Press "Enter" to skip to content

Come erano frutta e verdura prima della manipolazione umana: 8 immagini che vi lasceranno a bocca aperta

Ti sei mai chiesto come sarebbe il tuo cibo senza alcun intervento umano nel corso della storia dell’agricoltura? Per migliaia di anni, gli agricoltori hanno manipolato le loro colture per ottenere le migliori rese e hanno “creato” molti dei prodotti che conosciamo oggi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ultimamente, c’è stato un grande movimento contro gli alimenti geneticamente modificati (OGM). E mentre il processo di modifica genetica di alcuni alimenti è piuttosto recente, gli umani hanno giocato per secoli con la coltivazione. La differenza è che lo hanno fatto con mezzi che richiedevano molto più tempo e pazienza. Per quanto riguarda l’agricoltura e la modificazione genetica, tutti hanno cercato di crescere colture alimentari più grandi, migliori e più nutrienti ed è così che l’allevamento selettivo ci ha permesso di godere della verdura e della frutta (letteralmente) di centinaia di anni di lavoro.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Alcuni frutti e verdure qui presentati mostrano una varietà di piante commestibili che potrebbero essere considerate un bis-bis-bis-bis-nonno dell’equivalente moderno. Mentre altri, come la banana che conosciamo oggi, sono relativamente nuovi nella nostra cucina. Controlla le foto e i dipinti dei cibi prima e dopo come li conosciamo!

- Prosegue dopo la pubblicità -

Anguria
Un raccolto di un dipinto del 17 ° secolo di Giovanni Stanchi mostra le angurie in una forma completamente diversa da quella che conosciamo. L’opera d’arte che fu dipinta tra il 1645 e il 1672, raffigura angurie che hanno forme particolari incastonate in sei pezzi triangolari a forma di torta, così come grandi semi e l’interno che è dominato dalla polpa bianca che molti di noi considerano immangiabile al giorno d’oggi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel tempo, gli umani hanno coltivato angurie per essere molto più attraenti e appetitose. Al giorno d’oggi, possiamo facilmente ottenere angurie perfettamente mature, di un rosso brillante e succoso e ci sono anche varietà senza semi. Questi sono prodotti incrociando linee diploidi e tetraploidi di anguria, con i semi risultanti che producono piante triploidi sterili.

Banane

Gli antenati della banana risalgono al 10.000-6.500 a.C., poiché le ricerche hanno trovato numerosi fitoliti di banane nel sito archeologico della palude di Kuk. Ma prima che la banana fosse quella che è oggi, un frutto cremoso e dolce (beh, tecnicamente una bacca), ha subito molti cambiamenti attraverso l’allevamento selettivo. Una delle maggiori differenze nella varietà selvatica del frutto sono i grandi semi che assorbono la maggior parte del frutto. Abbastanza difficile immaginare di mangiarlo, giusto?

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il frutto che ora chiamiamo banana ha una delle storie più tumultuose di sempre. La produzione in serie di banane iniziò solo nel 1834 quando il frutto fu trasferito nei Caraibi. Tuttavia, all’inizio del secolo precedente, le banane prodotte in serie furono colpite da una crisi, un’infezione da funghi che iniziò a spazzare via intere piantagioni. Questo è quando i ricercatori hanno sviluppato una banana in grado di resistere all’infezione da funghi, il Cavendish gigante, che è ciò che attualmente conosciamo come banane.

Melanzane

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel corso della storia, le melanzane avevano una varietà di forme e dimensioni prima di apparire sui nostri tavoli da pranzo come verdure rotonde e carnose. Alcune delle prime versioni di melanzane furono registrate nell’antica Cina. Le prime generazioni di piante avevano delle spine nel luogo in cui lo stelo della pianta si collega ai fiori, che è piuttosto estremo, quando ci pensi. Per quanto possa sembrare brutta la melanzana selvatica, manca anche la dimensione e altre qualità preferibili dell’equivalente moderno.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La melanzana moderna è grande, lunga e carnosa . Con il numero limitato di semi e l’abbondanza di polpa, la melanzana mostra quanto possa essere meraviglioso l’allevamento selettivo!

