Cosa sappiamo del segnale radio “alieno” intercettato dal telescopio “Parkes”

Il telescopio Parkes, fonte foto: Wikipedia.org

Gli astronomi alla ricerca di segnali radio da civiltà aliene hanno rilevato un “segnale intrigante” dalla direzione di Proxima Centauri, il sistema stellare più vicino al sole, ha riferito The Guardian .

- Prosegue dopo la pubblicità -

I ricercatori stanno ancora preparando un documento sulla scoperta e i dati non sono stati resi pubblici, secondo The Guardian. Ma il segnale è riferito a un fascio stretto di onde radio a 980 MHz rilevate ad aprile e a maggio 2019 dal radiotelescopio Parkes in Australia. Il telescopio Parkes fa parte del progetto Breakthrough Listen da 100 milioni di dollari per la ricerca di segnali radio da fonti tecnologiche oltre il sistema solare. Il segnale a 980 MHz è apparso una volta e non è mai stato rilevato di nuovo. Quella frequenza è importante perché, come fa notare Scientific American , quella banda di onde radio è tipicamente priva di segnali da navi e satelliti costruiti dall’uomo:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Breakthrough Listen rileva continuamente segnali radio insoliti: tra le sorgenti terrestri, l’uscita radio naturale del sole e le sorgenti naturali al di là del sistema solare, ci sono molte onde radio che rimbalzano là fuori. Ma questo segnale sembra provenire direttamente dal sistema Proxima Centauri, a soli 4,2 anni luce dalla Terra. Ancora più allettante: secondo quanto riferito, il segnale si è leggermente spostato mentre veniva osservato, in un modo che assomigliava allo spostamento causato dal movimento di un pianeta. Proxima Centauri ha un mondo roccioso conosciuto il 17% più grande della Terra e un gigante gassoso conosciuto. Il Guardian ha citato una fonte anonima con apparente accesso ai dati su questo segnale dicendo:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“È il primo serio candidato per una comunicazione aliena dal” Segnale Wow! ““, Un famoso segnale radio rilevato nel 1977 che somigliava anche a una tecnosignatura. Ma il Guardian ha ammonito che questo segnale “probabilmente avrà anche un’origine banale“. Tali fonti più banali includono una cometa o la sua nuvola di idrogeno, che potrebbe anche spiegare il Wow! Segnale. Sofia Sheikh della Penn State University, che ha guidato l’analisi del segnale per Breakthrough Listen, ha espresso la sua eccitazione al riguardo: “È il segnale più emozionante che abbiamo trovato nel progetto Breakthrough Listen, perché non abbiamo avuto un salto di segnale. Questo molti dei nostri filtri prima “, ha detto Sheikh a Scientific American, aggiungendo che il segnale viene ora chiamato Breakthrough Listen Candidate 1, o BLC1. Una sfida intrinseca nella ricerca di comunicazioni aliene è che nessuno sa come potrebbero comunicare gli alieni e nessuno conosce tutte le potenziali sorgenti naturali di onde radio nell’universo. Quindi, quando arrivano segnali che sembrano anche plausibilmente tecnologici e non arrivano con spiegazioni facili e naturali, si è tentati di fare il salto agli alieni. Finora, nessun dato su questo segnale è pubblico ed è probabile che anche quando diventerà pubblico non ci saranno risposte conclusive; questo è quello che è successo con il Wow! Segnale dopo tutto.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

- Prosegue dopo la pubblicità -