Press "Enter" to skip to content

Origini dell’arco ricurvo composito: la rivoluzione partì dalla vescica natatoria di pesce

Ramses con arco composito durante la Battaglia di Kadesh

Un arco composito è un arco tradizionale fatto di corno , legno e tendini laminati insieme, una forma di arco laminato . Il corno è sul ventre, rivolto verso l’arciere, e il tendine sul lato esterno di un nucleo di legno. Quando l’arco è tirato, il tendine (allungato all’esterno) e il corno (compresso all’interno) immagazzinano più energia del legno per la stessa lunghezza dell’arco. La forza può essere resa simile a quella degli archi “self” interamente in legno, con una lunghezza simile e quindi una quantità simile di energia erogata alla freccia da un arco molto più corto. Tuttavia, la realizzazione di un arco composito richiede più varietà di materiale rispetto a un arco automatico, la sua costruzione richiede molto più tempo e l’arco finito è più sensibile all’umidità:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli archi compositi sono noti dall’archeologia e dall’arte dal secondo millennio a.C., ma la loro storia non è ben documentata poiché sono stati sviluppati da culture senza una tradizione scritta. Nacquero tra i pastori asiatici che li usavano come necessità quotidiane, classicamente per il tiro con l’arco montato , sebbene possano essere usati anche a piedi. Tali archi si diffusero tra i militari (e i cacciatori) delle civiltà che entrarono in contatto con le tribù nomadi; archi compositi sono stati utilizzati in tutta l’ Asia dalla Corea alle coste atlantiche dell’Europa e del Nord Africa , e verso sud nella penisola arabica e in India. L’uso del corno in un arco fu persino osservato nell’epopea di Omero L’Odissea , che si credeva fosse stata scritta nell’VIII secolo a.C:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Le culture della steppa

I dettagli di fabbricazione variavano tra le varie culture che li usavano. Inizialmente, le punte degli arti venivano fatte piegare quando veniva disegnato l’arco. Più tardi, le punte furono irrigidite con assicelle di ossa o di corna; gli archi post-classici di solito hanno punte rigide, conosciute come siyah , che sono realizzate come parte integrante del nucleo di legno dell’arco:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Come altri archi, persero importanza con l’introduzione e l’accuratezza crescente delle armi da fuoco. In alcune aree, gli archi compositi erano ancora utilizzati e ulteriormente sviluppati per scopi ricreativi. I primi archi turchi moderni erano specializzati per il tiro con l’arco da volo (tiro a distanza). Gli archi compositi sono ancora realizzati e utilizzati in Corea e in Cina e la tradizione è stata rianimata altrove. Sono disponibili repliche moderne, spesso realizzate con pance e schienali in fibra di vetro con un nucleo naturale o artificiale:

L’anima in legno conferisce all’arco la sua forma e stabilità dimensionale. È spesso fatto di più pezzi, uniti con colla animale in giunzioni a V, quindi il legno deve accettare bene la colla. La costruzione a pezzi consente le curve nette richieste da molti progetti e l’uso di legni con proprietà meccaniche diverse per le sezioni di piegatura e non piegatura. Il legno della parte flettente dell’arto ( “dustar” ) deve sopportare forti sollecitazioni di taglio e legni più densi come gli aceri duri sono normalmente usati negli archi turchi. [1] Il bambù e il legno della famiglia del gelso sono tradizionali in Cina. Alcuni archi compositi hanno punte non pieghevoli ( “siyah” ), che devono essere rigidi e leggeri; possono essere fatti di legni come l’abete di Sitka . [2]

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un sottile strato di corno è incollato su quello che sarà il ventre dell’arco, il lato rivolto verso l’arciere. Il corno di bufalo d’acqua è molto adatto, così come il corno di diverse antilopi come gemsbok , oryx , stambecco e quello del bestiame grigio ungherese . [3] Possono essere usati anche corno di capra e pecora. La maggior parte delle forme di corno di mucca non sono adatte, poiché presto si delaminano con l’uso. Il clacson può immagazzinare più energia del legno in compressione. [2]

