Quanti rifiuti producono i paesi del mondo: classifica e previsioni

Quando la gestione dei rifiuti funziona bene, non gli diamo un po ‘di importanza. I materiali scartati vengono raccolti, alcuni vengono riciclati o convertiti in compost e la maggior parte viene depositata in discarica o incenerita. Siamo riusciti a farlo scomparire e, di solito, ce ne siamo presto dimenticati. Ma le cose cambiano quando il sistema inizia a fallire. E questo sciopero lo dimostra. Come risultato dell’arresto delle discariche, mi sono chiesto quale sia la mappa dei rifiuti urbani nel mondo. Quali paesi producono più rifiuti e quali meno. Vediamolo

Un recente studio dalla Banca Mondiale con il titolo ‘ Che spreco ‘, ha avvertito che i rifiuti solidi ogni giorno attingiamo dalle nostre case per il contenitore raddoppierà entro il 2025. Il rapporto stima che la produzione di rifiuti solidi globale sarà da poco più di 3,5 milioni di tonnellate al giorno nel 2010 a oltre 6 milioni di tonnellate al giorno entro il primo quarto del secolo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel 20 ° secolo, quando la popolazione mondiale crebbe e divenne più urbana e prospera, la produzione di rifiuti aumentò di dieci volte. Fino ad oggi, una persona media negli Stati Uniti getta via l’equivalente del loro peso corporeo nella spazzatura ogni mese. Pertanto, la gestione dei rifiuti solidi è una delle maggiori spese nei bilanci municipali.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se guardiamo la mappa del mondo della spazzatura, possiamo vedere come le nazioni più sviluppate sono quelle che generano la maggior quantità di spazzatura per persona al giorno. In questo modo, l’Europa occidentale e il Nord America appaiono come le aree in cui viene generata la maggior quantità di rifiuti urbani.

Tuttavia, il Kuwait e la maggior parte dei paesi caraibici, guidati da Antigua e Barbuda e Barbados, sono ai primi posti. Vediamo anche nelle prime posizioni la Guyana e lo Sri Lanka, così come la Nuova Zelanda. Dalla parte opposta. Ghana, Nepal, Uruguay, Mozambico e Iran sono, in quest’ordine, i paesi in cui viene generato il minimo spreco. I numeri sono dettagliati nella seguente mappa interattiva.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il problema della gestione dei rifiuti sta diventando più acuto nelle città emergenti. Discariche di Laogang a Shanghai, in Cina; Sudokwon, a Seoul, Corea del Sud; Jardim Gramacho, a Rio de Janeiro, in Brasile, e Bordo Poniente a Città del Messico si contendono il titolo di anziani del mondo. Ciascuno di essi riceve in genere più di 10.000 tonnellate di rifiuti al giorno.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Quando gli abitanti di una certa popolazione guadagnano potere d’acquisto, la quantità di rifiuti che producono raggiunge un limite. Le società “ricche” tendono a frenare i loro rifiuti. In questo modo, è prevedibile quando i livelli di vita e l’aumento delle popolazioni urbane si stabilizzeranno in tutto il mondo, la generazione di rifiuti solidi globali raggiungerà il suo punto massimo.

Quando raggiungeremo il limite?

Il momento che succede è difficile da prevedere. Tuttavia, un recente articolo pubblicato su Nature , a cui hanno partecipato gli autori della relazione della Banca mondiale, ha sottolineato che, estendendo le attuali tendenze socioeconomiche fino al 2100, hanno previsto che il massimo picco di rifiuti non si verificherà in questo secolo. Finché le tendenze attuali continueranno. Infatti, secondo le sue previsioni, nel 2100, le percentuali di produzione di rifiuti solidi supereranno gli 11 milioni di tonnellate al giorno – più di tre volte quelle attuali.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Tuttavia, secondo il testo pubblicato su Nature, nei paesi dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), il limite di residui raggiungerà il picco nel 2050 e paesi della regione Asia-Pacifico in 2075. No Tuttavia, i rifiuti continueranno ad aumentare nelle città in rapida crescita dell’Africa subsahariana. Il percorso di urbanizzazione del continente sarà il principale fattore determinante per l’impostazione della data e l’intensità del picco globale del fattore di rifiuti.

I ricercatori sottolineano che se la crescita della popolazione e il consumo di materiali non sono ridotti, il pianeta dovrà sopportare un crescente carico di rifiuti. Qualcosa che d’altra parte sembra ovvio. La domanda è piuttosto la velocità con cui la generazione di rifiuti solidi aumenterà, qualcosa che dipenderà dalle dimensioni della popolazione urbana, dalla crescita del tenore di vita e dalle risposte che, come società, diamo a questo problema pressante.

- Prosegue dopo la pubblicità -

* Fonti: il rapporto Che spreco della Banca mondiale e l’  articolo pubblicato sulla rivista Nature.

Vi ricordiamo che per seguire tutte le nostre news potete cliccare “MI PIACE” sulla pagina facebook.com/GloboChanneldotcom oppure seguirci attraverso l’app Telegram nel seguente Canale: https://t.me/globochannel

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.