Press "Enter" to skip to content

Gli archeologi hanno risolto un mistero di lunga data su Stonehenge: l’origine degli iconici massi di arenaria del monumento

La storia di origine di Stonehenge ha sconcertato gli archeologi per secoli. Il misterioso monumento, eretto in due momenti differenti 5.000 e 4.500 anni fa, nella pianura di Salisbury nel Regno Unito, presenta due distinti tipi di lastre di pietra a semicerchi. I ricercatori hanno rintracciato un tipo di pietra, le pietre blu più piccole, in un sito nel Galles. Ma l’origine dei massi di arenaria di 9 metri di Stonehenge , chiamati sarsens, è rimasta un mistero irrisolto fino ad ora.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Secondo uno studio pubblicato mercoledì sulla rivista Science Advances, i costruttori di Stonehenge hanno trascinato la maggior parte di questi sarsens da 2200 kg da una zona boschiva nel Wiltshire. L’area, chiamata West Woods, è a più di 15 miglia (25 chilometri) dal monumento – “il che è davvero impresionante se ci pensate“, ha detto a Business Insider David Nash, l’autore principale dello studio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

David Nash analizza un nucleo sarsen estratto da Stonehenge. 

Ha aggiunto: “I nostri risultati suggeriscono che la maggior parte dei sarsen di Stonehenge condividono una chimica comune, motivo per cui stiamo dicendo che provengono dalla stessa area“. I risultati potrebbero aiutare gli archeologi a capire come i costruttori hanno trasportato le pietre giganti a sud. I sarsens di Stonehenge provenivano da boschi a 15 miglia di distanza
Stonehenge originariamente aveva 80 sarsen eretti in archi di forma quadrata, ma ne rimangono solo 52.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Armato di quella firma chimica, il team ha cercato altri sarsen nel sud del Regno Unito e ha confrontato quei massi con quelli di Stonehenge. Trovarono la loro corrispondenza a West Woods, a circa 15 miglia a nord del monumento. Prima di questa scoperta, gli archeologi avevano ipotizzato che i sarsen provenissero da una regione vicina chiamata Marlborough Downs, poiché “a Stonehenge c’erano grosse pietre grigie e i sarsens a Marlborough Downs erano grossi e grigi”, ha detto Nash.

I boschi occidentali fanno parte di quella regione, ma i ricercatori non avevano mai cercato indizi in quel particolare punto perché la maggior parte dei sarsen erano nascosti sotto la vegetazione. “Dato che i costruttori si sono presi la briga di portare pietre blu dal Galles a Stonehenge, perché dovevano prendersi la briga di portare sarsen dal posto più vicino?” dice Nash. Almeno quattro dozzine di pietre blu da 2-5 tonnellate provenivano dalle colline Preseli del Galles, a circa 150 miglia di distanza. “Le persone che hanno costruito Stonehenge non si sarebbero preoccupate della distanza”, ha aggiunto Nash.

Il motivo per cui i costruttori hanno usato Sarsens di West Woods non è ancora chiaro, ma gli autori dello studio hanno suggerito che probabilmente aveva a che fare con “le dimensioni e la qualità delle pietre presenti lì”. Tutti i sarsen potrebbero essere stati spostati contemporaneamente. La nuova scoperta non conferma ciò per cui fu usato Stonehenge – Nash ha detto che le teorie includono un cimitero e un crematorio e un luogo di antica guarigione.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ma sapere da dove provengono i sarsen potrebbe almeno aiutare gli esperti a capire come i costruttori del monumento lo hanno eretto e il percorso che hanno preso per trasportare i loro materiali da costruzione.”Non ci sono prove che abbiano usato animali per farlo, ma non lo sappiamo“, ha detto. Il nuovo studio sostiene anche l’idea che i costruttori abbiano scolpito e sollevato tutti i sarsen in posizione eretta nel cerchio di pietre di Stonehenge nello stesso momento, verso il 2.500 a.C., dopo averli trasportati in massa.

Fonte:businessinsider.com

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.