Una buona notizia: aumentano gli esemplari di balena megattera

200 anni fa la caccia alla balena era un lavoro come gli altri, non c’era consapevolezza che ci sia ora. Oggi abbiamo vestiti in plastica e sintetici, gas naturale e molti modi per mantenere la nostra casa e la nostra vita, ma pochi secoli fa il grasso, la pelle e gli organi delle balene erano essenziali per la vita quotidiana di milioni di persone in tutto il mondo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fortunatamente, oggi sembra la cosa sembra far parte di un lontano passato. Il massacro delle balene è in un punto in cui la maggior parte del mondo lo vede come qualcosa di immorale, e merita davvero quella cattiva reputazione, perché è la pratica crudele di cacciare un animale minacciato. Tuttavia, non dobbiamo lasciare che sia una scusa per dimenticare che altri atti, semplici come non separare la plastica, contribuiscono alla morte delle balene tanto quanto la caccia illegale.  Comunque sia, anche se non è l’unico, la caccia alle balene è uno dei motivi più importanti per cui l’uomo ha portato tutte le specie di balene sull’orlo dell’estinzione.

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ma fortunatamente, possiamo festeggiare un po ‘di buone notizie. Soprattutto, c’è un aumento insolito con una classe di balene , le megattere che vivono vicino all’Antartide hanno avuto un rimbalzo nella loro popolazione. Sebbene fino al XX secolo la megattera fosse in pericolo di estinzione, la ricerca di Ari Frieldaender dell’Università della California a Santa Cruz ha dimostrato che dei 239 maschi e delle 268 femmine che hanno studiato tra il 2010 e il 2016 vicino all’Antartide, i numeri sono cresciuti in modo esponenziale.   Negli studi di Frieldaender, le femmine erano gravide, ma negli ultimi anni sempre più esemplari femmine risultavano incinte. Attraverso diversi metodi è stato escluso che contassero una balena due volte, quindi i loro numeri sono corretti, tuttavia, c’è un problema con l’insolito aumento delle megattere.   

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il cibo di quasi tutte le balene, comprese le megattere, è krill. Questo piccolo crostaceo vive sotto il ghiaccio in Antartide, tuttavia grazie al cambiamento climatico c’è meno odore in Antartide e mentre quello è proprio ciò che ha permesso alle balene di muoversi con maggiore libertà e riprodursi di più, è anche che limita il krill disponibile.  Il cambiamento climatico ha contribuito alla proliferazione delle megattere, ma è anche una triste ironia che la mancanza di ghiaccio permette loro di essere nati, ma implica anche meno cibo a disposizione anche.  È importante combattere il cambiamento climatico per questioni come queste. Per molti potrebbe passare inosservato, ma il problema potrebbe rivelarsi molto grande in futuro. Questo è un perfetto esempio di come i cambiamenti climatici influenzano tutti gli ecosistemi. A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

FONTI: