Ghiacciaio himalayano si spacca e finisce nella diga: almeno 150 morti per le inondazioni. Si torna a discutere di cambiamenti climatici – video

Si teme che circa 150 persone possano essere morte nel nord dell’India dopo che un ghiacciaio himalayano si è spaccato finendo su una diga idroelettrica e causando alcune improvvise inondazioni che hanno costretto l’evacuazione dei villaggi a valle:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un testimone ha segnalato un muro di polvere, roccia e acqua mentre una valanga si è scatenata lungo la valle del fiume Dhauli Ganga, situata a più di 500 km nello stato di Uttarakhand, a nord di Nuova Delhi. “È arrivato molto velocemente, non c’era tempo per allertare nessuno”, ha detto a Reuters per telefono Sanjay Singh Rana, che vive sulla parte alta del fiume nel villaggio di Raini. “Ho sentito che anche noi saremmo stati spazzati via.” Om Prakash, segretario capo dell’Uttarakhand, ha detto che si teme che siano morte da 100 a 150 persone, ma il numero effettivo non è stato ancora confermato. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il capo della polizia di stato Ashok Kumar ha detto ai giornalisti che più di 50 persone che lavoravano alla diga, il progetto idroelettrico di Rishiganga, erano tra le persone che si temevano fossero morte, sebbene alcune altre fossero state salvate. Kumar ha anche detto che le autorità hanno evacuato altre dighe per contenere l’acqua che scorreva dal fiume Alakananda allagato. Uttarakhand è incline a inondazioni improvvise e smottamenti e l’ultimo disastro ha spinto i gruppi ambientalisti a richiedere una revisione dei progetti energetici nelle montagne ecologicamente sensibili. L’ente statale NTPC ha detto che la valanga di domenica ha danneggiato una parte della sua centrale idroelettrica Tapovan Vishnugad che era in costruzione più a valle del fiume. Non ha fornito dettagli, ma ha detto che la situazione viene monitorata continuamente:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’aeronautica militare indiana era pronta ad aiutare con le operazioni di soccorso, mentre le squadre di risposta ai disastri venivano trasportate in aereo per aiutare con i soccorsi e il salvataggio. I soldati dell’esercito sono già stati schierati e gli elicotteri stavano effettuando la ricognizione. “L’India è al fianco di Uttarakhand e la nazione prega per la sicurezza di tutti”, ha detto su Twitter il primo ministro Narendra Modi. I filmati condivisi dalla gente del posto hanno mostrato l’acqua che trascinava via parti della diga di Rishiganga e qualsiasi altra cosa si trovasse sul suo cammino. I video sui social media, che Reuters non ha potuto verificare immediatamente, hanno mostrato l’acqua che scorreva attraverso un piccolo sito di diga, spazzando via le attrezzature da costruzione. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Attualmente non vengono segnalati flussi d’acqua aggiuntivi e non ci sono alluvioni da nessuna parte”, ha detto il primo ministro dell’Uttarakhand Trivendra Singh Rawat. “Nessuna perdita è stata segnalata dai villaggi lungo l’Alaknanda”. Il vicino stato dell’Uttar Pradesh, il più popoloso dell’India, ha messo in allerta le sue aree lungo il fiume. Non è stato subito chiaro cosa avesse provocato la valanga in un momento in cui non era la stagione delle piene. Nel giugno 2013, le piogge monsoniche record nell’Uttarakhand hanno causato inondazioni devastanti che hanno causato quasi 6.000 vittime. Quel disastro è stato soprannominato lo “tsunami himalayano” a causa dei torrenti d’acqua scatenati nella zona montuosa, che hanno fatto schiantare fango e rocce, seppellendo case, spazzando via edifici, strade e ponti. Uma Bharti, ex ministro indiano per le risorse idriche e alto leader del partito di Modi, ha criticato la costruzione di un progetto energetico nell’area. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Quando ero ministro avevo chiesto che l’Himalaya fosse un luogo molto sensibile, quindi non si dovevano costruire progetti energetici sul Gange e sui suoi principali affluenti”, ha detto su Twitter, riferendosi al fiume principale che scorre dalla montagna. Esperti ambientali hanno chiesto di fermare i grandi progetti idroelettrici nello stato. “Questo disastro richiede ancora una volta un serio esame della frenesia della costruzione di dighe idroelettriche in questa regione eco-sensibile, ha detto Ranjan Panda, un volontario del Combat Climate Change Network, che si occupa di questioni relative all’acqua, all’ambiente e al cambiamento climatico. “Il governo non dovrebbe più ignorare gli avvertimenti degli esperti e smettere di costruire progetti di energia idroelettrica e vaste reti autostradali in questo fragile ecosistema”. Fonte: https://news.yahoo.com/himalayan-glacier-breaks-india-districts-074229074.html?guccounter=1

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E’ inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando “MI PIACE” e poi “segui” su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.