Creduta estinta da oltre 100 anni, ritrovata specie di tartaruga gigante delle Galapagos

Il vulcano La Cumbre (isola di Fernandina) – wikimedia.org

Una tartaruga gigante delle Isole Galápagos che si pensava si fosse estinta oltre un secolo fa è appena uscita dal suo nascondiglio:

BBC

I ricercatori hanno scoperto la femmina di tartaruga sull’isola Fernandina delle Galápagos durante una spedizione congiunta condotta dalla Direzione del Parco Nazionale delle Galápagos e dalla Conservancy delle Galápagos nel 2019,  secondo una dichiarazione. L’hanno soprannominata “Fernanda”. All’epoca, il team “era fiducioso” che la tartaruga solitaria potesse rappresentare un esemplare della “perduta” tartaruga gigante di Fernandina (Chelonoidis phantasticus), una specie originaria dell’isola che si riteneva estinta da 112 anni a causa delle eruzioni del vulcano La Cumbre, dell’isola di Fernandina, secondo la dichiarazione. Ma per confermare tale tesi, i ricercatori hanno inviato campioni di sangue ai genetisti della Yale University. Il team di Yale ha confrontato i geni di questa tartaruga con quelli dell’unica altra tartaruga che gli scienziati hanno trovato sull’isola di Fernandina, un maschio di C. phantasticus scoperto nel 1906:

- Prosegue dopo la pubblicità -
wikimedia.org

Il team di Yale ha confermato che i due erano strettamente imparentati e che Fernanda era davvero la stessa specie. “Uno dei più grandi misteri delle Galápagos è stata la tartaruga gigante dell’isola di Fernandina. La riscoperta di questa specie perduta potrebbe essere avvenuta appena in tempo per salvarla” – ha osservato James Gibbs, vice presidente di Science and Conservation presso la Galápagos Conservancy ed esperto di tartarughe presso la State University di New York. “Ora abbiamo urgente bisogno di completare la ricerca dell’isola per trovare altre tartarughe”. I ricercatori sperano di evitare quello che è successo al famoso Lonesome George, una tartaruga che era l’ultima di un’altra specie chiamata tartaruga dell’isola Pinta (C. abingdoni). L’ultimo esemplare risulta morto nel giugno 2012, a circa 100 anni, portando la fine della sua specie nonostante gli sforzi di riproduzione, secondo quanto riportato in precedenza:

- Prosegue dopo la pubblicità -
“Lonesome George” – l’ultimo esemplare di “Pinta” morto nel 2012 (foto: wikimedia.org)

“Vogliamo disperatamente evitare il destino di Lonesome George“, ha detto nella dichiarazione Danny Rueda Córdova, direttore della direzione del Parco nazionale delle Galápagos. “La mia squadra del Parco e della tutela delle Galapagos sta pianificando una serie di importanti spedizioni per tornare all’isola di Fernandina alla ricerca di altre tartarughe a partire da settembre”. Gli scienziati hanno scoperto tracce di almeno altre due tartarughe che potrebbero appartenere alla specie di Fernanda sul vulcano Fernandina durante la spedizione.

Se i ricercatori dovessero riuscire a trovare una tartaruga gigante maschio della stessa specie, il team tenterà di unirlo a Fernanda presso il Centro di allevamento di tartarughe giganti del Parco nazionale delle Galápagos a Santa Cruz e incoraggerà la loro riproduzione; in caso di successo, gli ambientalisti riuscirebbero così ad allevare i giovani in cattività e poi li avrebbero riportati a Fernandina. Secondo una dichiarazione, il numero di tartarughe giganti sulle isole Galápagos è diminuito significativamente nel XIX secolo a causa dello sfruttamento da parte di balenieri e bucanieri. Ora, si pensa che la popolazione di tartarughe giganti nelle Galápagos ammonti solo ad un numero comprensivo tra i 200.000 ed i 300.000 individui, circa il 10-15 percento di quello che erano storicamente.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.