Ricaricare gli elettrodomestici con il segnale Wi-Fi. Tecnica in fase di sperimentazione.

Ricaricare-gli-elettrodomestici-con-il-segnale-Wi-Fi.-Tecnica-in-fase-di-sperimentazione.-E se fosse possibile alimentare il vostro iPhone dal nulla? Produrre fili ridondanti è stato uno dei più grandi sogni di Nikola Tesla – un sogno che ora i ricercatori dell’Università di Washington  vogliono compiere con PoWiFiShyam Gollakota e il suo team hanno recentemente dimostrato che la tecnologia al EmTech digitale di San Francisco raccoglie i segnali radio ambientali ‘backscatter‘ per alimentare i sensori di temperatura e della fotocamera senza batteria. La tecnologia può anche essere utilizzata per caricare le batterie nichel-metallo idruro e agli ioni di litio a bottone a distanze fino a 28 piedi. In un recente documento che descrive il loro lavoro, chiamato Accensione il prossimo miliardo di dispositivi con connessione Wi-Fi , i ricercatori forniscono una descrizione dettagliata di come sia possibile alimentare con successo i dispositivi tramite WiFi tramite e Wi-Fi esistenti chipset-senza ridurre le prestazioni del router.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I ricercatori hanno notato che Nikola Tesla ha sognato di sbarazzarsi dei fili. Mentre la comunicazione wireless ha avuto successo – si pensi ai telefoni cellulari e alla connettività internet wireless -l’alimentazione dell’elettronica in modalità wireless risulta più lenta a decollare.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Più di recente i ricercatori hanno dimostrato la fattibilità di alimentare sensori e dispositivi lontano dal campo usando segnali RF dalla TV [46, 36] e cellulari [55, 44] stazioni base. Questo è interessante, perché oltre a consentire l’erogazione di potenza a distanze più lontane, i segnali RF possono essere usati per caricare contemporaneamente più dispositivi per la loro natura broadcast. “

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gollakota e la sua squadra dichiarano che PoWiFi sfrutta alcuni ‘trucchi’ per router nell’invio di segnali RF costanti ricevuti da un’antenna. Questi vengono poi convertiti in corrente continua con un ‘raddrizzatore.’ Un convertitore DC-DC aumenta la tensione per soddisfare i requisiti del sensore del microcontrollore. La tecnica sarebbe in fase di sperimentazione già da diverso tempo. Questo VIDEO risulta infatti caricato nel 2013:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Abbiamo una grande infrastruttura Wi-Fi già in atto,” – dichiara a PopSci Vamsi Talla, un dottorando presso l’Università di Washington. “Se siamo in grado di riutilizzare l’infrastruttura per l’erogazione di potenza esistenti allora possiamo davvero permettere l’erogazione di potenza wireless in case ed uffici.”

I ricercatori hanno installato PoWiFi in sei abitazioni in un’area metropolitana ed incoraggiato i residenti ad utilizzare i loro fili normalmente. Quattro dei sei partecipanti non ha riportato alcuna differenza nella loro esperienza utente, una prestazione rivendicata era migliore, mentre l’altra ha rifrito che i tempi di caricamento risultavano più lenti del dovuto.

PopSci sottolinea che questa tecnologia non è nuova . Ma la capacità di PoWiFi di funzionare utilizzando risorse esistenti infrastrutture Wi-Fi e trasmettere alimentazione e dati utilizzando lo stesso segnale RF è nuova. Presto gli oggetti di uso quotidiano saranno in grado di comunicare tra loro tramite i tag privi di batteria. Un giorno, per esempio, il divano potrebbe farvi sapere dove avete lasciato le chiavi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Via PopSci