Ha 3.000 anni l’essere umano più antico vittima di un attacco di squalo, i resti ritrovati in Giappone

guim.co.uk

Il rischio di morte per un incontro con uno squalo può essere grossolanamente esagerato nella cultura popolare, ma è probabilmente una piccola consolazione per un uomo che visse e morì 3000 anni fa. I suoi resti ora rappresentano la più antica vittima di squalo mai trovata:

jpost.com

Secondo un’analisi delle sue ossa, l’uomo ha avuto un incontro particolarmente sgradevole con uno dei predatori marini, nel mare interno di Seto dell’arcipelago giapponese. Quasi 800 ferite hanno segnato il suo scheletro, nessuna delle quali ha mostrato alcun segno di guarigione, suggerendo fortemente che l’incontro si sia rivelato fatale. Le ossa, recuperate dal sito archeologico del tumulo di conchiglie di Tsukumo vicino al mare interno di Seto, furono scavate per la prima volta all’inizio del XX secolo d.C., ma una spiegazione per le ferite dell’uomo rimaneva sfuggente. Quindi, le ossa sono state riscoperte dagli archeologi J. Alyssa White e Rick Schulting dell’Università di Oxford nel Regno Unito, che stavano indagando sulla violenza nel Giappone preistorico. “Inizialmente eravamo sconcertati da ciò che avrebbe potuto causare almeno 790 ferite profonde e seghettate a quest’uomo. C’erano così tante ferite eppure è stato sepolto nel cimitero della comunità, il sito del cimitero di Tsukumo Shell-mound”hanno detto . “Le lesioni erano principalmente limitate alle braccia, alle gambe e alla parte anteriore del torace e dell’addome. Attraverso un processo di eliminazione, abbiamo escluso il conflitto umano e i predatori o gli spazzini di animali più comunemente segnalati”. Le foto dei resti scheletrici:

- Prosegue dopo la pubblicità -

ossa morse(White et al., J. Archaeol. Sci. Rep., 2021/JAW, per gentile concessione dell’Università di Kyoto). Le lesioni sulle ossa dell’uomo, conosciute solo come Tsukumo n. 24, erano sicuramente curiose. Erano a spigoli vivi e curvi, cosa che i ricercatori trovarono incoerenti con gli strumenti di pietra in uso all’epoca. Inoltre, gli mancavano la mano sinistra e la gamba destra, e la sua gamba sinistra era stata posta sopra il suo corpo in posizione capovolta per la sepoltura.  Raramente si vedono incontri con gli squali nella documentazione archeologica, ma le ferite non sembravano corrispondere a nessun altro tipo di incontro con animali. Gli archeologi si sono rivolti al biologo marino George Burgess del Florida Program for Shark Research del Florida Museum of Natural History, così come ai registri degli incontri con gli squali, per vedere se le ferite del n.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Date le ferite, è stato chiaramente vittima di un attacco di squalo“, hanno detto White e Schulting . “L’uomo potrebbe benissimo essere stato a pescare con i compagni in quel momento, poiché è stato recuperato rapidamente. E, in base al carattere e alla distribuzione dei segni dei denti, la specie più probabile responsabile era uno squalo tigre (Galeocerdo cuvier ) o uno squalo bianco ( Carcharodon carcharias ).” Era impossibile restringere ulteriormente la specie, poiché i segni dei morsi sono così numerosi e sovrapposti che non è possibile dedurre una forma diagnostica della mascella. Il team ha anche eseguito valutazioni bioarcheologiche delle ossa, per determinare quando il n. 24 era vissuto, confermare il suo sesso e determinare quanti anni avesse al momento della morte. Secondo l’analisi dei ricercatori, l’uomo era giovane o di mezza età al momento della morte e visse tra il 1370 e il 1010 a.C. I suoi resti erano stati recuperati poco dopo l’incontro con lo squalo e sepolti nel cimitero della sua gente.

Sebbene l’incontro sembri violento, i ricercatori ritengono che l’uomo sarebbe morto abbastanza rapidamente. Dato il numero di morsi che hanno raggiunto le ossa dell’uomo, le sue arterie femorali sarebbero state recise in anticipo, con conseguente rapida morte per shock ipovolemico, che si verifica quando il corpo perde rapidamente almeno un quinto del proprio sangue. La ricerca offre una visione rara dei rischi di uno stile di vita di cacciatori-raccoglitori. L’attacco allo Tsukumo n. 24 mette in evidenza i rischi della pesca marina e delle immersioni ai crostacei o, forse, i rischi della caccia opportunistica di squali attirati al sangue durante la pesca”hanno scritto i ricercatori nel loro articolo . “Gli esseri umani hanno una lunga storia condivisa con gli squali, e questo è uno dei casi relativamente rari in cui gli umani erano nel loro menu e non il contrario”. La ricerca è stata pubblicata sul Journal of Archaeological Science: Reports .

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.