Carota
La pianta da cui derivava la carota moderna era originariamente una radice di colore biancastro / avorio. Le carote originali coltivate in Asia centrale ca. Il 900 d.C. erano viola e giallo e gli scritti in epoca classica greca e romana hanno riferimenti a radici bianche commestibili, tuttavia non si sa se fossero pastinache, carote o entrambi. Il nonno-carota aveva una lunga strada da percorrere prima che si trasformasse in un bastone arancione non biforcuto.

Per fortuna, gli agricoltori sono riusciti a modificare la radice biforcuta selvatica nelle deliziose verdure arancioni che oggi possono crescere fino a 6.245 metri (s), secondo Guinness World Records.

Mais
Il nonno-mais è forse il miglior esempio di quanto lontano si può arrivare con anni e anni di coltivazione selettivo. Il teosinte coltivato nel 7000 aC aveva il sapore di una patata cruda molto secca, era appena più grande di 19 mm e aveva solo 8 varietà conosciute. Era locale solo nell’America centrale e aveva chicchi molto duri.

Ciò che mangiamo ora sembra una pianta completamente diversa rispetto all’antenato del mais. È allevato in una varietà di colori, è circa 1000 volte più grande ed è coltivato in 69 paesi.

Pesca

La pesca, d’altra parte, è uno di quei frutti che non sembra essere cambiato molto dalla sua forma selvaggia. Secondo i risultati storici, le prime pesche furono coltivate nel 6.000 a.C. nella provincia cinese di Zhejiang. Pesche domestiche appropriate apparvero per la prima volta in Giappone, circa 1.200 anni dopo. Erano già simili alle moderne forme coltivate più grandi e più compresse. Alcune persone potrebbero pensare che provenga dal quandong del deserto (Santalum acuminatum), ma questa specie, anche se porta frutto è considerata relativa alla pesca selvatica, è in realtà una pianta da fiore lontanamente correlata.

Le pesche che mangiamo oggi sono in realtà una specie coltivata in Persia (l’odierna Iran) che è stata trasportata in Europa. Le pesche odierne possono presentarsi in varianti fresche gialle e bianche con un po ‘di rosso.

Cavolo

La brassica oleracea è il bisnonno di tali verdure come cavoli, broccoli, cavolfiori, cavoli e altro. La forma non coltivata si chiama cavolo selvatico e ci dà una buona idea di come quello che oggi conosciamo come un cavolo appariva migliaia di anni fa prima che iniziasse a coltivarlo. La storia della pianta domestica è sconosciuta prima dell’epoca greca e romana, ma gli studiosi di quell’età hanno lasciato molti documenti per confermare che all’epoca era un ortaggio ben consolidato. Puoi ancora individuare il cavolo selvatico che cresce vicino alle scogliere calcaree in quanto ha un’alta tolleranza per il sale e la calce.

Rispetto al suo antenato, il cavolo moderno è molto più carnoso e pieno, fornendo una quantità molto più grande di cibo da una singola pianta. Il moderno cavolo proviene dal gruppo Brassica oleracea Capitata.

Pomodori

Prima di addentrarci nei pomodori selvatici, bisogna sottolineare che un pomodoro non è un ortaggio, ma piuttosto un frutto.  Ad ogni modo, i pomodori che abbiamo oggi sono drasticamente diversi da quelli che erano prima che gli umani li addomesticassero. I pomodori selvatici ricordano più le bacche piuttosto che la frutta poiché sono di dimensioni estremamente ridotte. Le specie di pomodori selvatici conosciute come Solanum pimpinellifolium, o più comunemente il pomodoro ribes, esistono ancora oggi in Ecuador e Perù e sono anche naturalizzate in altri luoghi in tutto il mondo. Sono commestibili, ma non realmente coltivati ​​per essere mangiati. Invece, vengono utilizzati per la scienza nello sviluppo di specie ibride e nell’integrazione del pool genetico delle specie di pomodori più comuni.

I pomodori che mangiamo oggi sono relativamente più grandi di quelli selvatici. I negozi generalmente offrono una varietà di pomodori, che vanno dalla ciliegia (Solanum Lycopersicum var. Cerasiforme) e dal pomodoro prugna al pomodoro Giant Heirloom che è un po ‘più grande di un pugno umano. Pensando che tutti possano essere consumati crudi o come parte di un’insalata, alcuni sono specificamente pane per salse (come il pomodoro prugna).

Fonte: boredpanda.com

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.