La pigrizia? E’ una caratteristica evolutiva. Ecco perché

È un paradosso. Sappiamo che l’ esercizio fisico fa bene a noi . Sappiamo che stare fermi tutto il tempo non lo è . Allora perché così tanti di noi vivono vite così sedentarie? In breve, è il nostro cervello. Una nuova ricerca suggerisce che la pigrizia potrebbe in effetti essere cablata su di loro, come una sorta di meccanismo evolutivo di sopravvivenza – molto simile a centinaia di specie nel regno animale – quindi c’è una ragione perfetta per sdraiarsi sul divano, anche se non è una grande idea.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“La conservazione dell’energia è stata essenziale per la sopravvivenza degli umani, poiché ci ha permesso di essere più efficienti nella ricerca di cibo e riparo, di competere per i partner sessuali e di evitare i predatori”spiega il neuroscienziato Matthieu Boisgontier dell’Università della British Columbia in Canada.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Il fallimento delle politiche pubbliche per contrastare la pandemia dell’inattività fisica può essere dovuto a processi cerebrali che sono stati sviluppati e rafforzati attraverso l’evoluzione”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

In un nuovo studio, Boisgontier e il suo team hanno cercato di scoprire quanto profondamente la nostra pigrizia sia nel nostro cervello, utilizzando l’elettroencefalogramma (EEG) per misurare le nostre risposte cognitive a diversi stimoli che rappresentano l’attività fisica e il comportamento sedentario. In un esperimento, 29 giovani adulti sono stati reclutati per prendere parte a un esercizio al computer, in cui potevano controllare un avatar sullo schermo.

Immagini diverse lampeggiano sullo schermo, descrivendo i comportamenti associati all’attività fisica (una persona che sale una scala, o andando in bicicletta, e così via) o l’inattività fisica (come sdraiarsi su un’amaca). Utilizzando i comandi della tastiera, i partecipanti dovevano spostare il loro avatar verso le immagini che descrivono l’attività fisica e lontano da quelle che suggeriscono un comportamento sedentario. Dovevano anche fare il contrario: fare in modo che l’avatar evitasse gli stimoli fisici e avvicinarsi agli esempi sedentari.

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’esperimento, che è stato programmato, ha confermato qualcosa che i ricercatori hanno già visto in studi simili: le persone sono più veloci nell’evitare i comportamenti sedentari e nel muoversi verso comportamenti attivi. Ma ha anche mostrato qualcosa di nuovo – grazie ai sensori EEG che registrano le risposte corticali dei partecipanti durante la simulazione.

“L’eccitante novità del nostro studio è che dimostra che questa maggiore velocità di inattività fisica ha un costo – e questo è un maggiore coinvolgimento delle risorse cerebrali”afferma Boisgontier .

“Questi risultati suggeriscono che il nostro cervello è attratto in modo innato da comportamenti sedentari”. È solo un piccolo studio, quindi dovremmo fare attenzione a quante conclusioni traiamo dai dati. Ma se l’ipotesi dei ricercatori è corretta, potrebbe significare che sono necessari livelli più elevati di sforzo cognitivo per scavalcare una disposizione verso la pigrizia in tutti i tipi di aree della vita. Un esempio dato da Boisgontier è la scelta di prendere l’ascensore quando si visita una palestra – una scelta quasi inconscia che sconfigge l’intero scopo del perché ci sei (impegnandoti in attività fisica).

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Quando vai in palestra e prendi l’ascensore o la scala mobile non ha senso, perché vai in palestra per fare esercizio”, ha spiegato a The Star Vancouver . “Provo a combattere anche questo: non prenderei mai l’ascensore o la scala mobile per andare in palestra ora, perché ne sono consapevole.”

Questo tipo di take away – essere consapevoli del fatto che parti del nostro cervello sono solo cablate per prendere la strada più facile – è qualcosa che le speranze della squadra possono essere apprezzate anche dalle organizzazioni sanitarie pubbliche, dato che hanno in programma una dura battaglia per mantenere le popolazioni in forma . Si spera cos’ che queste nuove intuizioni possano facilitare lo sforzo. Ma non è facile. I risultati sono stati riportati in Neuropsychologia .