Press "Enter" to skip to content

Il pesce alligatore di circa 100 milioni di anni, quasi estinto a causa dell’uomo – video e foto

Sebbene sia uno degli esseri viventi più antichi del pianeta, il luccio alligatore o pesce alligatore (Atractosteus spatula), così chiamato per le dimensioni e la forma della sua bocca, ha trascorso gran parte del XX secolo minacciato di estinzione perché era considerato un “pesce spazzatura“, un termine creato dai professionisti della pesca sportiva per definire le specie che non vale la pena inseguire o catturare. I gars però sono pesci pacifici, perché sono dei buoni predatori di imboscate che mangiano tutto quello che hanno in bocca, erano considerati dei parassiti che inghiottivano selvaggina di qualità e che danneggiavano le reti. Oggi i pescatori lo vedono come un trofeo in grado di raggiungere i 160 chili e fino a 3 metri di lunghezza. Una foto d’epoca:

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

Anche se queste dimensioni sono stime da “pescatore” e il pesce non raggiunge tali proporzioni, è la più grande specie di pesci d’acqua dolce del Nord America. Uno dei fattori che hanno determinato il suo status di “cattura vincente” è stata la sua inclusione nel videogioco Animal Crossing: New Horizons. Sebbene la spatola Atractosteus sia conosciuta negli Stati Uniti come “alligator gar”, non ha nulla a che fare con quei rettili, tranne che per la somiglianza della testa larga, della bocca e dei denti aguzzi:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

Questo animale spaventoso, che a volte lo fanno sembrare un comune alligatore , sono solo una caratteristica degli antenati del luccio. Questi pesci sono i discendenti di quelle pochissime specie che nuotavano nell’era dei dinosauri giunte in vita oggi. Le testimonianze fossili mostrano che, sotto forma di megapeixe, il luccio abitava la Terra almeno dal periodo del Cretaceo inferiore, cioè più di 100 milioni di anni fa. Lacépède descrisse per la prima volta il luccio alligatore nel 1803. Il nome originale era Lepisosteus spatula , ma fu successivamente cambiato da EO Wiley nel 1976 in Atractosteus spatula per riconoscere due distinti taxa di gars. I sinonimi di Atractosteus spatula includono Lesisosteus [sic] ferox (Rafinesque 1820) e Lepisosteus spatula (Lacepede 1803). Fossili dall’ordine Lepisosteiformes sono stati raccolti in Europa, dalle Cretaceo a Oligoceneperiodi, in Africa e in India dal Cretaceo e nel Nord America dal Cretaceo a tempi recenti. I Lepisosteidae sono l’unica famiglia esistente di gars con sette specie, tutte situate nell’America settentrionale e centrale. [7] La documentazione fossile fa risalire l’esistenza di gars come il luccio alligatore al Cretaceo inferiore oltre 100 milioni di anni fa. [16] [17] Nonostante sia una specie altamente evoluta, gli alligator gar sono spesso indicati come “pesci primitivi” o “fossili viventi” [18] [19] perché hanno conservato alcune specie morfologichecaratteristiche dei loro primi antenati con apparentemente pochi o nessun cambiamento apparente, come un intestino con valvola a spirale, che è anche comune all’apparato digerente degli squali, una coda eterocercale abbreviata e un polmone della vescica natatoria per respirare sia l’aria che l’acqua. [7] [20] [21] Dopo che il pesce alligatore venne considerato dai pescatori una specie di “pescato pregiato”, anche la sua carne divenne una prelibatezza molto apprezzata. Questa improvvisa popolarità sta già preoccupando alcuni ambientalisti, poiché la riproduzione del pesce alligatore avviene in ritardo (la prima deposizione delle uova avviene solo all’età di 10 anni) e solo in condizioni favorevoli, quindi rischia l’estinzione. Un video molto interessante rivela l’aspetto dell’animale al giorno d’oggi:

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

Fonte: megacurioso.com.br

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.