La tribù africana che premia gli uomini con la pancia più grande: venerati come eroi del villaggio

Eroe: ogni bambino vuole diventare uno degli uomini grassi, secondo Lafforgue, che vengono festeggiati come eroi dal resto della tribù per la loro incredibile impresa

Slim potrebbe essere altrove, ma per i Bodi o Me’en dell’Etiopia, l’uomo più “dotato” è sempre meglio. La tribù, che vive in un angolo remoto della Valle dell’Omo in Etiopia, ospita da sempre un rituale insolito che vede giovani uomini ingozzarsi di sangue e latte di mucca nel tentativo di essere incoronati come gli uomini più grassi del villaggio. Qui sotto sono riportati i link ad alcuni scatti fotografici che documentano alcuni passaggi di questo insolito rituale:

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

Competizione: il giorno della cerimonia Ka’el, gli uomini grassi della tribù camminano per ore intorno a un albero sacro, sorvegliati da altri uomini e aiutati dalle donne

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sei mesi dopo l’inizio del regime, gli uomini emergono per mostrare i loro fisici appena gonfiati e per scegliere un vincitore. Il campione grasso viene quindi festeggiato come un eroe per il resto della sua vita. Ora, il rito poco conosciuto è oggetto di incredibili foto scattate dal fotografo francese Eric Lafforgue, che ha trascorso del tempo con i Bodi mentre viaggiava attraverso l’Etiopia sud-occidentale durante la corsa al capodanno di Bodi o alla cerimonia di Ka’el:

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sfida: l’impresa inizia sei mesi prima della cerimonia Ka’el, quando i partecipanti si ritirano nelle loro capanne dove rimangono, mentre le donne portano loro del cibo

Troppo! Un uomo di Bodi scopre che la sua ciotola mattutina di sangue e latte è un po ‘troppo ed è malato fuori dalla sua capanna, sorvegliato da una mandria di mucche dall’aria perplessa

Il rituale Ka’el e lo stile di vita tradizionale dei Bodi sono minacciati dal governo etiope che prevede di reinsediare 300.000 persone da tutto il paese nelle loro terre. Per ora, la tribù continua come ha sempre fatto e celebra ancora Ka’el in stile tradizionale ogni giugno.

Il concorso inizia sei mesi prima della cerimonia. Ogni famiglia può presentare alla sfida un uomo non sposato che, dopo essere stato scelto, si ritira nella sua capanna e non deve muoversi né fare sesso per tutta la durata. Il cibo si presenta sotto forma di sangue di mucca e miscela di latte, servito regolarmente agli uomini dalle donne del villaggio. “Le mucche sono sacre alla tribù dei Bodi, quindi non vengono uccise”, spiega Lafforgue. “Il sangue viene prelevato praticando un buco in una vena con una lancia o un’ascia e poi lo chiudono con l’argilla.”

A causa delle temperature torride, gli uomini devono bere rapidamente la ciotola da due litri di sangue e latte prima che si coaguli ma, come rivela Lafforgue, non tutti possono sopportare di bere così tanto in fretta. “Gli uomini grassi bevono latte e sangue tutto il giorno”, dice.«La prima coppa di sangue si beve all’alba. Il posto è invaso dalle mosche. L’uomo deve berla velocemente prima che coaguli, ma alcuni non possono bere tutto e finiscono per vomitare ». Il giorno stesso, gli uomini coprono i loro corpi con argilla e cenere prima di uscire dalle loro capanne per la passeggiata fino al luogo in cui si svolgerà la cerimonia. (Fonte: DailyMail.com).

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).