I mammiferi più antichi hanno circa 200 milioni di anni e somigliavano agli odierni topi, prede dei dinosauri

FUKUI, Giappone: un fossile trovato in uno strato datato al periodo del Cretaceo inferiore circa 127 milioni di anni fa a Ono, nella prefettura di Fukui, nel Giappone centrale, è stato confermato essere uno dei più antichi fossili di mammiferi del paese, il Museo dei dinosauri della prefettura di Fukui ha detto domenica:

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il fossile è una parte della mascella inferiore di un membro dell’eutriconodonta, un ordine dei primi mammiferi dell’era dei dinosauri. È molto probabile che il primo mammifero sia una nuova specie, secondo il museo. L’osso, scoperto da un curatore del consiglio comunale di istruzione di Ono nel giugno 2019, è lungo 13,1 millimetri e alto 5,8 millimetri. Tre denti sono attaccati ad esso. Due dei tre denti hanno proiezioni che sono caratteristiche dei membri dell’eutriconodonta. Si presume che il fossile sia quello di un mammifero simile a un topo con una lunghezza complessiva di 16-17 centimetri. Molto probabilmente, questi animali erano prede anche di dinosauri carnivori:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sebbene sarebbero necessari materiali aggiuntivi per determinare le specie del mammifero, la forma e le dimensioni dei denti suggeriscono che potrebbe essere una specie che non è mai stata trovata in Giappone. Il museo intende verificare se il fossile sia effettivamente più antico di quello trovato a Hakusan, nella prefettura di Ishikawa, nel Giappone centrale, che attualmente è considerato il più antico fossile di mammifero del Giappone:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nello strato di Fukui dove è stato trovato il fossile di mammifero, è stato scoperto anche un fossile di un dente di una specie di erbivoro che era nella fase di evoluzione dei rettili in mammiferi. Si ritiene che questo fossile sia anche uno dei più antichi del paese per l’animale. Kazunori Miyata, capo ricercatore presso il museo, ha dichiarato: “Le scoperte dovrebbero contribuire a nuovi studi sull’età dei dinosauri“. Ma il primato totale di vero e proprio mammifero più antico spetta ad un animale comparso milioni di anni prima:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il megazostrodon è un genere estinto di mammiferi basaliappartenenti all’ordine Morganucodonta . Ha circa 200 milioni di anni. Sono note due specie: M. rudnerae del Giurassico inferiore del Lesotho e del Sud Africa e M. chenali del Triassico tardo francese.  Megazostrodon era un piccolo animale simile a un toporagno lungo dai 10 ai 12 centimetri (da 3,9 a 4,7 pollici) che probabilmente mangiava insetti e piccoli rettili . Si pensa che fosse notturno poiché aveva un cervello più grande dei precedenti cinodonti e si è scoperto che le aree ingrandite del suo cervello erano quelle che elaborano suoni e odori. [3] Questo era probabilmente per evitare di essere in competizione con i rettili o di diventare preda dei dinosauri. Sebbene considerato un parente stretto dei mammiferi, aveva alcune caratteristiche non mammifere ereditate dai suoi predecessori: le prime due vertebre (atlante e asse) erano ancora non fuse come nei precedenti cinodonti, e aveva solo tre vertebre sacrali invece del solito mammifero cinque. [6] Un interclavicola è anche presente, che è ancora presente in monotremi ma ha perso nella linea che porta a therian mammiferi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Megazostrodon è il genere più noto della famiglia Megazostrodontidae , parte del gruppo più ampio Morganucodonta. Gli altri membri di questa famiglia attualmente conosciuti sono Indozostrodon , Dinnetherium , Wareolestes e Brachyzostrodon . I megazostrodontidi erano classificati come membri di un gruppo di mammiferi chiamati triconodonti , che si pensa si siano evoluti da un gruppo specifico di cinodonti [7] durante il tardo Triassico e l’inizio del Giurassicoperiodi. Tuttavia, classificazioni recenti considerano i megazostrodontidi come mammiferi al di fuori del raggruppamento più rigoroso dei mammiferi veri e propri, mentre i triconodonti rimangono all’interno del gruppo della corona dei mammiferi. Queste prime forme mammarie possedevano molti tratti che le rendevano adatte a uno stile di vita attivo. Avevano una dentizione eterodontica composta da quattro tipi di denti: incisivi , canini , premolari e molari , in contrasto con i denti uniformi (omodonti) della maggior parte dei rettili. [8] Questo ha permesso loro di masticare e quindi elaborare il loro cibo in modo più completo rispetto ai loro cugini rettiliani. Ci sono prove che il movimento della mandibola ha permesso un’azione di taglio per masticare il cibo. [9] I loro scheletri cambiarono in modo che i loro arti fossero più mobili, essendo meno divaricati lateralmente, [10]e consentendo un movimento in avanti più veloce. Avevano una gabbia toracica corta e grandi polmoni, che consentivano una respirazione efficiente . [8] La loro mascella inferiore comprendeva un singolo osso: il dentario (in contrasto con le ossa multiple nelle mascelle dei loro antenati, o sette ossa diverse trovate nelle mascelle inferiori dei rettili). Le altre ossa che un tempo costituivano la mascella si erano ridotte e in seguito i mammiferi sarebbero stati incorporati nell’orecchio medio [3], migliorando il loro udito.