Il tendine , imbevuto di colla per animali , viene quindi posato a strati sul retro dell’arco; i fili del tendine sono orientati lungo la lunghezza dell’arco. Il tendine viene normalmente ottenuto dalla parte inferiore delle gambe e dalla parte posteriore del cervo selvatico o degli ungulati domestici . Tradizionalmente, i tendini di bue sono considerati inferiori ai tendini di selvaggina poiché hanno un contenuto di grassi più elevato, portando al deterioramento. [1] Il tendine ha proprietà di tensione elastica maggiori rispetto al legno, aumentando di nuovo la quantità di energia che può essere immagazzinata nella doga di prua. La colla nascosta o la gelatina ottenuta dalle vesciche gassose dei pesci viene utilizzata per fissare strati di tendini sul retro dell’arco e per fissare la pancia del corno al nucleo di legno. [2]

Sono attaccati listelli di irrigidimento, se usati. Sia il corno che i listelli possono essere legati e incollati con ulteriori lunghezze di tendine. Dopo mesi di asciugatura, l’arco è pronto per l’uso. Ulteriori finiture possono includere pelle sottile o corteccia impermeabile, per proteggere l’arco dall’umidità e i recenti archi turchi erano spesso decorati con vernici colorate e foglie d’oro. Stringhe e frecce sono parti essenziali del sistema d’arma, ma nessun tipo di entrambi è specificamente associato agli archi compositi nel corso della loro storia.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il vantaggio principale degli archi compositi rispetto agli archi (realizzati da un singolo pezzo di legno) è la combinazione di dimensioni più ridotte e potenza elevata. Sono quindi più convenienti degli archi di sé quando l’arciere è mobile, come da cavallo o da un carro. Quasi tutti gli archi compositi sono anche archi ricurvi mentre la forma si allontana dall’arciere; questo design fornisce un maggiore peso nelle prime fasi del tiro dell’arciere, immagazzinando un po ‘più energia totale per un dato peso finale. Sarebbe possibile realizzare un arco in legno che abbia la stessa forma, lunghezza e peso di un arco composito tradizionale, ma non potrebbe immagazzinare l’energia e si spezzerebbe prima del sorteggio completo. [2]

Per i più pratici scopi di tiro con l’arco non montati, la costruzione composita non offre alcun vantaggio; “la velocità iniziale è più o meno la stessa per tutti i tipi di arco … entro certi limiti, i parametri di progettazione … sembrano essere meno importanti di quanto si afferma spesso.” Tuttavia, sono superiori per i cavalieri e nell’arte specializzata del tiro con l’arco di volo: “Una combinazione di molti fattori tecnici ha reso l’arco di volo composito migliore per le riprese di volo”. [4] La velocità della freccia più alta è solo per archi compositi ben progettati con elevato peso di trazione. Ai pesi più comuni per i moderni dilettanti, la maggiore densità di corno e tendini rispetto al legno di solito annulla qualsiasi vantaggio. [1]

La costruzione di archi compositi richiede molto più tempo e una maggiore varietà di materiali rispetto agli archi automatici e la colla animale utilizzata può perdere forza in condizioni umide; il manuale militare bizantino del VI secolo , lo Strategikon , consigliò alla cavalleria dell’esercito bizantino , molti dei quali erano armati di archi compositi, di tenere i loro archi in custodie di cuoio per tenerli asciutti. Karpowicz suggerisce che la realizzazione di un arco in composito può richiedere una settimana di lavoro, esclusi i tempi di asciugatura (mesi) e la raccolta dei materiali, mentre un arco automatico può essere realizzato in un giorno e asciugato in una settimana. [1]Le persone che vivono in regioni umide o piovose hanno storicamente favorito gli archi di sé, mentre quelle che vivono in regioni temperate, aride o aride hanno favorito gli archi compositi. Tuttavia, la pioggia e l’umidità possono essere dannose sia per gli archi di sé che per gli archi compositi e le loro corde, quindi mantenere gli archi asciutti era essenziale per gli arcieri pre-moderni, indipendentemente dal tipo di archi che portavano.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli europei medievali preferivano gli archi di sé come archi manuali, ma creavano pungoli compositi per le balestre. I pungoli erano generalmente ben protetti dalla pioggia e dall’umidità, che sono prevalenti in alcune parti d’Europa. Le antiche civiltà europee come i cretesi, i romani e altri che furono influenzati dal tiro con l’arco orientale, preferirono gli archi compositi ricurvi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le civiltà dell’India usarono sia archi di sé che archi compositi. I Mughal erano particolarmente noti per i loro archi compositi a causa delle loro radici turko-mongole. L’impermeabilizzazione e la corretta conservazione degli archi compositi erano essenziali a causa del clima subtropicale estremamente umido e umido dell’India e delle abbondanti piogge oggi (che in media in tutto il paese sono 970–1.470 mm o 38-58 pollici e supera ben oltre 2.500 mm o 100 pollici per anno nelle zone più bagnate a causa dei monsoni). [5]

