Un nuovo studio californiano collega i cellulari a un aumento del rischio di cancro: basterebbero 17 minuti al giorno per aumentare il rischio tumori del 60%

I telefoni cellulari sono la nuova sigaretta? Probabilmente è così, secondo i risultati di un nuovo studio della UC Berkeley che nessuno nella nostra società iperconnessa vorrebbe mai sentire. I ricercatori hanno scoperto una forte correlazione tra l’uso del cellulare e un aumentato rischio di sviluppare tumori cancerosi, anche per gli utenti moderati di cellulare:

Lo studio è stato condotto dal ricercatore della UC Berkeley Joel Moskowitz, che ricopre il ruolo di direttore della UC Berkeley School of Public Health, in collaborazione con il National Cancer Center della Corea e la Seoul National University, riferisce KTVU. L’uso dei cellulari per 1.000 ore in un periodo di 10 anni, che equivale a circa 17 minuti al giorno, è associato a un aumento del rischio del 60% di sviluppare tumoriafferma lo studio. I tumori al cervello e il cancro della testa e del collo hanno rappresentato la maggior parte dei tumori legati all’uso del cellulare secondo i ricercatori di meta-analisi condotti. Gli autori dello studio hanno riconosciuto che è necessaria un’ulteriore ricerca più completa.

“Ulteriori studi prospettici di qualità che forniscono un livello di evidenza più elevato rispetto agli studi caso-controllo sono giustificati per confermare i nostri risultati”, hanno concluso gli autori dello studio. Moskowitz ha lanciato l’allarme di sicurezza del cellulare per più di un decennio. Ha detto all’agenzia di stampa ufficiale dell’UC Berkeley che crede che la stretta presa della potente industria delle telecomunicazioni sulla FCC e i legislatori abbia causato l’interruzione di ulteriori ricerche che ha sostenuto nelle sue tracce. Ha paragonato le tattiche impiegate dalla Cellular Telecommunications and Internet Association (CTIA) a quelle utilizzate da Big Tobacco per decenni per nascondere i rischi per la salute associati al fumo. “Sì, ci sono forti parallelismi tra ciò che l’industria delle telecomunicazioni ha fatto e ciò che l’industria del tabacco ha fatto, in termini di marketing e controllo della messaggistica al pubblico”, ha affermato Moskowitz.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Negli anni ’40, le aziende del tabacco assumevano medici e dentisti per approvare i loro prodotti per ridurre le preoccupazioni per la salute pubblica sui rischi del fumo. Attualmente il CTIA utilizza un fisico nucleare del mondo accademico per assicurare ai politici che le radiazioni a microonde sono sicure. L’industria delle telecomunicazioni non solo utilizza il playbook dell’industria del tabacco, ma è economicamente e politicamente più potente di quanto sia mai stata Big Tobacco. Quest’anno, l’industria delle telecomunicazioni spenderà oltre 18 miliardi di dollari per la pubblicità della tecnologia cellulare in tutto il mondo”. Moskowitz ha riconosciuto che, considerando la misura in cui gli smartphone sono parte integrante della vita quotidiana nel mondo di oggi, è improbabile che i risultati del suo studio che collegano il cellulare al cancro trovino un pubblico ricettivo. “Le persone sono dipendenti dai loro smartphone”, ha detto Moskowitz. “Li usiamo per tutto ora e, in molti modi, abbiamo bisogno che funzionino nella nostra vita quotidiana. Penso che l’idea che stiano potenzialmente danneggiando la nostra salute sia troppo pesante per alcune persone”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: https://patch.com/california/san-francisco/california-study-links-cellphones-heightened-cancer-risk

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.