Joseph Mwepu Ilunga e la storia della punizione battuta al contrario: ecco cosa nascondeva.

Joseph Mwepu Ilunga nome forse che ci dice poco o niente, forse se chiedessimo ai nostri genitori se lo ricorderebbero. Eppure questo nome è stato centro di mille polemiche, ma soprattutto è stato molto deriso in passato. Correva l’anno 1974, mondiali di calcio, lo Zaire ( oggi Repubblica Democratica del Congo), giocava una partita contro il Brasile che vinceva per 3-0, durante l’incontro ci fu una punizione per la squadra sudamericana. Mwepu ed altri suoi compagni di squadra erano in barriera, ma pochi istanti prima che l’arbitro fischiasse, Mwepu iniziò a correre verso la palla lanciandola lontano (si definì una punizione al contrario)venne poi ammonito.

Ha dovuto subire prese in giro, dopo quel gesto. I Brasiliani lo hanno deriso ,come tutto il resto del mondo, diffondendo l’idea che in Africa non conoscessero le regole del calcio. Lui non ha mai dato una spiegazione riguardo quel gesto, fino a qualche anno fa. In quel periodo lo Zaire era governato da un dittatore che minacciò i giocatori prima della partita, dicendo loro che se avessero subito più di 3 goal, sarebbero stati uccisi. Quel gesto tanto deriso, nascondeva disperazione da parte del giocatore, il Brasile era sul punto di fare un quarto goal, che li avrebbe portati tutti a morte certa. Con quel gesto il giocatore ha salvato la vita a se stesso e ai suoi compagni di squadra.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Cosa c’è da imparare da questa storia? Che le apparenze ingannano, da zimbello a livello mondiale, quando finalmente dopo tanti anni ( esattamente nel 2002) Mwepu ha deciso di raccontare la sua verità è diventato un eroe nazionale. Ecco un video che mostra le immagini di quella partita.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: wikipedia.org

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.