Le civiltà della Cina hanno anche usato una combinazione di archi di auto, archi ricurvi compositi e archi riflessi laminati. Gli archi di sé e gli archi laminati erano preferiti nella Cina meridionale nei periodi precedenti della storia a causa del clima subtropicale estremamente umido, umido e piovoso della regione. Le precipitazioni medie nella Cina meridionale superano i 970 mm (38 pollici), con una media di 1.500–2.500 mm (58–97 pollici) in molte aree oggi. [6]

I mongoli e le altre persone di origine nomade avrebbero dovuto mantenere asciutti e adeguatamente curati i loro archi compositi durante le loro conquiste della Cina meridionale e dell’India, rispettivamente a causa dei climi subtropicali di queste regioni con estrema umidità e precipitazioni.

Gli archi di qualsiasi tipo raramente sopravvivono nella documentazione archeologica. Gli archi compositi potrebbero essere stati inventati per primi dai nomadi della steppa asiatica, che potrebbero averlo basato su precedenti archi laminati dell’Asia settentrionale . [8] Tuttavia, le indagini archeologiche sulla steppa asiatica sono ancora limitate e irregolari; dischi letterari di qualsiasi tipo sono in ritardo e scarsi e raramente menzionano dettagli di archi. [1] Ci sono punte di freccia delle prime sepolture di carri nel lago Krivoye , parte della cultura di Sintashta2100-1700 a.C. circa, ma l’arco che li ha sparati non è sopravvissuto. Altri siti della cultura di Sintashta hanno prodotto reperti di corno e ossa, interpretati come mobili (impugnature, poggia frecce, estremità di prua, asole) di archi; non vi è alcuna indicazione che le parti di flessione di questi archi includessero qualcosa di diverso dal legno. [9] Questi reperti sono associati a frecce corte, lunghe 50–70 cm (20–28 pollici) e gli stessi archi potrebbero essere stati corti di conseguenza. [10] La cultura di Andronovo , discendente della cultura di Sintashta, fu la prima a estendersi dagli Urali a Tian Shan , [11] e le sue culture successive diedero origine alla migrazione indo-ariana. È stato suggerito che la cultura di Srubna (contemporanea e vicina alla cultura di Andronovo) usasse archi compositi, ma non sono note prove archeologiche. [12]

Gli archi compositi furono presto adottati e adattati dalle civiltà che entrarono in contatto con nomadi, come cinesi , assiri ed egiziani . Diversi archi compositi furono trovati nella tomba di Tutankhamon , che morì nel 1324 a.C. [13] Archi compositi (e carri) sono conosciuti in Cina almeno dalla dinastia Shang (1700-1100 a.C.). [14] Vi sono forti indicazioni che culture greche dell’età del bronzo come i minoici e i micenei usassero archi compositi su larga scala. [15] Nel IV secolo a.C., la cavalleria aveva cessato di avere un’importanza militare, sostituita dalla cavalleria ovunque (tranne in Britannia , dove gli auriga non sono registrati usando archi).