Probabilmente il cambiamento più importante nell’evoluzione dei primi mammiferi fu che i loro antenati, i cinodonti, erano diventati endotermici . Ciò significava che generavano il proprio calore corporeo, facendo affidamento sul cibo che mangiavano per sostenere la loro temperatura corporea piuttosto che a seconda dell’ambiente circostante. Ciò ha consentito livelli di attività più elevati e più sostenuti durante il giorno rispetto ai rettili (i rettili devono svolgere frequentemente attività di regolazione della temperatura come crogiolarsi al sole e cercare l’ombra). Probabilmente era la chiave per diventare notturni, un grande vantaggio in un mondo in cui la maggior parte dei predatori era attiva durante il giorno.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E’ inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando “MI PIACE” e poi “segui” su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.

Fonte news:

- Prosegue dopo la pubblicità -

https://www3.nhk.or.jp/nhkworld/en/news/20210207_11/

Mammal fossil found to be one of the oldest in Japan

Riferimenti:

- Prosegue dopo la pubblicità -
  1.  Crompton; Jenkins (1968). “Occlusione molare nei mammiferi del tardo Triassico”. Recensioni biologiche43: 427–458. doi:10.1111 / j.1469-185x.1968.tb00966.xPMID 4886687.
  2. Salta a:c Debuysschere, M .; Gheerbrant, E .; Allain, R. (2015). “I primi mammiferi europei conosciuti: una rassegna del Morganucodonta da Saint-Nicolas-de-Port (Triassico superiore, Francia)”Journal of Systematic Paleontology13(10): 825–855. doi:10.1080 / 14772019.2014.960486.
  3. Salta a:c Fur and Fangs: Mammal Origins Archiviatoil 5giugno2011 in InternetArchive. Paleobiologia e gruppo di ricerca sulla biodiversità, Università di Bristol.
  4. ^ Mailing List dei dinosauri
  5. ^ Smithsonian Science Abstract
  6. ^ Kemp, The Origin and Evolution of Mammals , (2004). Oxford Univ. Stampa, p. 146.
  7. ^ Mammalogy Archiviato il 27 ottobre 2006 in InternetArchive. Sam Houston State University.
  8. Salta a:b Compaiono i primi mammiferi
  9. ^ Savage, RJG & Long, MR (1986). Mammal Evolution: una guida illustrata . Fatti su File Inc. p. 41 . ISBN 0-8160-1194-X.
  10. ^ Caratteristiche dei mammiferi . Sam Houston State University.
  11. ^ Close, Roger A .; Friedman, Matt; Lloyd, Graeme T .; Benson, Roger BJ (2015). “Prove per una radiazione adattiva metà Giurassico nei mammiferi” . Biologia attuale . 25 (16): 2137–2142. doi : 10.1016 / j.cub.2015.06.047 . PMID 26190074 . 
  12. ^ Jason A. Lillegraven, Zofia Kielan-Jaworowska, William A. Clemens, Mesozoic Mammals: The First Two-Thirds of Mammalian History, University of California Press, 17/12/1979 – 321
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.