I laghi subglaciali salati recentemente scoperti potrebbero aiutare a cercare la vita nel sistema solare

Una notte di primavera fredda e ventosa sul vasto paesaggio del Devon Ice Cap. Gli scienziati hanno scoperto due laghi subglaciali in agguato a 750 metri sotto la superficie. Anja Rutishauser

I ricercatori della University of Texas Institute for Geophysics (UTIG) hanno contribuito a scoprire i primi laghi subglaciali mai trovati nell’Alto Artico canadese. I due nuovi laghi sono un potenziale habitat per la vita microbica e possono aiutare gli scienziati nella ricerca della vita oltre la Terra, in particolare sulla luna ghiacciata di Giove Europa. I risultati, pubblicati l’11 aprile su  Science Advances , sono stati resi possibili da dati radar trasmessi da UTIG e NASA.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“La caratterizzazione geofisica di questi laghi e dei loro ambienti sub-glaciali, seguita da un’attenta campionatura dei loro contenuti, dovrebbe darci una vera spinta per comprendere il potenziale dell’Europa di ospitare la vita”, ha detto il co-autore Donald Blankenship, uno scienziato senior ricercatore di UTIG. Sebbene ci siano più di 400 laghi subglaciali conosciuti nel mondo, concentrati principalmente in Antartide e alcuni in Groenlandia, questi sono i primi ad essere scoperti nell’Artico canadese. E a differenza di tutti gli altri – che si pensa contengano acqua dolce – questi due sembrano consistere in acqua estremamente salata. Tutti i laghi subglaciali sono buoni analoghi per la vita oltre la Terra, ma la natura ipersalina dei laghi scoperti di recente li rende particolarmente stimolanti per le lune coperte di ghiaccio nel nostro sistema solare, hanno detto i ricercatori.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel 2011, i ricercatori di UTIG hanno dimostrato che Europa contiene probabilmente laghi ipersalini di acqua liquida all’interno di un guscio di ghiaccio che galleggia in cima a un oceano globale. Si pensa che i nuovi laghi osservati in Canada siano simili a questi potenziali laghi rinchiusi nel guscio ghiacciato di Europa. Un’analisi dei dati radar mostra che i laghi scoperti in Canada sono sotto i 550 a 750 metri di ghiaccio sotto il Devon Ice Cap, una delle più grandi calotte polari dell’Artico canadese. Si pensa che siano i primi laghi subglaciali ipersalini isolati nel mondo, non avendo alcun contatto con un ambiente esterno per migliaia di anni.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Se c’è vita microbica in questi laghi, è probabile che sia stata sotto il ghiaccio per almeno 120.000 anni, quindi è probabile che si sia evoluta in isolamento”, ha detto l’autrice Anja Rutishauser, un dottorato di ricerca. candidato all’Università di Alberta che si unirà all’Università del Texas ad Austin come borsista postdottorato quando finirà la sua laurea. “Se possiamo raccogliere un campione dell’acqua, possiamo determinare se la vita microbica esiste, come si è evoluta e come continua a vivere in questo ambiente freddo senza alcuna connessione con l’atmosfera.” 

- Prosegue dopo la pubblicità -
Un aereo DC-3 di stanza sull’aerodromo di Quaanaaq in Groenlandia, pochi minuti prima di condurre un’indagine aerogeofisica sulle calotte polari artiche canadesi. Le antenne radar (rosse) sono montate sotto le ali dell’aeromobile. Tom Richter

Valutando i dati di rilevamento aereo e, infine, campioni dai laghi, gli scienziati possono prepararsi meglio alla prossima missione Europa Clipper della NASA, che dovrebbe implementare tecniche di telerilevamento simili per caratterizzare il guscio di ghiaccio dell’Europa, ha detto Blankenship, che sta guidando lo sviluppo di l’ecoscandaglio radar che penetra nel ghiaccio per la missione Clipper, uno strumento simile a quello utilizzato per scoprire i laghi canadesi.  Questo studio rappresenta una nuova collaborazione tra il Canada e gli Stati Uniti. Anche i ricercatori della Montana State University, della Stanford University e della Scott Polar Research Institute della Cambridge University hanno lavorato al progetto. Oltre a Blankenship, i ricercatori della UTIG Jamin Greenbaum, Cyril Grima e Duncan Young hanno lavorato allo studio. UTIG è un’unità di ricerca della Scuola di Geoscienze dell’UT Jackson.

“È incredibile come la collaborazione trilaterale tra università canadesi, statunitensi e britanniche per comprendere la risposta delle calotte polari ai cambiamenti climatici si sia evoluta in un cambio di paradigma nella nostra prospettiva sui potenziali analoghi terrestri per gli habitat extraterrestri“, ha detto Blankenship. I ricercatori di UTIG e di University of Alberta stanno progettando di tornare nell’Artico canadese questa primavera per ulteriori acquisizioni di dati sull’area del lago e sulle calotte glaciali circostanti con il sostegno della canadese W. Garfield Weston Foundation. L’acquisizione e l’elaborazione dei dati da parte di UTIG sono stati supportati da Instrument Concepts per l’Europa Exploration Program della NASA, dalla Fondazione G. Unger Vetlesen e dalla National Science Foundation; ulteriori dati utilizzati nella ricerca sono stati acquisiti dall’operazione IceBridge Mission della NASA. Blankenship è stata supportata dal Programma Fulbright Scholar per le attività di interpretazione e sintesi dei dati. Il progetto è stato sostenuto dal Consiglio per le ricerche in scienze naturali e ingegneria del Canada, da Alberta Innovates Technology Futures, dal programma CRYSYS (Environment Canada) e dal Consiglio per la ricerca ambientale naturale del Regno Unito.