Press "Enter" to skip to content

Antartide: si sta sciogliendo un altro ghiacciaio e il livello dei mari aumenta

Gli scienziati prevedono la scomparsa di un’altra grande piattaforma di ghiaccio in Antartide per la fine del secolo, che contribuirà ad accelerare i livelli dei mari. Si tratta del Filchner- Ronne Ice Shelf fringing, situato nel Mare Weddell, sul lato orientale del continente Antartico, che non aveva finora visto la perdita di ghiaccio causato dal riscaldamento globale. Gran parte dell’osservazione di fusione si è concentrata sul lato occidentale del continente intorno al Mare di Amundsen. Ma la nuova ricerca dell’Alfred-Wegener-Institut für Polar- und Meeresforschung, sottolinea che la banchisa grande 450.000 kmq è in pericolo. “Secondo i nostri calcoli, questa barriera protettiva si disintegrerà entro la fine di questo secolo”, ha detto il dottor Hartmut Hellmer, autore principale dello studio, pubblicato sulla rivista Nature. Le enormi piattaforme di ghiaccio che galleggiano sulle acque del ghiacciaio forniscono una protezione contro il riscaldamento delle acque che corrodono la base dei ghiacciai molto più grande dietro di loro che si trovano sulla terra. “Le piattaforme di ghiaccio sono come tappi nelle bottiglie per i flussi di ghiaccio dietro di loro”, ha detto Hellmer. “Riducono il flusso di ghiaccio. Se, tuttavia, i ripiani di ghiaccio si sciolgono dal basso, diventano così sottili che le superfici di trascinamento diventano più piccole e il ghiaccio di dietro inizia a muoversi.” Hellmer e il suo team prevedono che lo scioglimento del Filchner-Ronne shelf potrebbe raggiungere una velocità sino a 4,4 mm per anno per l’aumento del livello del mare globale. Secondo le ultime stime basate su dati di telerilevamento, il livello globale dei mari è salito 1,5 millimetri l’anno tra il 2003 e causa dello scioglimento dei ghiacciai e delle banchise nel 2010, dicono gli scienziati. Questo è in cima di un aumento stimato di 1,7 millimetri annuali a causa dell’espansione degli oceani e dell’acqua calda. La ricerca è stata finanziata dal programma dell’Unione Europea chiamato “Ice2sea“, istituito a seguito della relazione del 2007 del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici, che ha evidenziato come il ghiaccio avesse un ruolo significativo nelle proiezioni del livello del mare. Le proiezioni del progetto Ice2sea confluiranno nella quinta relazione IPCC del periodo 2013/2014. Nei piani per la spesa in conto capitale ci sono la difesa del mare per proteggere le coste europee, in particolare le aree di importanza economica, come Londra , con la sua barriera di marea sul Tamigi e il porto di Rotterdam. Una gran parte dei Paesi Bassi è sotto il livello del mare e protetta da un elaborato sistema di dighe. Il professor David Vaughan del British Antarctic Survey , che dirige il programma Ice2sea, afferma che ai risultati dell’Alfred Wegener Institute si aggiungono alle prove che il riscaldamento degli oceani sta avendo un maggiore impatto sulle lastre di ghiaccio, in contrapposizione ai cambiamenti atmosferici o l’eredità di alcuni di decenni fa o a causa di cambiamenti a lungo termine risalenti addirittura a centinaia di anni fa. “Quello che la gente deve sapere con un senso di urgenza è ciò che sta per accadere al livello del mare nel corso dei prossimi decenni”, ha detto Vaughan. “In questi termini, questi risultati sono notizie davvero molto grosse.” Vaughan è cauto circa le proiezioni precise sull’impatto sul livello del mare. “Per me, quei numeri sono circa quello che potrebbe essere plausibile”, ha detto. “Penso che abbiamo bisogno lavorare di più con i modelli di foglio di ghiaccio per determinare esattamente il livello del mare che potremmo aspettarci, ma quelli sono numeri plausibili”. Tutte le cose parità di altre condizioni, i ghiacci polari raggiungono un equilibrio per cui la quantità di neve in corso di ogni anno è ampiamente compensata dal numero di iceberg in uscita, ma i piccoli cambiamenti come quelli associati al riscaldamento globale, possono influenzare questo equilibrio molto rapidamente.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Vaughan ha detto che c’era una chiara evidenza sulla disintegrazione del Larsen A e Larsen B. altre piattaforme di ghiaccio nel 1995 e nel 2002, che avevano portato alle lastre di ghiaccio a muoversi più velocemente in mare, alcune delle quali molte volte il tasso prima del crollo. L’attenzione scientifica sul ghiaccio che si scioglie nel mare Amundsen è che si ha una perdita del ghiaccio momentanea, ma Vaughan ha detto che sebbene la Weddell Sea non vede la perdita di ghiaccio, al momento, la ricerca tedesca sostiene che si diffonderà in altre zone. Se c’è una lezione per gli scienziati del clima, è “non si comportano come la squadra di calcio della scuola per bambini e seguono la palla”, ha detto.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il sito del programma europeo Ice2sea:

- Prosegue dopo la pubblicità -

http://www.ice2sea.eu

Il sito dell’Alfred-Wegener-Institut für Polar- und Meeresforschung:

- Prosegue dopo la pubblicità -

http://www.awi.de

Hanno parlato di questa notizia:
http://www.csmonitor.com/Science/2012/0509/Warm-water-threatens-vast-Anatarctic-ice-shelf

http://www.livescience.com/20190-weakness-antarctic-ice-sheet-melting.html

- Prosegue dopo la pubblicità -

http://www.dailymail.co.uk/sciencetech/article-2141924/University-discovers-basin-size-WALES-underneath-Antarctic–cause-ice-sheet-collapse.html?ITO=1490

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.