L’ arciere montato divenne l’archetipo del guerriero delle steppe e l’arco composito era la sua arma principale, usata per proteggere le mandrie, nella guerra delle steppe e per le incursioni in terre stabili. Le tattiche classiche per gli arcieri a cavallo includevano schermaglie: si sarebbero avvicinati, sparati e ritirati prima che potesse essere data una risposta efficace. [16] Il termine tiro di Parthian si riferisce alla diffusa tattica cavallo-arciere di sparare all’indietro sulla parte posteriore dei loro cavalli mentre si ritiravano. I Parti hanno inflitto pesanti sconfitte ai Romani , la prima è stata la Battaglia di Carrhae . Tuttavia, gli arcieri a cavallo non rendevano invincibile un esercito; Il generale Han Ban Chao condusse con successo spedizioni militari alla fine del I secolo d.C. che conquistarono fino all’Asia centrale, e sia Filippo di Macedonia che suo figlioAlessandro Magno sconfisse gli eserciti di arcieri a cavallo. Eserciti romani ben guidati sconfitto gli eserciti dei Parti in diverse occasioni e per due volte ha preso la capitale dei Parti.

Gli archi compositi possono essere usati senza difficoltà dalla fanteria. Gli arcieri di fanteria della Grecia classica e dell’Impero romano usarono archi compositi. I militari della dinastia Han (220 a.C.-206 d.C.) utilizzarono balestre composite , spesso in formazioni quadrate di fanteria , nei loro numerosi scontri contro lo Xiongnu . Fino al 1571, gli arcieri con archi compositi erano una componente principale delle forze dell’Impero ottomano , ma nella battaglia di Lepanto in quell’anno, persero la maggior parte di queste truppe e non le sostituirono mai. [17]

I dettagli della costruzione dell’arco cambiarono un po ‘col tempo. Non è chiaro che i vari sviluppi dell’arco composito abbiano portato a miglioramenti misurabili: “lo sviluppo di attrezzature per tiro con l’arco potrebbe non essere un processo che comporta miglioramenti progressivi delle prestazioni. Piuttosto, ogni tipo di progetto rappresenta una soluzione al problema della creazione di un’arma mobile sistema in grado di scagliare proiettili leggeri “. [4]

Varianti dell’arco scitico furono la forma dominante in Asia fino all’incirca al I secolo a.C. Si trattava di armi corte: una era lunga 119 cm (47 pollici) quando veniva lanciata, con frecce lunghe forse 50–60 cm (20-24 pollici), con punte flessibili “funzionanti”; il nucleo di legno era continuo dal centro alla punta. [18]

A partire dal IV secolo a.C. circa, l’uso di punte irrigidite su archi compositi divenne molto diffuso. L’estremità rigida dell’arco è un “siyah” (arabo, persiano), [19] “szarv” (ungherese), “sarvi” (finlandese; sia “sarvi” che “szarv” significano “corno”) o “kasan” (Turco); la sezione di piegatura è un “dustar” (arabo), “lapa” (finlandese) o “sal” (turco). Per secoli, l’irrigidimento è stato realizzato attaccando listelli di ossa o corna ai lati dell’arco alle sue estremità. Le strisce di ossa o corna hanno maggiori probabilità di sopravvivere alla sepoltura rispetto al resto dell’arco. Le prime strisce ossee adatte a questo scopo provengono da “tombe del quarto o terzo secolo” a.C. [20] Questi irrigidimenti si trovano associati ai nomadi dell’epoca. Maenchen-Helfenafferma che non si trovano nella Persia achemenide, nella prima Roma imperiale o nella Cina Han. Tuttavia, Coulston attribuisce irrigidimenti romani a circa o prima del 9 CE. [21] Identifica una tradizione della steppa di archi sciti con punte funzionanti, che durò, in Europa, fino all’arrivo degli Unni, e una tradizione del Medio Oriente o di Levantino con siya, forse introdotta dai Parni come siya si trovano in Sassanide ma contesti non achemenidi . I siya sono stati anche descritti nella penisola arabica. [22] Gli archi compositi furono adottati dall’impero romano e furono fabbricati anche nel freddo e nell’umidità della Britannia. [23]Erano l’arma normale degli arcieri romani successivi, sia unità di fanteria che di cavalleria (sebbene Vegetius raccomandasse di addestrare le reclute “arcubus ligneis” , con archi di legno ). [24]

