Italiani scoprono proteina antitumorale. Non verrà brevettata per facilitare e accelerare lo sviluppo di un farmaco

Un gene di latenza di herpesvirus umano 6, è capace per inibire la migrazione, l’invasione e la proliferazione delle cellule endoteliali vascolari (ECs). A causa della sua potente attività anti-migratoria su ECs, alcuni ricercatori italiani hanno infatti testato la capacità del gene di interferire con i singoli passaggi della cascata metastatica. Ecco nello specifico come si chiama questo gene:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il suo nome è U94. Coordinatore del gruppo di ricerca il Prof. Arnaldo Caruso, ordinario di Microbiologia all’Ateneo di Brescia. In un’intervista il Prof. Caruso afferma che U94 è capace di trasformare una cellula tumorale maligna in una più benigna e meno invasiva e contemporaneamente non si formano vasi sanguigni che apportano nutrimento e la fuga metastatica del tumore. Nella ricerca si legge:

- Prosegue dopo la pubblicità -

” Abbiamo esaminato l’attività biologica U94 sulla linea cellulare di carcinoma mammario umano MDA-MB 231, come modello di cellule tumorali altamente aggressive. Qui mostriamo che l’espressione di U94 fornita da un amplicone basato su HSV-1 ha promosso la down-modulation di Srce molecole a valle legate alla motilità cellulare e alla proliferazione. L’espressione U94, infatti, ha fortemente inibito la migrazione cellulare, l’invasività e la clonogenicità. Abbiamo studiato gli effetti dell’U94 in un sistema di coltura cellulare rotazionale tridimensionale e abbiamo osservato la capacità dell’U94 di modificare la morfologia delle cellule tumorali inducendo una transizione parziale mesenchimale-epiteliale. Infatti, nonostante l’U94 non abbia indotto alcuna espressione del marcatore epiteliale E-caderina, ha marcato diversi marcatori mesenchimali sotto forma di β-catenina, Vimentin, TWIST, Snail1 e MMP2. In vivoi dati sulla tumorigenicità di MDA-MB 231 hanno mostrato la capacità dell’U94 di controllare la crescita del tumore, l’invasività e le metastasi, nonché l’angiogenesi guidata dal tumore. L’attività antitumorale U94 è stata confermata anche sulla linea cellulare di cancro cervicale umano HeLa. La capacità dell’U94 di inibire la crescita, l’invasione e la metastasi delle cellule apre la strada a un campo promettente di ricerca volto a sviluppare nuovi approcci terapeutici per il trattamento delle metastasi tumorali e tumorali“. Gli scienziati affermano inoltre che:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“La latenza è un meccanismo evolutivo che alcuni virus hanno sfruttato per sopravvivere in un microambiente ostile. Il capo delle famiglie di virus noti per essere in grado di latenza sono gli herpesvirus, una famiglia ampiamente distribuita di grandi virus DNA avvolti che sono importanti agenti patogeni nell’ospite umano. Durante la latenza di herpesvirus, si esprime solo una manciata di geni, in grado di ridurre al silenzio la maggior parte dei geni virali legati alla replicazione virale attiva e, a sua volta, di modulare diverse funzioni della cellula ospite, in particolare quelle che influenzano la durata della vita e il potenziale proliferativo delle cellule latentemente infettate . La sottofamiglia umana beta-herpesvirus include due virus, herpesvirus di tipo 6 (HHV-6) A e B. Questi due virus condividono meccanismi molecolari di latenza virale, durante i quali vengono espresse specifiche trascrizioni dal gene virale U94 [1 ]. È interessante notare che l’U94 mostra attività di legame del DNA [ 2 ], attività di esonucleasi e helicase-ATPasi [ 3 ]. Inoltre, l’U94 inibisce la trascrizione genica e la trasformazione cellulare da virus Harvey (H) – ras e papillomavirus bovino di tipo 1 (BPV-1) [ 4 ] nonché trascrizione dal virus dell’immunodeficienza umana di tipo 1 (HIV-1) e dal papillomavirus umano tipo 16 (HPV-16) [ 5 ]. Tali attività suggeriscono un ruolo per l’U94 nella regolazione dei geni virali e nella replicazione del DNA”.  La ricerca ha poi confermato:

“Più recentemente, le cellule endoteliali umane (ECs) sono risultate suscettibili all’infezione da HHV-6 [ 6 , 7 ] formando un sito in cui il virus può persistere in assenza di effetti citopatici e stabilire un’infezione latente. L’espressione di U94 in ECs in assenza di altre trascrizioni virali è risultata essere associata all’inibizione di diverse fasi angiogenetiche. In particolare, l’espressione U94 ha fortemente inibito la formazione di strutture simili a capillari in vitro , la sigillatura di un monostrato EC meccanico danneggiato, l’angiogenesi e la vasculogenesi ex vivo [ 8 ], tutte le attività legate al controllo della migrazione, invasione e proliferazione di EC vascolari”. Poi:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“In questo rapporto, esploriamo l’ attività U94 in vitro su due diverse linee cellulari tumorali umane e forniamo evidenza che la proteina virale down-modula il proto-oncogene di attivazione Src e vie di segnalazione a valle. Allo stesso tempo, abbiamo scoperto che l’espressione di U94 induce una transizione parziale da mesenchimale a epiteliale e altera la migrazione, l’invasione e la proliferazione cellulare. I dati sulla tumorigenicità nei topi NOD / SCID hanno mostrato che, nonostante una rapida perdita dell’espressione”.  I risultati della ricerca:

“Gli ampliconi sono stati titolati su cellule Vero 2-2 ( Figura 1A ). Per definire la condizione ottimale per ottenere un numero massimo di cellule U94-esprimenti (U94 + ), le cellule MDA-MB 231 sono state infettate a diversi MOI e la fluorescenza EGFP è stata misurata mediante citometria a flusso. La massima efficienza dell’infezione virale (range dall’80 al 93%) è stata ottenuta al MOI 1 per tutti i costrutti testati ( Figura 1B ). La persistenza dell’espressione U94 nelle cellule MDA-MB 231 è stata verificata mediante analisi RT-PCR ( Figura 1C ). I trascritti U94 sono stati rilevati al giorno 2 dopo l’infezione (pi), mentre una leggera o nessuna espressione era evidente al giorno 4 e 8 pi, rispettivamente ( Figura 1C )” – concludono i ricercatori italiani. Link utili:

U94 of human herpesvirus 6 down-modulates Src, promotes a partial mesenchymal-to-epithelial transition and inhibits tumor cell growth, invasion and metastasis

- Prosegue dopo la pubblicità -

Abstact

Mai la merce curerà l’uomo (e figuriamoci se lo farà lo stato)

AIFA. Per la lotta al cancro non solo farmaci innovativi, ma anche prevenzione, informazione e diagnosi precoce

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).