Morta Emma Morano, la donna più anziana al mondo

È morta oggi Emma Morano, la donna più anziana al mondo. Il 29 novembre 2017 aveva compiuto 117 anni lo scorso e risultava la quinta persona più longeva di tutti i tempi, la più anziana ancora vivente al mondo. Viveva ancora nella sua abitazione a Verbania, sul lago Maggiore, anche se da alcuni anni era seguita da una badante. Emma Morano era nata nel 1899 a Civiasco, nel Vercellese.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Emma Martina Luigia Morano, vedova Martinuzzi (Civiasco29 novembre 1899 – Pallanza15 aprile 2017), è stata una supercentenariaitaliana vissuta 117 anni e 137 giorni. Ha detenuto il titolo di decana d’Italia e d’Europa dal 2 aprile 2013 e di decana dell’umanità dal 12 maggio 2016. Inoltre, è stata l’ultima persona vivente nata prima del 1900. A oggi occupa il settimo posto nella lista delle 100 persone più longeve accertate, è la seconda europea più longeva di sempre dopo Jeanne Calment e, fra le quattro persone nate in Italia che hanno documentatamente raggiunto i 115 anni di età (di cui due dopo di lei), è l’unica ad aver raggiunto i 116 e i 117.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Emma Martina Luigia Morano nacque il 29 novembre 1899 a Civiasco, in provincia di Vercelli, primogenita di otto figli (tre maschi e cinque femmine) dall’italiano Giovanni Morano e dalla svizzera Matilde Bresciani. Appartiene a una famiglia con tradizioni di longevità, in cui la madre, una zia e alcune sorelle, hanno raggiunto i novant’anni; in particolare, una sorella, Angela (1908-2011), ha superato l’età centenaria. Da bambina si trasferisce nell’Alto Novarese, nell’attuale VCO, inizialmente a Villadossola, per seguire il lavoro del padre, ma a causa del clima poco salubre, si sposta presto sul Lago Maggiore a Pallanza, all’epoca comune autonomo (oggi parte della città di Verbania).

- Prosegue dopo la pubblicità -

Perso nella prima guerra mondiale il primo fidanzato[1] (in realtà, come testimonia il numero di marzo 2014 de L’Alpino, il ragazzo era rientrato ferito dal fronte e non era più riuscito a ritrovarla in quanto nel frattempo lei si era trasferita), nell’ottobre 1926 sposa Giovanni Martinuzzi (1901-1978). Nel 1937 nasce l’unico figlio della coppia, Angelo, che tuttavia muore dopo appena sei mesi di vita. L’unione con il marito non è felice, soprattutto a causa di ripetuti maltrattamenti, così nel 1938 la signora Morano decide, seppur rimanendo formalmente sposata, di separarsi di fatto dal marito, mandandolo via di casa. Ha lavorato fino al 1954 come operaia presso lo jutificio Maioni di Pallanza[2]; e in seguito trova impiego nella cucina del Collegio “Santa Maria”, gestito dai Marianisti, rimanendovi fino al 1975, anno in cui va definitivamente in pensione. Nel 2011 ha ricevuto la visita del ricercatore statunitense James Clement, impegnato in uno studio diretto da George Church in collaborazione con la Harvard Medical School di Boston, volto a scoprire, a livello mondiale, tramite analisi del DNA, il segreto della straordinaria longevità.[3] Nel dicembre dello stesso anno è stata insignita dell’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana dall’allora Presidente Giorgio Napolitano.[3][4]

Il 2 aprile 2013, in seguito alla morte di Maria Redaelli (1899-2013), è diventata decana d’Italia e d’Europa.[5] Ha spesso affermato che il segreto della sua longevità è legato a diversi fattori: il rifiuto di assumere farmaci, il consumo quotidiano di uova e carne poco cotta, l’abitudine di bere ogni tanto un bicchiere di grappa fatta in casa e di mangiare qualche gianduiotto, ma soprattutto la volontà di pensare sempre in modo positivo al domani. Ha anche aggiunto che le ha sicuramente giovato l’essere stata sposata solo per poco tempo.[6][7] Per il suo 114º compleanno nel 2013 è stata brevemente intervistata da una troupe RAI della trasmissione La vita in diretta, in cui venivano confermate le sue eccellenti condizioni di salute. Anche il medico di famiglia ha ribadito come le analisi periodiche della signora Morano risultino nella norma e ha ricordato come la donna, nei quasi 30 anni in cui si è affidata alle sue cure mediche, non ha mai fatto uso di farmaci se non in un paio di situazioni.[8] Ha ricevuto inoltre dal prefetto del Verbano-Cusio-Ossola, Francesco Russo, un messaggio di auguri del Presidente della Repubblica.[9]

- Prosegue dopo la pubblicità -

In occasione del suo 115º compleanno le è stato recapitato il mega-biglietto (un metro per un metro e mezzo) inviato da Carla Fracci, ambasciatrice di Expo 2015, con «tutti gli auguri del mondo alla incredibile Emma» e l’invito ufficiale alla esposizione universale. Il viceprefetto vicario del Verbano-Cusio-Ossola, Michele Basilicata, le porta il consueto messaggio di auguri da parte del Capo dello Stato.[10] Il 14 agosto 2015, all’età di 115 anni e 258 giorni, supera il primato dell’italo-americana Dina Manfredini (1897-2012), diventando ufficialmente la persona più longeva di sempre nata in Italia. Fino all’estate del 2015 ha vissuto in casa da sola, in completa autonomia, aiutata per alcune faccende da una nipote; in seguito venne invece seguita anche da una badante.

