Tesoro ecclesiastico medievale trovato in Inghilterra

I tesori ecclesiastici più spettacolari mai scoperti in Gran Bretagna sono stati rinvenuti a soli quattro metri a nord-ovest dell’altare maggiore delle antiche rovine dell’abazia cistercense di Barrow-in-Furness in Cumbria. Si tratta di oggetti medievali risalenti tra il 14 e il 15 secolo ritrovati nella tomba di un abate cistercense.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un Pastorale (una sorta di bastone dall’estremità ricurva e spesso riccamente decorata) con un anello in argento dorato. La parte superiore del Pastorale è decorata con una placca d’argento con l’immagine dorata di Michele che uccide un drago. Incredibilmente, alcuni segni del legno originale del Pastorale sono sopravvissuti ai secoli, così come la punta di ferro alla base – e parte di un lino e ‘panno per il sudore’ in seta progettato per impedire all’abate che le mani sudate entrassero in contatto con la parte in legno del Pastorale. L’anello, che quasi certamente fu realizzato appositamento per la sua inaugurazione come abate, è di argento dorato ed è impostato con una grande gemma bianca – o un cristallo di rocca o di un zaffiro bianco. È possibile che un misterioso spazio dietro la pietra potesse contenere una reliquia sacra – potenzialmente un frammento di osso di un santo. E ‘anche potenzialmente significativo che un punto forte sul lato interno della lunetta dell’anello si sarebbe conficcato nel dito dell’abate e potrebbe essere stato progettato per procurargli qualche disagio moderato come un atto di penitenza continua a basso livello per simboleggiare la sua pietà. L’Analisi preliminare dello scheletro dell’uomo suggerisce che egli era una persona sostanzialmente in sovrappeso e che soffriva di artrite, morendo sulla quarantina d’anni. Anche se Furness ha avuto almeno 11 abati nel quattordicesimo-quindicesimo secolo, l’identità dell’abate può essere ridotta tenendo conto della sua età al momento della morte, lo stile del suo anello e il suo status elevato. Risulta relativamente raro che un abate cistercense potesse essere sepolto nel presbiterio della sua abbazia, specialmente vicino l’altare maggiore. Spesso venivano sepolti nella sala capitolare dell’abbazia. Un possibile candidato per l’individuo sepolto con i tesori è Guglielmo di Dalton che divenne abate di Furness intorno al 1406 e che era particolarmente importante nella storia del monastero – messa in un conto spettacolare illuminato della storia e dei beni dell’Abbazia. Tuttavia c’è una possibilità al di fuori che i tesori non possano essere appartenuti tutti allo stesso abate. Nel 1374 il vescovo William Russell, un chierico di Isle of Man è stato sepolto a Furness – e lo scheletro e i tesori potrebbero quindi appartenere a lui. L’abbazia di Furness è stata fondata nel 1120s sotto il patrocinio reale del conte Stefano prima che questo diventasse re d’Inghilterra. Tuttavia, 25 anni dopo, il monastero divenne uno stabilimento cistercense, pertanto ritirato dall’influenza reale. Nel 14° secolo divenne estremamente ricco e politicamente potente, in possesso di vaste aree di terreno nel nord ovest dell’Inghilterra e dell’Irlanda. E si arricchì del possedomento di miniere di stagno, della pastorizia e dell’agricoltura. Gli abati erano anche i principali operatori politici in Cumbria, raddoppiarono il numero degli sceriffi locali e dei medici legali. Avevano anche un potere notevole sull’Isle of Man, attraverso il loro diritto di nominare i vescovi dell’isola. Come altri istituti monastici in Inghilterra, fu sciolto da Enrico VIII nel 1530. Due anni fa, l’inglese Heritage – che amministra le rovine dell’abbazia – notò lo svilupparsi di crepe in alcune delle pareti. Gli scavi sono durati circa 18 mesi. Fu durante queste ricerche, svolte da Archaeology North Oxford per conto dell’inglese Heritage, che la tomba ei tesori sono stati scoperti. I reperti saranno esaminati da storici dell’arte, scienziati e altri specialisti che possono essere in grado di determinare definitivamente l’identità del chierico.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.