Un nuovo tipo di arco, in cui i rinforzi ossei coprono la maniglia dell’arco e le punte, potrebbe essersi sviluppato in Asia centrale durante il III-II secolo a.C., [25] [26] [27] con i primi reperti dell’area del lago Baikal. I raccordi di questo tipo di arco appaiono proprio in tutta l’Asia [28] dalla Corea alla Crimea. Tali archi con rinforzo sia della presa che dei siya sono stati chiamati archi compositi ” Hun “, “Hunnic” o ” Hsiung-nu “. [22] [26] [29] Gli unni usarono questi archi, ma così fecero anche molti altri popoli; Rausing ha definito questo tipo “Qum-Darya Bow” dal sito di tipo cinese Han alla frontiera di Loulan, alla foce del fiume Qum Darya, datato per analogia tra c. I secolo a.C. e III secolo d.C. [28]

Con l’arrivo degli Unni, questa tradizione di archi con impugnature irrigidite arrivò in Europa. “Le tombe alaniche nella regione del Volga risalenti al III-IV secolo d.C. segnalano l’adozione del tipo Qum-Darya da parte dei popoli sarmati dei gruppi hunnici che avanzano dall’est. In generale, gli archi Hunnic / Qum-Darya avevano due paia di listelli per le orecchie identico sotto tutti gli aspetti a quelli trovati sui lime romanisiti. I listelli auricolari mostrano solo una proporzione maggiore di listelli più lunghi (come quelli degli esempi romani di Bar Hill e Londra). Più distintamente, la presa dell’arco è stata irrigidita da tre assicelle. Ai lati erano incollati un paio di listelli trapezoidali con i bordi più lunghi verso la parte posteriore. Sulla pancia era incollata una terza assicella, di forma variabile ma spesso stretta con lati paralleli e punte aperte. Pertanto, ogni arco aveva sette impugnature e listelli per le orecchie, rispetto a nessuno sugli archi Sciti e Sarmati e quattro (orecchie) listelli sull’arco Yrzi. ” [28]

Tali archi erano spesso asimmetrici, con gli arti inferiori più corti di quelli superiori. [20] [30] [31]

Gli Unni e i loro successori hanno impressionato molto i loro vicini con il loro tiro con l’arco. Le tribù germaniche hanno trasmesso il loro rispetto per via orale per un millennio: nella saga scandinava di Hervarar , il re dei greci Gizur insulta gli Unni e dice: “Eigi gera Húnar oss felmtraða né hornbogar yðrir”. (Non temiamo né gli Unni né i loro archi.) I romani, come descritto nello Strategikon , nelle storie di Procopius e in altre opere, cambiarono l’intera enfasi del loro esercito da fanteria pesante a cavalleria, molti dei quali armati di archi. Strategikon di Maurikios descrive la cavalleria bizantina come cursores armati di prua e difensori armati di lancia . [32]

L’arco Qum-Darya è stato sostituito nella moderna area dell’Ungheria da un “Avar”tipo, con listelli più e di forma diversa. I listelli di presa rimasero sostanzialmente gli stessi, tranne per il fatto che un quarto pezzo veniva talvolta incollato sul retro del manico, racchiudendolo in osso su tutte e quattro le facce. L’asse del ventre era spesso a lati paralleli con estremità allargate. Le assicelle siyah sono diventate molto più larghe di profilo sopra la cocca e meno arrotondate, dando un aspetto bulboso. La cocca era spesso più lontana dall’estremità superiore del siyah rispetto agli esempi di tipo Qum-Darya. Di solito venivano aggiunti listelli aggiuntivi al ventre e alla parte posteriore del siyah, racchiudendo così entrambe le estremità del pentagramma su quattro facce. Ciò ha comportato un totale di fino a 12 listelli su un arco asimmetrico con una maniglia rigida e arretrata. Esempi misurati in situ suggeriscono lunghezze dell’arco di 120–140 cm (47–55 pollici). Quando non sono tesi, i siya si invertono bruscamente in avanti con un angolo di 50-60 gradi.[28]

