Antartide: scienziati scavano tunnel sotto il ghiaccio e scoprono animali sconosciuti – foto e video

Animali apparentemente sconosciuti alla Scienza e che vivono sul fondo del mare sono stati individuati sotto l’Antartide in quella che in precedenza si pensava fosse una terra desolata e disabitata:

Due tipi di spugne marine filtranti sono state avvistate attaccate a un masso sul fondo dell’oceano dagli scienziati del British Antarctic Survey. Gli esploratori hanno lasciato cadere una telecamera in un pozzo che ha attraversato i 900 metri di ghiaccio solido prima di immergersi nel gelido oceano antartico sottostante. Questa parte del mondo è una delle ultime regioni del mondo veramente inesplorate poiché le piattaforme di ghiaccio galleggianti hanno reso impossibile studiare l’oceano sottostante. Più di 1,5 milioni di km quadrati – un’area più grande di Regno Unito, Germania, Spagna e Italia messi insieme – sono coperti da questa fortezza di ghiaccio:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Di conseguenza, è stata esplorata solo un’area delle dimensioni di un campo da tennis, grazie a otto fori perforati nel ghiaccio. L’esplorazione e lo studio che è stato fatto in quest’area è stato primitivo per gli standard moderni poiché l’accessibilità è così difficile a causa del clima estremo. “Questa scoperta è uno di quei fortunati incidenti che spinge le idee in una direzione diversa e ci mostra che la vita marina antartica è incredibilmente speciale e straordinariamente adattata a un mondo ghiacciato“, afferma il biogeografo e autore principale dello studio, il dott. Huw Griffiths. “La nostra scoperta solleva molte più domande di quante ne risponda, ad esempio come ci sono arrivate? Cosa stanno mangiando? Da quanto tempo sono lì? Quanto sono comuni questi massi coperti nella vita? Sono le stesse specie che vediamo fuori dalla piattaforma di ghiaccio o sono nuove specie? E cosa accadrebbe a queste comunità se la piattaforma di ghiaccio crollasse?” – si chiede l’esperto.

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il pozzo trivellato è stato perforato a 260 km dal mare aperto, confondendo ulteriormente i ricercatori. Le attuali teorie affermano chiaramente che la vita diventa sempre più improbabile quanto più un luogo è sott’acqua e lontano dalle correnti aperte. Precedenti studi hanno trovato alcuni animali mobili, come i pesci e il krill, in queste aree, ma mai prima d’ora è stato trovato un organismo che rimane fermo e filtra l’acqua intorno ad esso per il cibo. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Giustamente, lo studio è stato intitolato “Breaking All the Rules” dai suoi autori e pubblicato sulla rivista Frontiers in Marine Science. I ricercatori hanno praticato il foro per prelevare campioni di sedimenti dal fondo del mare quando sono rimbalzati sul masso, con la telecamera rotante che cattura le forme di vita. ‘Per rispondere alle nostre domande dovremo trovare un modo per avvicinarci a questi animali e al loro ambiente – e questo è sotto i 900 m (3.000 piedi) di ghiaccio, 260 km (160 miglia) di distanza dalle navi dove si trovano i nostri laboratori, ‘aggiunge il dottor Griffiths. “Ciò significa che come scienziati polari dovremo trovare modi nuovi e innovativi per studiarli e rispondere a tutte le nuove domande che abbiamo.” (Fonte: Daily Mail).

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E’ inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando “MI PIACE” e poi “segui” su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.

- Prosegue dopo la pubblicità -