La borraccia che crea acqua potabile dall’umidità dell’aria

Fontus ha progettato un modo intelligente per i ciclisti e gli escursionisti di rimanere idratati nei grandi spazi aperti. L’azienda ha sviluppato una bottiglia d’acqua che si riempie automaticamente e che allontana l’umidità dall’aria, quindi non dovrai mai più preoccuparti di ricariche. La tecnologia a energia solare raccoglie l’acqua utilizzando un elemento Peltier, un dispositivo di raffreddamento a due camere progettato per favorire la condensa. Quando l’aria si muove attraverso la camera superiore, viene rallentata da diverse barriere. La diminuzione della velocità del flusso d’aria consente il rilascio di molecole d’acqua, che vengono estratte dall’aria e quindi conservate in una bottiglia.

- Prosegue dopo la pubblicità -

È essenziale, per i bei tempi e la buona salute, rimanere idratati mentre si gode la vita all’aria aperta. Nel calore di tutto questo, anche i più consapevoli escursionisti e ciclisti possono dimenticare di riempire le loro bottiglie d’acqua, mettendole in una posizione precaria. Kristof ha immaginato che il Fontus fosse pratico e resistente. “Il mio obiettivo era creare un dispositivo piccolo, compatto e autosufficiente in grado di assorbire l’aria umida, separare le molecole d’acqua dalle molecole d’aria e conservare l’acqua in forma liquida in una bottiglia”, afferma Retezár.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Dopo oltre 30 esperimenti, Retezár ha potuto calibrare Fontus per ottenere una produzione costante di una goccia di acqua condensata al minuto. Date le giuste condizioni, il dispositivo può raccogliere fino a mezzo litro di acqua in un’ora. Anche se questo è un risultato impressionante, non è sufficiente per una giornata calda e umida. Il Fontus è anche inefficace nelle aree urbane, dove l’inquinamento contamina le molecole d’acqua estratte dall’aria della città.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fontus ha sviluppato due diverse bottiglie auto-riempitrici: l’Airo per gli escursionisti e il Ryde per i ciclisti. Fontus si unisce a molti progetti promettenti nella ricerca di raccogliere l’acqua dall’aria. Nel 2013, gli scienziati del MIT hanno creato uno speciale materiale a rete che estrae l’acqua dalla nebbia ei risultati finora sono stati incoraggianti . Forse i professori avrebbero potuto cucire una rete per catturare l’acqua del campus che avrebbe potuto risparmiare a Boston la sua malvagia umidità. Ancora più importante, queste tecnologie potrebbero consentire una sostanziale diminuzione dell’insicurezza idrica, che potrebbe alleviare la povertà e fungere da adattamento resiliente ai cambiamenti climatici. Linkiamo qui sotto un video:

- Prosegue dopo la pubblicità -