Lapponia: nelle case tradizionali il segreto della corteccia di Betulla, resistentissima e molto utile – VIDEO

tribu-sami-un-bambino-con-una-renna-e-costruzione-di-betullaQueste sono alcune delle case tradizionali Sami nel Häggsjönäs, Jämtland, (Svezia) costruite presso il campo njarka Sami (njarka Sameläger). Il campo è gestito dalla famiglia Mattson, ed è parte della comunità Kall Sami, la più piccola comunità Sami della Svezia con 1.400 renne.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Qui è possibile osservare il popolo Sami nelle loro attività quotidiane e conoscere la loro cultura; il loro artigianato e anche il loro abbigliamento, il modo in cui gestiscono le loro renne e il loro modo di vivere. Si può provare tutto: dal lancio del lazo alla cucina sulla brace. Nel video qui sotto potete vedere l’interno della casa con un fuoco centrale, mentre i colloqui Maud (in svedese) utilizzano la corteccia di betulla. I Sami sono il popolo indigeno della Scandinavia artica che hanno la propria cultura, lingua e tradizioni. La regione in cui vivono i Sami è di solito chiamata Lapponia, a volte Samiland. Si estende sull’Artico Scandinavo e comprende parti della Svezia, Norvegia, Finlandia e la penisola di Kola in Russia. VIDEO:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il termine “corteccia di betulla” è davvero troppo generale, e solitamente indica solo la parte esterna, ovvero lo strato protettivo della corteccia. Così in Scandinavia lo strato esterno non è semplicemente definito “corteccia”, ma ha invece un proprio nome, “Naver” (svedese) o “never” (norvegese) che mostra chiaramente l’importanza storica di questa regione.

Lo strato interno (rafia o floema), che in Scandinavia viene indicato come la corteccia reale, ha avuto anche i suoi usi, in particolare per l’abbronzatura, che è il processo di trattamento delle pelli di animali per trasformarle in cuoio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

alberi-di-betulla-in-polonia

La Corteccia di betulla ha infatti svolto un ruolo importante nella vita quotidiana dei popoli eurasiatici e dei popoli del Nord America per oltre 5000 anni, per una vasta gamma di oggetti utili e necessari. Cesti, scatole, recipienti di cottura, canoe, zaini, strumenti musicali, materiale da scrittura, scarpe e rifugi – sono solo alcune delle molte cose che sono state fatte con questo straordinario materiale.

E ‘stato anche utilizzato per la fabbricazione di catrame di betulla o pece di betulla, una sostanza ad alto contenuto di fenoli derivata dalla distillazione secca della corteccia che è stata utilizzata per molti scopi differenti, come un adesivo, disinfettante e come impermeabilizzazione finale della pelle di alta qualità (pelle Russia). Nel video, l’esperto di bushcraft Dave Canterbury mostra come fare l’olio di betulla, una versione di qualità più raffinata del catrame di betulla. VIDEO:

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’olio di betulla è un antisettico e può essere usato sulla pelle come un repellente per insetti, sulle ferite per prevenire le infezioni e per il trattamento di eruzioni cutanee o eczemi. La corteccia di betulla era infatti una delle più grandi esportazioni scandinavi insieme al catrame di pino, alla linfa vitale del nord, fino al 17 ° secolo; si poteva anche utilizzare al posto della moneta per pagare le tasse. 

Un fungicida naturale

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il fatto che la corteccia di betulla sia impermeabile al 100% ha sicuramente giocato un ruolo importante nella sua utilità, e così ha la sua flessibilità – ma l’alto contenuto di betulino (una sostanza con proprietà fungicide) rende anche la corteccia di betulla ideale per la costruzione di vari contenitori per alimenti e per la loro conservazione, o semplicemente per detenzione o per mantenere l’acqua fresca. Grazie al betulino, la corteccia non solo può servire a tutti questi compiti molto importanti, ma può anche durare per un tempo molto lungo, il che lo rende la soluzione ideale per le barriere dell’umidità per una vasta gamma di applicazioni, ad esempio in una qualsiasi pratica di costruzione di riparo naturale.

