Lo studio sui ratti maschi “incinti” accende il dibattito bioetico in Cina

Non è la prima volta che la ricerca in Cina ha portato a controversie sull’etica. Credito: APA Picturedesk Gmbh/Shutterstock

Un esperimento per ingravidare ratti maschi cuciti su ratti femmine, condotto da ricercatori della Naval Medical University di Shanghai, ha suscitato il dibattito in Cina e oltre sull’etica del lavoro:

I ricercatori affermano che l’esperimento è stato altamente artificioso e inutilmente angosciante per gli animali e che offre pochi spunti sulla possibilità di gravidanza nelle persone a cui è stato assegnato un maschio alla nascita – semmai, lo scarso tasso di successo suggerisce che un tale obiettivo è molto lontano. Ma altri scienziati affermano che il modello del ratto potrebbe alla fine essere utilizzato per prendere in giro gradualmente ciò che potrebbe essere necessario per mantenere la gravidanza nelle persone di qualsiasi sesso che desiderano avere figli. Lo studio è stato dettagliato in un preprint bioRxiv pubblicato online il 10 giugno 1 . “L’esperimento non ha alcun valore sociale e ha solo sprecato i soldi sottratti ai contribuenti“, afferma Qiu Renzong, bioeticista presso l’Accademia cinese delle scienze sociali di Pechino. Il documento è stato particolarmente dibattuto tra gli studiosi e il pubblico in Cina, dove è stato recentemente tra i temi di maggior tendenza sulla piattaforma di social media cinese Weibo. Alcuni ricercatori in Cina temono che spericolate sperimentazioni biologiche possano rovinare la reputazione del Paese.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Problemi con l’etica in Cina

Gli scienziati cinesi sono preoccupati che una ricerca controversa, come questo studio, possa rafforzare “un’immagine già corrotta della scienza cinese“, afferma Joy Zhang, sociologa dell’Università del Kent a Canterbury, nel Regno Unito, che ha condotto ricerche in Cina per molti anni. Lo studio è uno dei tanti che negli ultimi anni i ricercatori cinesi ritengono di aver presentato un’“immagine distorta” di ciò che ritengono dovrebbe essere la cultura della ricerca cinese, afferma. In un caso di alto profilo del 2018, un ricercatore cinese ha annunciato la nascita dei primi bambini con genoma modificato, che è stato ampiamente criticato come altamente immorale. L’incidente ha stimolato gli sforzi per rafforzare la governance etica in Cina, compresa la formazione di un comitato nazionale per consigliare il governo sull’etica della ricerca:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“C’è anche una preoccupazione più profonda che la tendenza immortale della ‘scienza attraverso le pubbliche relazioni’ – la mentalità secondo cui gli esperimenti con obiettivi stravaganti sono una scorciatoia per l’attenzione del pubblico – trasformi la scienza in una forma di attività di intrattenimento piuttosto che in uno sforzo accademico serio e responsabile, “dice Zhang. Non è chiaro se l’esperimento sulla gravidanza sia stato approvato da un comitato etico indipendente – un requisito per tutti gli esperimenti finanziati con fondi pubblici che coinvolgono animali da laboratorio – afferma Zhang Xinqing, bioeticista presso il Peking Union Medical College di Pechino. Zhang aggiunge che se fosse dipeso da lui, non avrebbe votato per approvare questo esperimento. Gli autori hanno rifiutato di commentare le domande sulla ricerca di Nature. Hanno affermato nel loro manoscritto che il lavoro potrebbe avere “un profondo impatto sulla biologia riproduttiva“, ma non hanno chiarito il motivo. In una dichiarazione pubblica su PubPeer , un sito web per la revisione tra pari post-pubblicazione, uno degli autori, Zhang Rongjia, ha affermato che il lavoro è stato svolto “per i nostri interessi e curiosità personali” e che hanno compiuto sforzi per ridurre il numero di animali utilizzati e per ridurre al minimo il loro dolore.

