Press "Enter" to skip to content

La vitamina D può aiutare a ridurre il rischio di sintomi gravi da coronavirus del 54%. Boston University conferma lo studio di Torino

SUDBURY, MA: 16 settembre 2020: il dottor Michael Holick detiene integratori di vitamina D a Sudbury, Massachusetts (foto personale di Nicolaus Czarnecki / MediaNews Group / Boston Herald)

Smetti di aspettare un farmaco miracoloso: un medico della Boston University afferma che una quantità sufficiente di vitamina D può ridurre il rischio di contrarre il coronavirus del 54%. “La gente cercava il farmaco magico o aspetta il vaccino ma non cerca qualcosa di così semplice“, ha detto il dottor Michael Holick, professore di medicina, fisiologia e biofisica alla Boston University School of Medicine. Holick ei suoi colleghi hanno studiato campioni di sangue di Quest Diagnostics di oltre 190.000 americani da tutti i 50 stati e hanno scoperto che coloro che avevano livelli carenti di vitamina D avevano una positività COVID del 54% superiore rispetto a quelli con livelli adeguati di vitamina D nel sangue:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il rischio di contrarre il coronavirus ha continuato a diminuire con l’aumentare dei livelli di vitamina D. Lo studio, pubblicato nella rivista rivista Public Library of Science One, ha una revisione paritaria. Più alto è il tuo stato di vitamina D, minore è stato il rischio”, ha detto Holick. Molte persone sono carenti di vitamina D perché ci sono solo piccole quantità nel cibo, ha detto Holick. La maggior parte della vitamina D proviene dall’esposizione al sole e molti ne sono privati, soprattutto durante i mesi invernali. Ma la “vitamina del sole” è facile da trovare e relativamente economica nelle farmacie, e l’assunzione di pillole di vitamina D non comporta alcun rischio. “È perfettamente sicura”, ha detto Holick. Chiaramente, il riferimento è alla sola vitamina D e non a farmaci che potrebbero invece contenere altri elementi con effetti collaterali e che andrebbero sempre e solo assunti in caso di prescrizione medica“È considerato, da molti, il nutriente del decennio“, ha detto Holick. La positività del virus Sars-CoV-2 (attribuito alla sindrome da COVID-19) è fortemente associata ai livelli di vitamina D nel sangue, una relazione che è rimasta la stessa tra razze, sessi e fasce di età diverse, afferma lo studio:

- Prosegue dopo la pubblicità -

La vitamina D sopprime il rilascio eccessivo di citochine che può presentarsi come una tempesta di citochine, una causa comune di morbilità e mortalità correlate a COVID. Una carenza di nutrienti altera il sistema immunitario, aumentando la probabilità di contrarre infezioni delle vie respiratorie superiori, ha detto Holick. Durante la pandemia, le persone appartenenti ad alcune etnie sono medialmente più colpite in modo sproporzionato dal coronavirus, con un rischio maggiore di contrarlo e avere gravi complicazioni, secondo i Centers for Disease Control. Lo studio di Holick ha esaminato i codici genetici delle persone di origini africane ed ispaniche e ha scoperto che questi pazienti  avevano livelli più bassi di vitamina D. L’adulto medio ha bisogno di circa 2.000 unità di vitamina D al giorno, ha detto Holick. Ha detto che ne prende 6.000 unità al giorno da decenni ed è in ottima salute. Diversi altri studi sulla vitamina D hanno dimostrato i suoi benefici per il sistema immunitario. Una ricerca pubblicata con il National Institutes of Health ha mostrato che le persone con livelli di vitamina D più bassi avevano maggiori probabilità di auto-segnalare una recente infezione del tratto respiratorio superiore rispetto a quelle con livelli sufficienti. Un altro studio su oltre 11.000 partecipanti pubblicato sul British Medical Journal ha rilevato che l’integrazione di vitamina D riduce il rischio di infezione acuta delle vie respiratorie tra tutti i partecipanti. “La vitamina D migliora decisamente la tua immunità generale per combattere le infezioni“, ha detto Holick. Lo studio americano sembra confermare i dati rilasciati alcuni mesi fa dall’Università di Torino:

- Prosegue dopo la pubblicità -

In particolare, due scienziati dell’Università degli Studi di Torino hanno determinato la notevole presenza di ipovitaminosi (carenza di vitamina) in buona parte dei pazienti affetti da nuovo Coronavirus. L’elemento presente in scarsa quantità nei malati è la Vitamina D. Lo studio – che necessiterà di ulteriori analisi – potrebbe confermare che la mancanza o la drastica riduzione di vitamina D nel nostro organismo possa rappresentare un fattore di rischio per il sopravvento del COVID-19, l’infezione scatenata dal coronavirus. Studi preliminari hanno rilevato che tra i pazienti ricoverati a Torino c’è un’elevatissima prevalenza di ipovitaminosi D. Ecco come e perché potremmo beneficiare da questa vitamina:

nello studio, i due ricercatori italiani parlano di un possibile ruolo della Vitamina D “nella riduzione del rischio di infezioni respiratorie di origine virale, incluse quelle da coronavirus”, oltre alla capacità di questo composto “di contrastare il danno polmonare da iperinfiammazione”. Non solo prevenzione dunque, ma persino un’ipotesi di cura viste le potenzialità antinfiammatorie:  “Queste indicazioni derivano da numerose evidenze scientifiche – scrivono i professori – Che hanno mostrato un ruolo attivo della Vitamina D sulla modulazione del sistema immune, la frequente associazione dell’Ipovitaminosi D con numerose patologie croniche che possono ridurre l’aspettativa di vita nelle persone anziane, tanto più in caso di infezione da Covid-19, un effetto della Vitamina D nella riduzione del rischio di infezioni respiratorie di origine virale, incluse quelle da coronavirus e la capacità della vitamina D di contrastare il danno polmonare da iperinfiammazione”.Opportuno risulta ricordare che si tratta di ipotesi che dovranno necessariamente essere sottoposte ad ulteriori studi scientifici. Gli autori concludono suggerendo ai medici:

- Prosegue dopo la pubblicità -

in associazione alle ben note misure di prevenzione di ordine generale, di assicurare adeguati livelli di vitamina D nella popolazione, ma soprattutto nei soggetti già̀ contagiati, nei loro congiunti, nel personale sanitario, negli anziani fragili, negli ospiti delle residenze assistenziali, nelle persone in regime di clausura e in tutti coloro che per vari motivi non si espongono adeguatamente alla luce solare”. Anche perché “dati preliminari raccolti in questi giorni a Torino – si legge in una nota dell’Università – indicano che i pazienti ricoverati per Covid-19 presentano una elevatissima prevalenza di ipovitaminosi D”. Fonti: (Fonte 1Fonte 2Fonte 3Fonte 4Fonte 5). Ma quali sono gli alimenti che contengono naturalmente Vitamina D? Lo ricordiamo qui sotto:

la vitamina D è naturalmente presente nell’olio di fegato di merluzzo, nel pesce azzurro, nel salmone, nei funghi, nei formaggi, nelle uova e anche nella carne. Riportiamo qui sotto i link diffusi dal sito ufficiale delll’Università di Torino:

- Prosegue dopo la pubblicità -

https://www.unitonews.it/storage/2515/8522/3585/Ipovitaminosi_D_e_Coronavirus_25_marzo_2020.pdf

https://www.unitonews.it/index.php/it/news_detail/la-carenza-di-vitamina-d-un-fattore-di-rischio-linfezione-da-coronavirus

Vitamin D can help reduce coronavirus risk by 54%: Boston University doctor

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.