Press "Enter" to skip to content

L’immunità naturale da coronavirus potrebbe durare anni secondo un nuovo studio

Quanto può durare l’immunità al nuovo coronavirus Sars-CoV-2 (attribuito alla Sindrome da Covid-19)? Anni, forse addirittura decenni, secondo un nuovo studio:

- Prosegue dopo la pubblicità -

la risposta più promettente a una domanda che potrebbe mettere in discussione i piani per una vaccinazione diffusa. Otto mesi dopo l’infezione, la maggior parte delle persone che si sono riprese hanno ancora abbastanza cellule immunitarie per respingere il virus e prevenire le malattie , mostrano i nuovi dati. Un lento tasso di declino a breve termine suggerisce, fortunatamente, che queste cellule possono persistere nel corpo per un tempo molto, molto lungo a venire. La ricerca, pubblicata online, non è stata sottoposta a peer review né pubblicata su una rivista scientifica. Ma è lo studio più completo e di lunga durata sulla memoria immunitaria al nuovo coronavirus fino ad oggi. “Quella quantità di memoria probabilmente impedirebbe alla stragrande maggioranza delle persone di contrarre malattie ricoverate in ospedale, malattie gravi, per molti anni”, ha detto Shane Crotty, virologo presso l’Istituto di immunologia di La Jolla che ha co-condotto il nuovo studio. Sul testo descrittivo dello stesso, si legge come:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Comprendere la memoria immunitaria per SARS-CoV-2 è fondamentale per migliorare la diagnostica e i vaccini e per valutare il probabile decorso futuro della pandemia. Abbiamo analizzato più compartimenti della memoria immunitaria circolante a SARS-CoV-2 in 185 casi COVID-19, inclusi 41 casi a> 6 mesi dall’infezione. Spike IgG è stato relativamente stabile per oltre 6 mesi. Le cellule B di memoria specifiche per i picchi erano più abbondanti a 6 mesi rispetto a 1 mese. Le cellule T CD4 + specifiche per SARS-CoV-2 e le cellule T CD8 + sono diminuite con un’emivita di 3-5 mesi. Studiando la memoria di anticorpi, cellule B di memoria, cellule T CD4 + e cellule T CD8 + per SARS-CoV-2 in modo integrato, abbiamo osservato che ogni componente della memoria immunitaria SARS-CoV-2 mostrava una cinetica distinta”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I risultati sono coerenti con uno studio simile che ha mostrato l’immunità nelle persone per almeno tre mesi e un altro che ha mostrato l’immunità nelle persone anche quando gli anticorpi non erano rilevabili. Inoltre, i sopravvissuti alla SARS-CoV , il coronavirus che causa la sindrome respiratoria acuta grave (SARS), hanno ancora cellule immunitarie 17 anni dopo il recupero, ha riportato il Times.

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

Fonte: https://www.biorxiv.org/content/10.1101/2020.11.15.383323v1

- Prosegue dopo la pubblicità -

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.