- Prosegue dopo la pubblicità -

E’ consigliabile raccogliere la corteccia di betulla dalla primavera fino alla metà di luglio. Durante questo periodo, infatti, la corteccia risulta facilmente removibile. La corteccia di betulla si stacca dal tronco con facilità, ma ha una naturale tendenza a rannicchiarsi e quando secca può essere impossibile stenderla di nuovo, quindi per questo motivo i fogli vanno asciugati sotto compressione, che costringe i fogli a rimanere piatti.

La betulla cresce la sua corteccia in modo diverso dalla maggior parte delle altre specie di alberi. Invece di avere sue fibre in verticale (nella stessa direzione del tronco) cresce orizzontalmente (intorno al tronco). Si tratta di un materiale molto duro, come un mix tra cuoio e cartone, ma è possibile rimuovere fogli molto grandi che poi possono essere tagliati nella giusta forma e dimensione per lo scopo previsto.

Canoe a base di corteccia di betulla 

I vecchi tronchi di betulla sono stati trovati nelle paludi, sotto l’acqua, e è stata osservata la presenza della corteccia. Questa risultava ancora bianca e fresca come il giorno in cui fu lavorata, mentre il legno risultava completamente marcio e ha praticamente trasformato in un brodo nero a tal punto da poter essere versato come un brodo, essenzialmente lasciando il tubo di corteccia di betulla intatto.

Esso ha una tale resistenza all’acqua che anche alcune tribù native americane hanno costruito le loro canoe per secoli con la corteccia di betulla, ottenendo una canoa a tenuta stagna e molto leggera che può essere facilmente sollevabile e trasportabile, ma al contempo molto resistente se mantenuta correttamente. Magnifiche opere d’arte, intuitivamente fragili e dalla durata di vita non molto lunga, anche se è documentato come alcune di queste canoe siano state in uso attivo per oltre 100 anni. Esse sono state gli elementi che sono stati trattati con grande attenzione e rispetto, tramandati da una generazione a quella successiva, così come le tecniche di costruzione, altamente apprezzate. Il VIDEO:

Un materiale unico per gli edifici

Essendo 100% impermeabile e con una naturale resistenza ai funghi e marciume significa che la corteccia di betulla è una barriera perfetta contro l’umidità per le costruzioni realizzate con elementi naturali. Il buon tetto tradizionale scandinavo (normalmente utilizzato dal popolo scandinavo) può sicuramente attestare questo dato di fatto. Un’azione concreta può essere quella di utilizzare un paio di strati di corteccia di betulla formando delle travi a forma di davanzale e creando una fondazione per proteggere il legno da ogni possibile formazione di condensa che potrebbe formarsi sulle fredde superfici dure, come la pietra.goahti

Per qualsiasi costruttore risulterebbe difficile se non impossibile trovare un materiale organico locale che può sopportare l’umidità per un lungo tempo come la corteccia di betulla. La maggior parte delle persone che vivono in luoghi ricchi di betulla hanno usato storicamente la corteccia di betulla come protezione dall’umidità per una varietà di applicazioni diverse, dalla costruzione di rifugi in poi.

Gli indigeni della Scandinavia (Sami) hanno certamente saputo sfruttare al meglio questo materiale resiliente da costruzione. Alcune versioni delle loro abitazioni chiamate goahti, erano completamente ricoperte di corteccia di betulla. La torba o zolle goahti è una varietà coperta con zolle per mantenere la corteccia di betulla a posto e per renderla un involucro isolante, proprio come un tetto di una casa. Alcune tribù native americane utilizzano la corteccia di betulla per costruire le loro capanne tradizionali, in un modo molto simile a quello sfruttato dai Sami.sod-goahti