Il 29 novembre 2015 ha festeggiato il suo 116º compleanno sempre nella sua casa a Verbania, circondata dall’affetto di parenti e amici e con l’annuale omaggio delle autorità locali. Oltre alla visita del sindaco della città Silvia Marchionini, riceve da parte del vicario episcopale per il territorio del Verbano della diocesi di Novara don Roberto Salsa, la pergamena con la solenne benedizione apostolica di papa Francesco e il primo esemplare della placchetta del Pellegrino dell’anno Mille che sarà distribuita ai più anziani partecipanti al Giubileo straordinario della misericordia. Il viceprefetto di Alessandria Gaetano Losa le fa recapitare inoltre il messaggio del Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella con le seguenti parole:

« Desidero felicitarmi con lei per l’eccezionale traguardo, mai raggiunto prima da un italiano, dei 116 anni di vita. In questa lieta circostanza formulo, anche a nome di tutti gli italiani, i più affettuosi auguri e le invio i miei più cordiali saluti »

La signora Morano, in risposta a tutti quelli che le hanno chiesto come stesse, ha detto:

- Prosegue dopo la pubblicità -
« Sto bene, sto bene. E finché va così, me ne resto qui con voi[11] »

Nel 2016, la sua longevità ha sollecitato l’interesse dei mezzi di comunicazione di massa: i servizi realizzati e le interviste hanno rivelato come la donna continui a essere una persona lucida, gioviale, e con uno spiccato senso dell’umorismo. Conserva un’ottima memoria e con un po’ d’aiuto è ancora in grado di camminare.[12] Il 12 maggio 2016, all’età di 116 anni e 166 giorni, a seguito del decesso di Susannah Mushatt Jones, diventa decana dell’umanità (terza italiana dopo Rosalia Spoto dal 1955 al 1957 e l’italo-americana Dina Manfredini nel 2012) rimanendo, inoltre, l’ultima persona vivente a essere nata prima del 1900.[13]

Il 29 novembre 2016 ha compiuto 117 anni (sesta persona in assoluto ad aver raggiunto tale traguardo) e ha festeggiato come sempre il compleanno presso la sua abitazione a Verbania. Durante la mattinata, puntuale come ogni anno, è giunto il telegramma, consegnatole dal Prefetto, del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella:

« Sono particolarmente lieto di indirizzarle le mie vivissime felicitazioni per il suo 117° compleanno, un nuovo bellissimo traguardo, così eccezionale che dallo scorso maggio le è stato ufficialmente riconosciuto il titolo di persona più longeva del pianeta. A lei, ultima testimone dell’800, rivolgo, anche a nome di tutti gli italiani, i più fervidi auguri di serenità e di buona salute »

Nel pomeriggio, anche il primo cittadino verbanese, Silvia Marchionini, le ha fatto visita per condividere con amici e parenti il traguardo. In serata, al Maggiore di Verbania, si è tenuto uno spettacolo a lei dedicato, dal titolo “1899, correva l’anno”, un viaggio storico musicale attraverso la cultura dei tre secoli toccati dalla donna. La signora Morano ha risposto alle domande sul suo stato di salute dicendo:

- Prosegue dopo la pubblicità -
« Scrivete che sto bene, lo dice anche il mio medico[14] »

Il 27 dicembre 2016, all’età di 117 anni e 28 giorni, diventa la quinta persona più longeva – accertata – di tutti i tempi, superando la giapponese Misao Okawa (1898-2015). La sua diviene inoltre l’età più elevata registrata al mondo nel XXI secolo e nel III millennio. Il 7 marzo 2017, vigilia della festa della donna, in quanto donna più anziana vivente del mondo, riceve in dono una grande moneta dorata che ricorda la Lira, in memoria del suo primo stipendio guadagnato nel 1915 di due lire giornaliere[15].

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il 2 aprile 2017, quattro anni esatti dopo essere diventata decana d’Italia e d’Europa, nonostante abbia rilevato il primato italiano all’età più avanzata rispetto a tutti gli altri decani del passato, ottiene il record assoluto di mantenimento del titolo (nessuno infatti, prima di lei, lo aveva detenuto per quattro anni). È morta nel sonno il pomeriggio del 15 aprile 2017 nella sua casa di Pallanza all’età di 117 anni e 137 giorni[16]. I funerali si sono svolti il 17 aprile presso la chiesa di San Leonardo a Pallanza, vicino a casa sua; alla cerimonia ha partecipato anche il sindaco di Verbania Silvia Marchionini[17]  A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Qui sotto un VIDEO diffuso da Euronews durante il suo 117° compleanno: