Press "Enter" to skip to content

Prevedere i cicloni grazie alle tartarughe marine, ecco come – video

Molte Isole degli oceani vengono annualmente colpite dai cicloni e per questo risulta importante studiarne le caratteristiche. In India e nell’isola La Riunione (dipartimento francese) i cittadini lamentano infatti molteplici calamità causate da questi eventi meteorologici. In loro aiuto potrebbero giungere persino le tartarughe marine:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Si tratta di un progetto di ricerca euopeo, chiamato ReNovRisk Cyclones che consiste nell’osservare le temperature delle acque dell’oceano per combinare i dati con movimenti sismici ed altri elementi per tentare di prevedere il verificarsi di cicloni. Per questo, i ricercatori hanno introdotto sensori innocui sul dorso di alcuni di questi rettili marini per ricevere informazioni in tempo reale sulle condizioni delle acque marine. Il programma di ricerca ReNovRisk mira ad analizzare con un approccio integrato i pericoli associati agli eventi parossistici e i loro impatti economici sullo sviluppo della Riunione e dell’area dell’Oceano Indiano. Mira quindi a migliorare la resilienza dei territori di fronte ai principali rischi naturali e, più in particolare, ai rischi ciclonici. Questo programma, che si basa su un vasto consorzio di competenze scientifiche e tecniche, fa parte della strategia regionale 2014-2020 (Preparazione dei programmi europei 2014-2020 in Riunione – Profilo ambientale). Video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Di fronte al rischio di ciclone e ai costi economici globali stimati in diverse centinaia di milioni di euro per evento, ReNovRisk propone di analizzare la serie di pericoli associati ai cicloni tropicali (vento, rigonfiamento, sommersione marina, alluvioni, alluvioni, erosione e frana). campo su larga scala) sullo sviluppo socioeconomico della Riunione e dei territori del bacino della SOOI. In questa prospettiva, la priorità è sviluppare / adattare per ogni pericolo le osservazioni e gli strumenti di modellazione numerica su scala delle principali isole della regione. L’originalità dell’approccio proposto è che non si limita a migliorare la conoscenza del rischio ciclonico, ma mira anche a:

  • sviluppare sistemi innovativi per migliorare le catene di analisi e decisione, e
  • quantificare gli impatti economici in vista di uno sviluppo sostenibile dei territori. Questo programma risponde alle raccomandazioni formulate dal gruppo di lavoro IPCC II “Impatti, adattamenti e vulnerabilità, sintesi per i decisori” per i paesi a rischio di rischio ciclonico, che raccomanda:
  • ridurre la vulnerabilità delle infrastrutture e dei servizi essenziali (acqua, energia, gestione dei rifiuti, cibo, biomassa, mobilità, ecosistemi locali, telecomunicazioni, ecc.).
  • la costruzione di sistemi di sorveglianza e di allarme rapido, misure per identificare le aree esposte, assistenza alle regioni e popolazioni vulnerabili e diversificazione dei mezzi di sussistenza.

Questo programma è stato fortemente supportato da J. JOUZEL (climatologo, membro dell’Accademia delle Scienze e vicepresidente dell’IPCC) e D. TERBLANCHE, direttore della ricerca dell’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM). ReNovRisk è organizzato attorno a quattro programmi interconnessi, rispettivamente chiamati ReNovRisk-Erosion, -Transferts, -Impacts e -Cyclones , quest’ultimo suddiviso in due sottoprogrammi chiamati ReNovRisk-Cyclones and Climate Change (C3) e ReNovRisk- Cicloni e precipitazioni (CP).

- Prosegue dopo la pubblicità -
  • L’erosione ha lo scopo di studiare le frane e determinare le infrastrutture soggette al rischio di erosione da alluvioni e trasporto solido in condizioni cicloniche.
  • Transfers mira a perfezionare i piani urbani in risposta ai rischi di alluvione in Reunion e a fornire elementi concreti per l’interpretazione economica del rischio ciclonico.
  • Impacts ha lo scopo di capitalizzare l’impatto degli studi del programma ReNovRisk sul territorio studiando gli impatti dei cicloni in un contesto di cambiamento climatico e demografico in base a diversi scenari di pericoli e alla politica pubblica di pianificazione dell’uso del suolo.
  • I cicloni , trasportati da LACy, sono interessati agli impatti meteorologici e oceanografici dei cicloni tropicali sui territori del sud-ovest dell’Oceano Indiano con orizzonti attuali e futuri. Una vera pietra angolare di ReNovRisk, in particolare fornisce dati agli altri componenti del programma.

 

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.