Italia: tombe e scheletri di oltre 2000 anni riemergono da una spiaggia della Toscana

Uno straordinario ritrovamento casuale di grande importanza archeologica è stato effettuato in una spiaggia italiana, dove sono stati individuati i resti di un’antica città risalente al periodo pre-romano:

rainews.it

Come riportato da alcun siti web di informazione, infatti, nel corso di alcuni lavori effettuati sulla spiaggia del Golfo di Baratti – nel comune di Piombino, in Toscana – sono stati ritrovati i resti funerari della città di Populonia, antico insediamento prima etrusco e poi romano. Si tratta di cavità funerarie con tanto di scheletri e ceramiche. Su di uno dei manufatti – dal caratteristico colore bluastro, probabilmente frammento di un vaso – è stato possibile leggere “Artas di Sidone” con caratteri in greco e latino. Link foto (embed):

- Prosegue dopo la pubblicità -
stileliberonews

E’ importante ricordare come, nel suo commento all’Eneide, Virgilio riferisce che Populonia fu fondata  Corsi, che sarebbero stati cacciati dagli Etruschi da Volterra o dai Volterrani senza l’intermezzo corso. Tuttavia, ad oggi non sono stati trovati o scavati resti materiali di alcun corso. Strabone sosteneva che Populonia fosse l’unica città costiera etrusca; gli altri insediamenti etruschi furono allontanati dalla costa di parecchie miglia. Ma l’antico studioso greco potrebbe non aver saputo che Pisa era stata una delle principali città etrusche prima di diventare città. Pisa fu costruita anche in epoca villanoviana sul delta del fiume Arno e fu porto durante il fiorire della civiltà etrusca. Anche Spina era stata collocata ai margini del fiume Po. È stata definita dai moderni la Venezia etrusca. Per quanto riguarda gli insediamenti minori, Pyrgi e Gravisca erano porti etruschi fin da subito. Al tempo di Strabone, i Romani avevano conquistato l’intera costa e ne avevano cacciato gli Etruschi. È vero che gli Etruschi preferivano le posizioni più difendibili sulle scarpate interne ma è anche vero che non esitavano a stabilirsi in pianura o in riva al mare, sia di lago che di mare. Tornando alla recente scoperta, un primo turno di scavo si è concluso il 16 aprile 2021 a sud-ovest del Casone. Le prime analisi sui ritrovamenti lasciano pensare a sepolture risalenti ad un periodo che va dal IV secolo avanti Cristo fino al tardo repubblicano. Una foto diffusa su Facebook (Pagina: Trust Sostratos):

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.