La NASA sta per inviare nello spazio calamari fluorescenti e migliaia di minuscoli animaletti capaci di “resuscitare” dopo lo scongelamento

https://hips.hearstapps.com

La NASA si sta preparando a lanciare nello spazio circa 5.000 tardigradi – quegli adorabili “orsi d’acqua” grassocci – e 128 calamari fosforescenti:

La ISS – wikimedia.org/

Gli animali verranno inviati verso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) nel mese di giugno 2021 come parte della 22a missione di rifornimento cargo di SpaceX. SpaceX lancerà le microscopiche creature a bordo di un razzo Falcon 9 il 3 giugno alle 13:29 EDT dal Kennedy Space Center in Florida. I tardigradi sono piccoli, lunghi solo 0,04 pollici (1 millimetro) e prendono il loro soprannome popolare dal loro aspetto grassoccio simile a un orso se visti al microscopio . E questi piccoli ragazzi non sono dei pushover – capaci di sopravvivere a radiazioni estreme; pressioni sei volte quelle che si trovano nelle parti più profonde dell’oceano; e il vuoto totale dello spazio, che rende gli animali microscopici molto più resistenti dei loro omonimi orsi. In effetti, l’astronave israeliana Beresheet trasportava a bordo migliaia di tardigradi disidratati quando si è schiantata sulla luna durante un tentativo di atterraggio fallito l’11 aprile 2019:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se una qualsiasi forma di vita fosse riuscita a sopravvivere allo schianto, forse queste creature lo avrebbero fatto, soprattutto perché si trovavano nel loro stato disidratato “tun” dal quale avrebbero potuto resuscitare senza problemi. Sono queste capacità che rendono i tardigradi un organismo di ricerca così utile a bordo della ISS, dove gli astronauti sperano di identificare i geni specifici responsabili delle straordinarie capacità di adattamento dei piccoli animali ad ambienti ad alto stress. Questo dovrebbe, a sua volta, fornirci alcune informazioni vitali sugli impatti sulla salute dei viaggi spaziali di lunga durata. “Alcune delle cose a cui i tardigradi possono sopravvivere includono l’essiccamento, il congelamento e il riscaldamento oltre il punto di ebollizione dell’acqua. Possono sopravvivere a radiazioni migliaia di volte più forti rispetto a noi esseri umani e possono andare avanti per giorni o settimane con poco o assenza di ossigeno”, ha dichiarato Thomas Boothby, assistente professore di biologia molecolare presso l’Università del Wyoming e investigatore principale dell’esperimento. “È stato dimostrato che sopravvivono e si riproducono durante il volo spaziale e possono persino sopravvivere a un’esposizione prolungata al vuoto dello spazio”. Per lo studio di Boothby, gli astronauti esamineranno la biologia molecolare degli “orsi acquatici” per cercare segni di eventuali adattamenti immediati e a lungo termine alla vita nell’orbita terrestre bassa, che sottopone gli audaci viaggiatori spaziali ai rigori della gravità zero e all’aumento dell’esposizione alle radiazioni. I ricercatori sperano che le informazioni raccolte dalle creature, destinate ad arrivare alla stazione in uno stato semi-congelato prima di essere scongelate, forniranno spunti vitali per future terapie che potrebbero proteggere la salute degli astronauti durante missioni spaziali prolungate. Anche un esperimento separato e parallelo, che sarà consegnato dalla missione di rifornimento, porterà alla stazione i calamari baby bobtail (Euprymna scolopes):

- Prosegue dopo la pubblicità -

I calamari lunghi 0,12 pollici (3 mm) hanno uno speciale organo che produce luce all’interno dei loro corpi dove i batteri bioluminescenti danno al calamaro il loro bagliore. I ricercatori di questo esperimento sperano di indagare su questa relazione simbiotica tra batteri e calamari per vedere come i microbi benefici interagiscono con i tessuti animali nello spazio. “Non comprendiamo appieno come il volo spaziale alteri queste interazioni benefiche”. I calamari nascono senza i batteri, che poi acquisiscono dall’oceano che li circonda, quindi i ricercatori stanno pianificando di aggiungere i batteri al calamaro non appena gli animali verranno scongelati all’ISS. In questo modo, i ricercatori possono osservare i calamari mentre stabiliscono la simbiosi con i batteri. Studiando le molecole prodotte durante il processo, i ricercatori saranno in grado di determinare quali geni il calamaro ha attivato e disattivato per compiere l’impresa nello spazio. Sapere questo potrebbe aiutare gli esseri umani a prendersi cura del proprio microbioma intestinale e del sistema immunitario durante i viaggi spaziali a lunga distanza. Sebbene il viaggio nello spazio sia stressante, i tardigradi, almeno, hanno sopportato di peggio, essendo recentemente sopravvissuti a un colpo di pistola ad alta velocità. In quello studio, i ricercatori hanno scoperto che i tardigradi erano in grado di sopravvivere a impatti prodotti a una velocità di circa 3.000 piedi al secondo (900 metri al secondo).

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.