Nascita di dieci cuccioli vivi

La gravidanza nei maschi è estremamente rara in natura e si osserva solo in un gruppo di pesci che comprende cavallucci marini e pesci ago. Per studiare la possibilità di ottenerlo nei mammiferi, i ricercatori cinesi hanno cucito insieme gomiti, ginocchia e pelli di coppie di ratti, ciascuna composta da un maschio e una femmina castrati, per unire il loro apporto di sangue. Questo modello congiunto, noto come parabiont, consente agli animali di condividere il sangue. La parabiosi è una tecnica chirurgica consolidata per collegare gli animali per studiare gli effetti dell’infusione di sangue dall’uno all’altro, ad esempio da un topo anziano a uno giovane per studiare il processo di invecchiamento.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sei settimane dopo la castrazione e l’intervento chirurgico, i livelli di testosterone nei ratti maschi erano significativamente diminuiti, ma i loro livelli di estrogeni e progesterone rispecchiavano quelli delle femmine. Otto settimane dopo l’intervento, i ricercatori hanno trapiantato un utero in ogni ratto maschio, seguito da embrioni sia nel maschio che nella femmina dopo altre otto settimane. Tre settimane dopo lo sviluppo degli embrioni, e verso la fine di una normale gravidanza di ratto, i ricercatori hanno partorito i cuccioli con taglio cesareo. Su 842 embrioni introdotti in 46 coppie siamesi di ratti, un terzo di quelli nelle femmine di ratto e un decimo di quelli nei ratti maschi si sono sviluppati in feti vitali. Solo 10 cuccioli gestati nei ratti maschi sono sopravvissuti fino all’età adulta: circa il 4% dei 280 embrioni impiantati nei ratti maschi. I ratti adulti sono stati successivamente separati e tutti i maschi sono sopravvissuti per altri tre mesi, fino a quando non sono stati infine soppressi. Gli autori affermano che i risultati sottolineano l’importanza dell’apporto di sangue della femmina incinta, perché gli embrioni non sono maturati nei maschi che sono stati attaccati alle femmine senza sviluppare feti. L’importanza dell’apporto di sangue e il basso tasso di nascite suggeriscono che “la gravidanza maschile nell’uomo non è fattibile in questa fase”, ha scritto Zhang su PubPeer, aggiungendo: “Se il nostro risultato è corretto, questa è quasi una condanna a morte per il maschio umano. gravidanza.”

- Prosegue dopo la pubblicità -

Approfondimenti scientifici limitati

Ma altri ricercatori affermano che l’importanza del sistema endocrino materno è già di dominio pubblico. Lo studio offre spunti limitati, afferma Chris O’Neill, un ricercatore in pensione precedentemente con sede presso l’Università di Sydney in Australia, che ha studiato la biologia della gravidanza. Il modello è effettivamente un modello ex vivo di gravidanza femminile, aggiunge: un utero femminile e l’apporto di sangue all’interno di un maschio castrato. “Ci dice che almeno all’interno del maschio castrato, non c’è ostilità fondamentale dell’ambiente maschile per portare un feto”, dice. Inoltre, l’invasivo intervento chirurgico non si presta ad essere applicato alle persone, afferma Catherine Mills, bioeticista della Monash University di Melbourne, in Australia. “È piuttosto lontano da qualsiasi reale implicazione per la ricerca umana”, dice. “In un certo senso, non è un modello animale; è solo un esperimento sugli animali”. Il coautore dello studio Zhang ha rifiutato di commentare le critiche al valore del lavoro, affermando in una e-mail a Nature che gli autori “preferiscono rispondere alle critiche esterne pubblicando formalmente documenti accademici”.

O’Neill afferma che lo studio potrebbe fornire un nuovo modello sperimentale per identificare i nutrienti o gli ormoni nel sangue materno che sono cruciali per una gravidanza di successo. Potrebbero esserci implicazioni anche per altre ricerche riproduttive nelle persone. Alcuni gruppi stanno già considerando la possibilità di trapianti uterini nelle donne transgender, afferma Mats Brännström, ricercatore sulla salute riproduttiva presso l’Università di Göteborg in Svezia, che ha condotto la prima sperimentazione clinica di tale trapianto in donne cisgender senza utero funzionante. Esperimenti sugli animali come quello dei ricercatori cinesi potrebbero essere un primo passo per stabilire la sicurezza di tali interventi chirurgici, afferma Brännström, e i risultati offrono un senso della grande sfida di un tale compito. Ma altri si chiedono se ci sia alcun valore per la gravidanza nelle persone a cui è stato assegnato un maschio alla nascita. “Potrebbero esserci alcune applicazioni limitate in cui le donne trans vogliono essere in grado di gestare un bambino”, afferma Mills, ma per il resto, “qual è il bisogno terapeutico?“.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: www.nature.com

R. Zhang e Y. Liu, prestampa su bioRxiv https://doi.org/10.1101/2021.06.09.447686 (2021).

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.