Dopo la caduta dell’Impero Romano d’Occidente , gli eserciti dell’Impero bizantino mantennero per secoli la loro tradizione di tiro con l’arco a cavallo. Bisanzio alla fine cadde sui turchi prima del declino del tiro con l’arco militare a favore delle armi. Gli eserciti turchi includevano arcieri fino al 1591 circa (avevano un ruolo importante nella battaglia di Lepanto (1571) , [17] e il tiro con l’arco di volo rimase uno sport popolare a Istanbul fino all’inizio del XIX secolo. [33]La maggior parte della documentazione sopravvissuta sull’uso e la costruzione di archi compositi proviene dalla Cina e dal Medio Oriente; fino alle riforme all’inizio del XX secolo, l’abilità con l’arco composito era una parte essenziale della qualifica per ufficiali dell’esercito imperiale cinese.

Un pirata saraceno con in mano un arco del famoso design corto Kipchak ( Mameluk ).

L’arco composito fu adottato in tutto il mondo arabo, anche se alcuni membri della tribù Bedu nell’Hijaz mantennero l’uso di semplici archi di sé . [31] I disegni persiani furono usati dopo la conquista dell’Impero Sassanide e gli archi di tipo turco furono ampiamente usati dopo le espansioni turche . In parole povere, gli arabi preferivano siyah leggermente più corti e arti più larghi rispetto ai disegni indo- persiani. A volte, la copertina protettiva sul retro era dipinta con calligrafia araba o motivi geometrici. [31] Nessun progetto è stato standardizzato sulla vasta area delle conquiste arabe. Si diceva che i migliori archi compositi arabi fossero fabbricati a Damasco , in Siria.

Il primo trattato sopravvissuto sulla costruzione e il tiro con l’arco in composito fu scritto in arabo sotto il dominio mamelucco intorno al 1368. [31] [34] [34] Frammenti di listelli di ossa di archi compositi furono trovati tra le tombe negli Emirati Arabi Uniti risalenti al periodo tra il 100 a.C. e 150 d.C. [35] Gli sviluppi successivi dell’arco composito includevano siya fatti di pezzi di legno separati, attaccati con una V-giunzione [36] al nucleo di legno dell’arco, piuttosto che rinforzati da rinforzi esterni. [1] Gli archi medievali e moderni hanno generalmente siyah in legno integrali e mancano listelli di irrigidimento.

Una stringa “ponte” o “corsa” è un attaccamento di corno o legno, usato per tenere la corda un po ‘più distante dagli arti dell’arco alla base dei siya, oltre a consentire alla siya di riposare con un angolo in avanti di la stringa. Questo accessorio può aggiungere peso, ma potrebbe dare un piccolo aumento della velocità della freccia aumentando l’angolo iniziale della corda e quindi la forza del sorteggio nelle sue fasi iniziali. I ponti a corda di grandi dimensioni sono caratteristici degli archi del Manciù ( dinastia Qing , 1644–1911) e degli archi tardo-mongoli, mentre i ponti a corda sono caratteristici degli archi coreani , tartari della Crimea e di alcuni della dinastia Ming (1368–1644). [37] [38] [39]I ponti delle stringhe non sono presenti nelle opere d’arte al tempo di Genghis Khan o prima.

Tutti gli archi compositi eurasiatici derivano dalle stesse origini nomadi, ma ogni cultura che li ha usati ha fatto i suoi adattamenti al design di base. Gli archi turchi, mongoli e coreani furono standardizzati quando il tiro con l’arco perse la sua funzione militare e divenne uno sport popolare. [40] I recenti archi turchi sono ottimizzati per le riprese in volo.

L’arco Perso-Parthian è una ricurva simmetrica ad alta tensione quando viene impilato. Le “braccia” dell’arco dovrebbero riflettersi abbastanza da incrociarsi quando l’arco non è teso. L’arco rifinito è coperto da corteccia, pelle pregiata o in alcuni casi pelle di squalo per tenere fuori l’umidità. [2] Gli archi perso-partici erano in uso già nel 1820 in Persia (antico Iran ). Sono stati quindi sostituiti da moschetti .

