Come sono stati scoperti e nominati gli asteroidi troiani?

Il 22 febbraio 1906, l’astrofotografo tedesco Max Wolf aiutò a rimodellare la nostra comprensione del sistema solare. Ancora. Nato nel 1863, Wolf aveva l’abitudine di alterare drasticamente il panorama dell’astronomia. Egli ha scoperto la sua prima cometa a soli 21 anni. Poi, nel 1890, dichiarò coraggiosamente che intendeva utilizzare la fotografia ad ampio campo nella sua ricerca per scoprire nuovi asteroidi, il che lo avrebbe reso il primo a farlo. Due anni dopo, Wolf aveva trovato 18 nuovi asteroidi. In seguito divenne la prima persona a utilizzare il “comparatore stereo”, un dispositivo simile a View-Master che mostrava due fotografie del cielo contemporaneamente in modo che gli asteroidi in movimento apparissero in maniera più accentuata rispetto allo sfondo stellato:

Forse non sorprende, quindi, che il 22 febbraio 1906 Wolf abbia fatto un’altra importante scoperta: un asteroide con un’orbita particolarmente insolita. Mentre Giove si muoveva, questo asteroide rimase davanti a Giove, come se fosse in qualche modo intrappolato nell’orbita di Giove attorno al Sole. L’astronomo tedesco Adolf Berberich ha osservato che l’asteroide si trovava a circa 60 gradi davanti a Giove. Questa posizione specifica ha ricordato all’astronomo svedese Carl Charlier un comportamento peculiare predetto dal matematico italo-francese Joseph-Louis Lagrange oltre 100 anni prima. Lagrange sosteneva che se un piccolo corpo (come un asteroide) fosse posizionato in uno dei due punti stabili dell’orbita di un pianeta attorno al Sole (chiamati punti di Lagrange L4 e L5), l’asteroide sarebbe rimasto fermo dalla prospettiva del pianeta a causa del forze gravitazionali combinate del pianeta e del sole. Charlier si rese conto che l’asteroide di Wolf era stato effettivamente catturato nel punto L4 Lagrange di Giove. Fino alla scoperta di Wolf, la previsione di Lagrange era stata solo un esercizio matematico. Ora, questi astronomi avevano prove fotografiche che Lagrange aveva ragione.  Otto mesi dopo, uno degli studenti laureati di Wolf, August Kopff, scoprì un asteroide nell’altro punto stabile di Lagrange L5 di Giove, così come un altro asteroide catturato in L4 pochi mesi dopo. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Una volta scoperti tre di questi asteroidi puntiformi di Lagrange, gli astronomi iniziarono a chiedersi come chiamarli. A questo punto, alla maggior parte degli asteroidi venivano dati nomi di donne della mitologia romana o greca, a meno che le loro orbite non fossero particolarmente strane. Gli asteroidi in questione avevano certamente orbite bizzarre, quindi l’astronomo austriaco Johann Palisa suggerì i nomi Achille, Patroclo ed Ettore dopo i personaggi dell’Iliade. Achille era un eroe greco quasi invulnerabile (tranne che per il tallone), e Patroclo era un suo amico. Ettore, principe dei Troiani, alla fine uccise Patroclo e Achille si vendicò uccidendo Hektor. Agli asteroidi scoperti di recente sono stati poi dati nomi ispirati all’Iliade. Mentre gli astronomi continuavano a scoprire asteroidi nascosti nei punti Lagrange di Giove, continuarono a chiamarli dopo gli eroi della guerra di Troia e iniziarono a chiamarli “asteroidi troiani”. (“Asteroidi troiani” si riferirebbero alla fine agli asteroidi che abitano i punti di Lagrange stabili di qualsiasi pianeta, sebbene i nomi dell’Iliade siano riservati ai Troiani di Giove.) In seguito divenne una convenzione nominare gli asteroidi L4 di Giove con caratteri greci e gli asteroidi L5 di Giove con caratteri troiani, quindi L4 e L5 divennero rispettivamente il “campo greco” e il “campo troiano”. Apparentemente Palisa non aveva previsto questa tradizione, poiché la sua denominazione dei primi tre asteroidi portò a una “spia” greca che risiedeva nel campo troiano (Patroclo) e un Troiano confuso (Hektor) che probabilmente vagava nel campo greco sperando di ordinare alcuni dei loro famosi cavalli di legno costruiti su misura:

Illustrazione dei sette obiettivi della missione Lucy: l’asteroide binario Patroclo / Menoetius, Eurybates, Orus, Leucus, Polymele e l’asteroide della cintura principale DonaldJohanson. Crediti: Laboratorio di immagine concettuale del Goddard Space Flight Center della NASA

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nessun veicolo spaziale è mai stato per questa popolazione di piccoli corpi, chiamati asteroidi troiani. Ora, una nuova missione della NASA Discovery Program chiamata Lucy volerà vicino a sette asteroidi troiani, più un asteroide della cintura principale, per esaminare la diversità di questa popolazione in una singola missione da record di 12 anni. La finestra di lancio della navicella Lucy si apre il 16 ottobre 2021. Il Southwest Research Institute di Boulder, Colorado, è il principale istituto di ricerca e guida l’indagine scientifica. Il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, fornisce la gestione complessiva della missione, l’ingegneria dei sistemi e la sicurezza e la garanzia della missione. La Lockheed Martin Space Systems di Denver sta costruendo il veicolo spaziale. Il carico utile del veicolo spaziale è fornito da Goddard, dal laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins University e dalla Arizona State University. La gestione del Discovery Program è eseguita dal Marshall Space Flight Center della NASA a Huntsville, Alabama. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

Articolo Di David Dezell Turner apparso su www.nasa.gov
Southwest Research Institute, Boulder, Colo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Contatto per i media: Nancy Neal Jones
, Goddard Space Flight Center della NASA, Greenbelt, Md.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E’ inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando “MI PIACE” e poi “segui” su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.