Quanto dura l’immunità da coronavirus per i soggetti che l’hanno contratto? Ecco i risultati di una nuova ricerca.

Ora abbiamo la migliore risposta a una domanda cruciale e persistente su COVID-19: quanto dura l’immunità.?  Una nuova ricerca suggerisce che i pazienti con coronavirus guariti probabilmente hanno una solida memoria immunitaria che persiste per almeno otto mesi. Questa memoria si basa su più che semplici anticorpi: coinvolge anche i globuli bianchi noti come cellule T e cellule B che hanno un impressionante potere di raccoglimento. Combinati, questi livelli di protezione consentono al sistema immunitario di riconoscere e riattaccare il coronavirus se dovesse invadere di nuovo, prevenendo così un’altra infezione.

Per valutare la durata dell’immunità al virus attraverso questi vari strati del sistema immunitario, gli scienziati hanno misurato quante e quali tipi di cellule immunitarie hanno recuperato i pazienti con coronavirus che avevano mesi dopo essersi ammalati. La loro ricerca , sebbene non ancora sottoposta a revisione paritaria, offre la speranza che coloro che sono già stati infettati probabilmente non si ammaleranno di nuovo per un bel po ‘di tempo.La maggior parte delle persone sta apportando la maggior parte della risposta immunitaria a questo virus, e quelle parti sono ancora circa sei-otto mesi dopo”, Shane Crotty, virologo presso La Jolla Institute for Immunology in California e coautore dello studio, ha detto a Business Insider. “Sembra generalmente una buona notizia per avere un’immunità protettiva”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Mentre gli anticorpi diminuiscono, i linfociti T e B persistono.
Alcune ricerche hanno suggerito che gli anticorpi contro il coronavirus, le proteine ​​del sangue che proteggono il corpo dalla successiva infezione, svaniscono entro pochi mesi. Ma le preoccupazioni su questi risultati possono scartare il ruolo dei linfociti T killer, che identificano e distruggono le cellule infette, così come i linfociti T helper che informano le cellule B su come creare nuovi anticorpi. “Tutti questi elementi sono progettati per lavorare insieme: se in una determinata persona non si è così grandi, le altre braccia del sistema immunitario possono compensare. Quindi ha senso misurare tutto”, ha detto Crotty.

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Quindi il suo gruppo ha misurato entrambi i tipi di cellule T, così come le cellule B e gli anticorpi, in campioni di sangue di 185 persone che si erano riprese da COVID-19. Quasi 40 dei partecipanti si sono sottoposti al test più volte, alcuni più di sei mesi dopo la loro malattia. Ciò ha consentito ai ricercatori di valutare come le risposte immunitarie dei pazienti sono cambiate nel tempo. I loro risultati hanno mostrato che i livelli dei pazienti di cellule T specifiche per il coronavirus sono diminuiti leggermente tra i quattro e i sei mesi, per poi mantenersi costanti. I ricercatori ritengono che sia probabile che le cellule T e gli anticorpi rimangano coerenti dopo quel periodo di sei mesi, poiché è tipico di altri virus.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ci vogliono una o due settimane prima che gli anticorpi e le risposte dei linfociti T si sviluppino dopo un’infezione. Quelli poi aumentano e raggiungono il picco”, ha detto a Business Insider Alessandro Sette, immunologo di La Jolla e coautore di Crotty. “Tra i quattro e i sei mesi scendono e poi tendono a stabilizzarsi intorno ai sei mesi. “Quello che vedi da sei a otto mesi è ciò che ottieni in termini di risposta immunitaria, quindi è allora che vuoi cercare qualsiasi indicazione se hai sviluppato una memoria o meno.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I risultati dello studio hanno anche indicato che i livelli di cellule B dei pazienti sono aumentati tra un mese e sei mesi. Questo è particolarmente buono, ha spiegato Sette, poiché le cellule B sono la fonte di futuri anticorpi. “Una volta che l’invasione virale iniziale è andata, le cellule B smetteranno di combattere, smetteranno di produrre anticorpi”, ha detto. “Ma sono ancora lì se l’attacco riprende: se hai un esercito in espansione di cellule B che circolano nel corpo, ciò rigenererebbe una risposta anticorpale“.

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli anticorpi, tuttavia, sono diminuiti in modo misurabile entro i sei mesi, secondo lo studio. Ma Crotty ha detto che il declino è “abbastanza ragionevole per qualsiasi infezione” e non di per sé un motivo per essere preoccupato. Le cellule T che prendono di mira il coronavirus potrebbero durare per anni. Sette e Crotty hanno potuto esaminare i pazienti con coronavirus guariti solo otto mesi dopo l’infezione, da quando la pandemia è iniziata circa un anno fa. Ma pensano che il lento tasso di declino dei conteggi dei linfociti T e B dei pazienti significhi che quelle cellule dureranno molto più a lungo del periodo di tempo analizzato nello studio.Le risposte immunitarie stanno seguendo il playbook previsto e sono stabili per almeno otto mesi“, ha detto Sette, aggiungendo che “la traiettoria non indica che andranno in crash a otto mesi e un giorno”.

I globuli bianchi sviluppati in risposta ad altri virus possono restare in giro per anni . I linfociti T specifici del vaiolo, ad esempio, impiegano circa 10 anni per scomparire dopo un’infezione, mentre i linfociti B di quel virus restano per 60 anni. Anche le cellule T specifiche della SARS, un altro coronavirus che condivide l’ 80% del suo codice genetico con questo nuovo, sembrano durare a lungo. Uno studio di luglio ha cercato le cellule T nei campioni di sangue di 23 persone sopravvissute alla SARS. Abbastanza sicuro, quei sopravvissuti avevano ancora cellule T della memoria specifiche per la SARS 17 anni dopo essersi ammalati.

Un piccolo numero di pazienti aveva una “memoria immunitaria debole”. Lo studio di Crotty ha rilevato che circa il 90% delle persone sviluppa una robusta immunità al coronavirus, sostenuta da anticorpi, cellule T e cellule B. Ma non tutti hanno sviluppato tutti e tre gli elementi immunitari nella stessa misura, e una piccola sottosezione di partecipanti ne ha sviluppati solo alcuni, o nessuno. Quei pazienti sembrano avere “una memoria immunitaria abbastanza debole”, ha detto Crotty, quindi potrebbero essere suscettibili di reinfezione in tempi relativamente brevi.

La ragione di questa variazione da persona a persona non è chiara, ma gli autori dello studio hanno scoperto che i pazienti che stavano meglio durante il loro periodo di COVID-19 avevano più tipi di cellule immunitarie che lavoravano per loro. Quelli che se l’erano cavata male ne avevano uno o meno. Ma fino a quando gli scienziati non avranno più tempo per studiare il virus, hanno detto Sette e Crotty, non ci sarà un modo per prevedere per quanto tempo durerà l’immunità al coronavirus di una determinata persona dopo che è stata infettata. “Non c’è modo di fare un rapido esame del sangue per dire che avrai una memoria immunitaria per 10 anni“, ha detto Crotty. “Quindi dovremo solo aspettare e vedere.”

Fonte: businessinsider.com

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).