Questo è lo sviluppo ottomano dell’arco composito, presumibilmente portato dalle steppe. Gli archi turchi si sono evoluti, dopo il declino del tiro con l’arco militare, in probabilmente i migliori archi di volo tradizionali. La loro decorazione comprendeva spesso delicati e bellissimi disegni multicolori con oro. [1] [33]

Per millenni, il tiro con l’arco ha avuto un ruolo fondamentale nella storia cinese. [41] Poiché le culture associate alla società cinese coprivano un’ampia geografia e un intervallo di tempo, le tecniche e le attrezzature associate al tiro con l’arco cinese sono diverse. Fonti storiche e prove archeologiche suggeriscono l’esistenza di una varietà di disegni ad arco nella storia cinese. [42] Per gran parte del XX secolo, erano attivi solo alcuni seminari tradizionali cinesi per la fabbricazione di arco e frecce. [43] Tuttavia, all’inizio del 21 ° secolo, c’è stato un risveglio di interesse tra gli artigiani che cercavano di costruire archi e frecce nello stile tradizionale cinese. [44]

La tradizione mongola del tiro con l’arco è attestata da un’iscrizione su una stele di pietra trovata vicino a Nerchinsk in Siberia : “Mentre Genghis Khan teneva in mano un’assemblea di dignitari mongoli, dopo la sua conquista di Sartaul ( Khwarezm ), Yesüngge (il figlio di Genghis Khan fratello) ha sparato a un bersaglio a 335 alds (536 m). ” La tradizione dell’arco mongolo fu persa sotto i Manciù, che proibivano il tiro con l’arco; l’attuale tradizione del bowma è emersa dopo l’indipendenza nel 1921 e si basa sui tipi di arco Manchu. [45] Il tiro con l’arco montato era caduto in disuso ed è stato rianimato solo nel 21 ° secolo. Il tiro con l’arco con archi compositi fa parte del festival annuale dei tre sport virili (wrestling, equitazione, tiro con l’arco), chiamato ” Naadam “.

L’arco ungherese è un arco riflesso composito abbastanza lungo, approssimativamente simmetrico, con rinforzi ossei. La sua forma è nota da due tombe in cui la posizione delle placche ossee potrebbe essere ricostruita. [46] Gli ungheresi moderni hanno tentato di ricostruire gli archi compositi dei loro antenati e hanno rianimato il tiro con l’ arco montato come sport competitivo .

Un tradizionale arco coreano , o gakgung, è un piccolo ma molto efficiente arco composito in corno di bambù. Gli arcieri coreani si esercitano normalmente a una distanza di circa 145 metri. [40] Quando gli europei contattarono per la prima volta i nativi americani, alcuni archi, specialmente nella zona che divenne California, avevano già un sostegno sinusoidale. Dopo l’introduzione dei cavalli domestici, i gruppi appena montati svilupparono rapidamente archi più corti, a cui spesso veniva dato il sostegno dei tendini. L’arco composito a tre strati completo con corno, legno e tendine non sembra essere registrato nelle Americhe e gli archi di corno con supporto tendine non sono registrati prima del contatto europeo. [47]

Sono disponibili in commercio repliche moderne di archi compositi tradizionali; di solito sono realizzati con fibra di vetro o carbonio su pancia e schiena, più facili da produrre in serie e più facili da curare rispetto ai tradizionali archi in composito.

Altri materiali meno soddisfacenti rispetto al corno sono stati usati per il ventre dell’arco (la parte rivolta verso l’arciere durante il tiro), tra cui ossa, corna o legni resistenti alla compressione come l’arancia osage , il carpino o il tasso . Materiali che sono forti sotto tensione, come la seta o il legno duro, come il noce , sono stati usati sul retro dell’arco (la parte rivolta verso l’arciere durante le riprese). [2]

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito. Fonti articolo:

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.