Press "Enter" to skip to content

Perchè l’olio di palma è così economico? Ecco un video che lo spiega.

L’olio di palma è economico e onnipresente. Viene utilizzato in migliaia di prodotti di tutti i giorni ed è l’olio vegetale più consumato al mondo. Puoi ottenere un chilo di olio di palma per soli 2 dollari. Ma il suo utilizzo è diventato sorprendentemente controverso, poiché enormi aree della foresta pluviale sono state abbattute o bruciate per far posto alle piantagioni di palme. Quindi, perché questo olio è ancora così economico e facilmente disponibile?

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’olio di palma è ovunque dai prodotti dolciari confezioni al pane in vendita al supermercato, è stato calcolato che ogni persona consuma circa 8 chili di olio di palma ogni anno. Non ne siamo consapevoli, ma basta leggere le etichette dei prodotti per rendercene conto. Oggi in Indonesia e Malesia, ma non sono, la maggior parte delle coltivazioni sono legate all’olio di palma. L’olio di Palma ha origine in Africa, ma è stato introdotto in Malesia nel 1875, ma per 100 anni è stato poi dimenticato. Per molti anni i fiori venivano impollinati a mano. Richiedendo centinaia di lavoratori e limitando l’efficenza.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ma dal 1981 sono stati introdotti i punteruoli della palma nel paese, questi piccoli scarafaggi impollinavano le piante, senza un lavoro umano extra e improvvisamente il rendimento dell’olio di palma è aumentato. Da quando ha iniziato ad essere popolare e facile da coltivare la sua richiesta ha avuto un picco negli anni 90 e le grandi compagnie hanno iniziato ad utilizzarlo come grasso in molte lavorazioni industriali, sostituendo molti altri grassi che venivano usati precedentemente. Con l’aumento del cibo ultra lavorato, anche l’uso di questo olio è aumentato, ma questo incredibile aumento d’uso ha avuto dei costi, non solo economici. La rapida espansione delle piantagioni di olio di palma, ha visto intere zone distrutte della foresta tropicale, creando anche pericolose emissioni di CO2. Distruggendo l’habitat e molte specie di animali che ci vivono.
Dan Strechay: “Questo è estremamente economico, facile da produrre e ha qualità naturali di conservazione. Questo è veramente un ottimo olio vegetale, ma il fatto è che è cresciuto in un modo che ha causato molto un danno ambientale e questo ha avuto anche un impatto sulla comunità e la forza lavoro che è stata impiegata per la raccolta

- Prosegue dopo la pubblicità -

Guardare la devastazione causata al primo impatto ci porta a pensare di eliminare completamente queste coltivazioni, ma cerchiamo un’altra alternativa perchè questo potrebbe peggiorare le cose. L’olio di palma è efficiente e richiede 10 volte in più rispetto a qualsiasi altra piantagione. Questa sua efficienza è la ragione del suo essere economico. Gli alberi di Palma sono sempre verdi e perenni,la produzione copre tutto l’anno e può crescere più facilmente rispetto ad altre altre piante.

NGOs e le compagnia da tutto il mondo si sono riunite per istituire “Roundtable on Sustainable Palm oil, fondato nel 2004 per coltivare questa pianta in modo sostenibile. Ma solo nel 2018 ha introdotto un modo per poter calcolare l’elevato approvvigionamento di carbonio, con un sistema che aiuta ad identificare e valutare le varie aree della foresta, per mantenere l’olio di palma certificato ed evitare ulteriori deforestazioni.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Dan Strechay:”il fatto è che è solo una pianta, il problema è come e dove l’abbiamo fatto noi, quindi come abbiamo realizzato le piantaggioni. Questo ha creato molti problemi, questo significa che abbiamo anche la capacità di risolvere questo problema. Ma risolvere questo problema non sarà facile”

Joss Lyons-White:” Ci saranno parecchi ostacoli per tutte quelle aziende per cercano di aumentare i loro profitti senza alcun tipo di deforestazione. Uno di questi problemi è quello di avere catene di approvvigionamento molto complesse, proprio per la produzione dell’olio di palma. Un’altra cosa è che ci sono vari livelli di supporti governativi e differenti produzioni da regione in regione di olio di palma. Estendere il supporto governativo ha un importante ruolo per tutte le aziende che producono senza deforestazione per varie ragioni

Quindi noi stiamo facendo abbastanza? La Roundtable certifica circa il 19% dell’olio di palma mondiale. Ma abbiamo bisogno di un lungo e lento processo, ma stiamo esaurendo il tempoKristjan Jespersen:” Criticamente, il consumismo globale di olio di palma aumenterà invariabilmente, nel 2050 ci avvicineremo a 9.6 milioni di persone

- Prosegue dopo la pubblicità -

Lyons-White:”Tutti noi, dobbiamo essere persistente sul largo mercato come in Cina e India dove c’è molta più enfasi sul prezzo, più che attenzione sulla sostenibilità della produzione. Questo significa che se sei un produttore e stai provando a compare olio di palma devi incoraggiare i tuoi fornitori per assicurarsi che loro coltivino l’olio di palma senza deforestazioni. Tu farai leva affinchè si trovi un mercato alternativo con zero deforestazioni. Questo però è molto difficile da raggiungere

India , China e Indonesia ora rappresentano quasi il 40% di tutto il consumo di olio di palma e questo fa si che l’olio di palma sia economico per lungo tempo, ma il costo del pianeta è molto più alto e riguarda la deforestazione, ma questo non è solo un problema dell’olio di palma.Lyons-White:” L’olio di palma impallidisce di fronte alla deforestazione causata dall’allevamento di bestiame per la produzione di carne, questo è il maggior responsabile della deforestazione tropicale“.

Global Cannopy ha pubblicato la lista di 500 compagnie e istituzioni finanziarie legate alla produzione tropicale della soia, palma, bestiame e legname. Solo metà delle compagnie è legata alla deforestazione zero nel 2020. Dal 2001 sembra che i tassi di deforestazione siano diminuiti, ma questo non basta. La maggiore responsabilità delle aziende che gestiscono bestiame,coltivazioni di palma, soia e legname è quella di portare la deforestazione pari a zero, ma questo può avvenire solo grazie alla richiesta del mercato. Il mercato non è altro che ogni singolo acquirente, se ognuno di noi iniziasse a interessarsi, informarsi e a chiedere prodotti sostenibili, si riuscirebbe a fare la differenza. Video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte:businessinsider.com

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

 

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.