Personaggi e motivi mitologici Greci nell’Arte e nella letteratura

Achille che uccide Pentesilea, la regina delle Amazzoni, anfora attica a figure nere firmata da Exekias, c. 530-525 AC ; al British Museum di Londra.

Mitologia greca, corpo di storie riguardanti gli dei, eroi e rituali degli antichi greci . Che i miti contenessero un considerevole elemento di finzione fu riconosciuto dai greci più critici, come il filosofo Platone nel V-IV secolo AC. In generale, tuttavia, nella pietà popolare dei Greci, i miti erano visti come veri racconti. La mitologia greca ha successivamente avuto una vasta influenza sulle arti e sulla letteratura della civiltà occidentale, che cadde erede di gran parte della cultura greca.

Sebbene persone di tutti i paesi, epoche e fasi della civiltà abbiano sviluppato miti che spiegano l’esistenza e il funzionamento di fenomeni naturali, raccontano le gesta di dei o eroi o cercano di giustificare istituzioni sociali o politiche, i miti dei Greci sono rimasti senza rivali nel mondo occidentale come fonte di idee fantasiose e accattivanti. Poeti e artisti dall’antichità ai giorni nostri hanno tratto ispirazione dalla mitologia greca e hanno scoperto il significato e la rilevanza contemporanei nei temi mitologici classici.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Lo storico greco Erodoto del V secolo A.C. lo osservò Omero ed Esiodo diedero agli dei dell’Olimpo le loro caratteristiche familiari. Pochi oggi lo accetterebbero letteralmente. Nel primo libro dell’Iliade, il figlio di Zeus e Leto (Apollo , riga 9) è immediatamente identificabile per il lettore greco dal suo patronimico come lo sono i figli di Atreo ( Agamennone e Menelao , riga 16). In entrambi i casi, il pubblico dovrebbe conoscere i miti che hanno preceduto la loro interpretazione letteraria. Poco si sa che suggerisca che i greci trattassero Omero, o qualsiasi altra fonte di miti greci, come mero intrattenimento, mentre ci sono greci di spicco di Pindaro alla successiva Stoa per la quale i miti, e quelli di Omero in particolare, sono così seri da giustificare la bowdlerization o l’allegorizzazione.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La fonte più completa e più importante di miti sull’origine degli dei è la Teogonia di Esiodo (700 AC CIRCA ). Le elaborate genealogie di cui sopra sono accompagnate da racconti popolari e miti eziologici. The Works and Days condivide alcuni di questi nel contesto del calendario di un contadino e di un’ampia arringa in materia di giustizia indirizzata al fratello forse fittizio di Esiodo, Perses. La visione ortodossa tratta le due poesie come un tema abbastanza diverso e tratta le Opere e i Giorni come una teodicea (una teologia naturale). È possibile, tuttavia, trattare le due poesie come un dittico, ciascuna delle quali dipende dall’altra. La teogonia dichiara le identità e le alleanze degli dei, mentre le Opere e i Giorni danno consigli sul modo migliore per avere successo in un mondo pericoloso, ed Esiodo esorta che il modo più affidabile, anche se non certo, è quello di essere giusto.

Frammentari poemi epici post-omerici di diversa data e paternità colmarono le lacune nei resoconti della guerra di Troia registrati nell’Iliade e nell’Odissea ; i cosiddetti Inni omerici (poesie più brevi sopravvissute) sono la fonte di diversi importanti miti religiosi. Molti dei poeti lirici conservarono vari miti, ma le odi diPindaro di Tebe (fiorito VI-V secolo AC ) è particolarmente ricco di miti e leggende . Le opere dei tre tragediografi –Eschilo ,Sofocle eEuripide , tutto il V secolo AC, sono notevoli per la varietà delle tradizioni che conservano. In epoca ellenistica (323-30 A.C. )Callimaco , un poeta e studioso del III secolo AC ad Alessandria , registrò molti miti oscuri; il suo contemporaneo, il mitografoEuhemerus , ha suggerito che gli dei fossero originariamente umani, una visione nota comeEuhemerism .Apollonio Rodio , un altro studioso del 3 ° secolo AC , conservata nella massima considerazione gli Argonauti alla ricerca del vello d’oro. Nel periodo del Impero Romano , la Geografia di Strabone (1 ° secolo AC ), la Biblioteca della pseudo Apollodoro (attribuita ad un 2 ° secolo- CE scholar), gli scritti antiquarie del biografo greco Plutarco , e le opere di Pausania , una di 2a secolo- CE lo storico, così come la genealogie latina di Igino, un 2 ° secolo- CE mitografo, hanno fornito preziose fonti in latino della mitologia greca in seguito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La scoperta del Civiltà micenea di Heinrich Schliemann , un archeologo dilettante tedesco del XIX secolo, e la scoperta delCiviltà minoica a Creta (da cui alla fine derivò il miceneo ) da Sir Arthur Evans , un archeologo inglese del XX secolo, sono essenziali per la comprensione del XXI secolo dello sviluppo del mito e del rituale nel mondo greco. Tali scoperte illuminarono aspetti della cultura minoica dal 2200 al 1450 AC CIRCA e della cultura micenea dal 1600 al 1200 AC CIRCA ; quelle ere furono seguite da un’Età Oscura che durò fino all’800 AC circa. Sfortunatamente, le prove sul mito e sui rituali nei siti micenei e minoici sono del tutto monumentali, perché il file Alfabeto lineare B (un’antica forma di Il greco trovato sia a Creta che in Grecia) è stato utilizzato principalmente per registrare gli inventari.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Disegni geometrici su ceramiche del 8 ° secolo AC scene raffigurano dal ciclo troiano, così come le avventure di Eracle . L’estrema formalità dello stile, tuttavia, rende gran parte dell’identificazione difficile e non ci sono prove di iscrizione che accompagnano i disegni per assistere gli studiosi nell’identificazione e nell’interpretazione. Nella successiva arcaica (c. 750-c. 500 AC ), classica (c. 480-323 AC ), ed ellenistica, omerica e varie altre scene mitologiche sembrano integrare le testimonianze letterarie esistenti.

Forme Di Mito Nella Cultura Greca

Distinguere tra mito , leggenda e racconto popolare può essere utile, a condizione che si ricordi che gli stessi greci non lo fecero.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.