di scienza fisica al Glen Canyon Recreation National Area per il National Park Service, ha scelto di lavorare a questo progetto perché crede in risultati gratificanti. “Ogni aspetto della ricostruzione dell’organismo doveva essere corredato da dei dati statistici”, ha detto Clites, che si è laureato nell’UCR nel 2009 ed è il primo autore del documento di ricerca. “Attraverso le misurazioni e nelle descrizioni dettagliate, i pozzi e gli aghi contenuti nella roccia sono stati rivelati come degli animali-spugna”. Droser e Clites continuano lo studio di James G. Gehling nel South Australian Museum di Adelaide. La ricerca è stata finanziata dalla NASA, il National Science Foundation, l’UC Riverside John Dunham Camp Grant, e dall’Australian Discovery Research Council Grant.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.