Stimolazione magnetica transcranica contro la depressione cronica, gli effetti sul cervello

Massaggiare parti chiave del cervello con un campo magnetico pulsante può fare miracoli per alcuni che vivono con depressione cronica. Per altri, non è molto promettente una vita senza un disturbo dell’umore debilitante:

I risultati straordinariamente positivi di un esperimento non condotto su un piccolo gruppo di volontari suggeriscono che alcune modifiche al protocollo potrebbero migliorare le probabilità che esso funzioni per le persone che non sono riuscite a trovare una soluzione altrove. Ricercatori dell’Università di Stanford e dell’Università di Palo Alto negli Stati Uniti hanno dimostrato in uno studio aperto su 21 persone che la somministrazione di un dosaggio cinque volte maggiore di impulsi in un numero maggiore di sessioni quotidiane non solo sembra sicura, ma potrebbe ottenere risultati molto migliori:

- Prosegue dopo la pubblicità -

La base per questo trattamento non invasivo – che si chiama stimolazione intermittente del theta-burst (iTBS) – è già stata approvata come terapia per la depressione maggiore dalla Food and Drug Association statunitense. Implica la direzione di centinaia di intensi impulsi magnetici in una parte specifica del cervello per alcuni minuti al giorno per sei settimane, incoraggiando i neuroni a costruire lentamente connessioni più forti che possono aiutare ad alleviare i sintomi della depressione cronica. Pensalo come un allenamento con i pesi per una parte del sistema nervoso ritenuta troppo debole per regolare le emozioni , aiutando il cervello a resistere in modo più efficace agli umori bassi. Sebbene lontana da una panacea, la procedura si è dimostrata abbastanza efficace da fornire speranza per il 10-30% dei pazienti con depressione che non rispondono prontamente ad altre terapie. Uno studio pubblicato nel 2018 ha rivelato che poco meno della metà delle persone con diagnosi ha mostrato almeno alcuni miglioramenti dopo questo trattamento, con circa un terzo in remissione.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Quando nient’altro funziona, queste sono quote abbastanza allettanti. Ma le possibilità di successo potrebbero essere migliori, soprattutto perché il tentativo di stimolazione magnetica transcranica non è necessariamente privo di effetti collaterali, che possono includere mal di testa e altri lievi disagi. Quest’ultimo studio suggerisce fortemente che è per lo meno possibile, ma è importante tenere presente che l’esperimento è stato condotto solo su una manciata di individui, tutti sapevano cosa stava succedendo – limiti dell’esperimento che significano che i risultati possono essere preso come completamente conclusivo. A seguito di un corso di cinque giorni composto da 10 sessioni iTBS ad alte dosi al giorno, facilitate dalle scansioni cerebrali per l’accuratezza, 19 dei 21 volontari hanno espresso un miglioramento della depressione sufficiente per essere considerati in remissione.

Uno dei partecipanti era Deirdre Lehman, 60 anni. Oltre a una diagnosi bipolare, ha riferito di aver sopportato un costante “chiacchiericcio” di disperazione negli ultimi anni. “Al terzo turno, le chiacchiere hanno iniziato a diminuire”ha detto . “Questa è stata la più grande pace che ci sia stata nel mio cervello da quando avevo 16 anni e ho iniziato il cammino verso il disturbo bipolare.” Nonostante le piccole dimensioni del campione nello studio e la mancanza di un gruppo di controllo per misurare i risultati, è difficile ignorare un feedback del genere. Se è un segno di cose che arriveranno in studi più solidi, i risultati suggeriscono che questa tecnica di terapia neuromodulante potrebbe un giorno aiutare fino al 90% delle persone a superare la loro debilitante salute mentale. “Non c’è mai stata una terapia per la depressione resistente al trattamento che ha rotto i tassi di remissione del 55% nei test in aperto”afferma lo psichiatra di Stanford Nolan Williams. “Si ritiene che la terapia elettroconvulsiva sia il gold standard, ma ha solo un tasso di remissione media del 48% nella depressione resistente al trattamento.”

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il disturbo depressivo maggiore è una condizione complessa che dobbiamo ancora comprendere appieno. Ciò che collochiamo collettivamente in una singola categoria sembra essere più di una condizione , una frazione della quale potrebbe essere impossibile da trattare usando prodotti farmaceutici convenzionali. Anche per coloro che scoprono di poter gestire con successo le loro condizioni con i farmaci, è una decisione che non può essere facilmente annullata . Con almeno uno su dieci di noi che soffrono di depressione maggiore ad un certo punto della nostra vita, avere più opzioni per i trattamenti potrebbe fare la differenza per milioni di persone in tutto il mondo. Questa ricerca è stata pubblicata sull’American Journal of Psychiatry .

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.