Press "Enter" to skip to content

Ecco le parole usate dagli umani da 15.000 anni

neanderthal-child“Tu, io, non, che, noi, per dare, che, questo, che cosa, l’uomo / maschio, voi, vecchio, madre, a sentire, a mano, il fuoco, per tirare, nero, a flusso, corteccia, cenere, a sputare, verme”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Quelle sopra elencate risulterebbero le parole più antiche utilizzate dal genere umano, già da 15.000 anni secondo un nuovo studio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

In questo studio, un team di linguisti dell’Università di Reading ha trovato indizi che testimonierebbero come molte lingue moderne – tra cui, ma non limitato a inglese, russo, portoghese, e altre – discendono da un’unica lingua ancestrale di circa 15.000 anni fa. “Tutte in Eurasia possono far risalire la loro ascendenza linguistica di nuovo gruppo o gruppi di persone che vivevano intorno ai 15.000 anni fa, probabilmente in Europa meridionale, mentre le lastre di ghiaccio si stavano ritirando,” afferma Mark Pagel, biologo evoluzionista all’Università di Reading.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Come hanno fatto i ricercatori a scoprire tutto ciò? Hanno analizzato una manciata di parole in diverse lingue che si assomigliano nel suono, l’aspetto e significato. Questi termini affini – come father (inglese) e Padre (Italiano) – sono indicati come “affini”.

Utilizzando queste parole con suono simile come indicatori stradali, la squadra ha analizzato 23 “parole ultraconservate” che, sembrerebberi vagamente familiari ai nostri antichi antenati 150 secoli fa. Queste parole sono appunto quelle elencate sopra all’inizio di questo articolo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Mark PagelTutte le 23 parole ultraconservate avrebbero un antenato comune vecchio di 15.000 anni fa. E nel loro insieme, la capacità di questo gruppo linguistico di perseverare nel corso dei secoli ci dice qualcosa sulla necessità fondamentale del genere umano per comunicare. (E ‘facile vedere come “madre”, “fuoco”, e “uomo” possano essere stati determinanti per la sopravvivenza di un’antica comunità, per esempio.) Anche se non ogni lingua rientra in questo proto-Eurasiatico lignaggio: lingue cinesi, molte lingue africane, e le lingue dei nativi americani hanno valori anomali, per esempio – Pagel e il suo team di linguisti hanno disegnato un albero genealogico per rintracciare queste parole ultraconservate attraverso il linguaggio delle sette moderne famiglie. David Brown al Washington Post ha pubblicato la relazione:

Oltre alla indo-europea, sono incluse le famiglie di lingua altaica (i cui membri includono moderno turco, uzbeko e mongolo); Chukchi-Kamchatkan (lingue del lontano nord-est della Siberia); dravidica (lingue del sud dell’India); Inuit-Yupik (lingue artiche) , Kartveliano (lingue affini georgiane e tre) e uraliche (finlandese, ungherese e pochi altri).

Così come fa il nostro pronome originale, “tu”, ad adattarsi? Secondo i ricercatori, è l’unica parola per avere un affine in tutte le sette famiglie linguistiche.

- Prosegue dopo la pubblicità -
error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.