Nel Mar Mediterraneo un tesoro archeologico di 2.200 anni – le foto

Una delle sfingi criocefale all’ingresso del Tempio di Karnak – wikipedia.org

Gli archeologi hanno recentemente scoperto un relitto di 2.200 anni nel Mar Mediterraneo. Secondo quanto riferito, la nave è affondata in mare dopo essere stata colpita dalla caduta di detriti del tempio di Amon, distrutto da un terremoto:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il relitto è stato trovato dagli archeologi sotto l’antica città di Heracleion, sulla costa settentrionale dell’Egitto. La città era caduta nelle acque profonde dell’oceano quasi 1.200 anni fa dopo essere stata distrutta dai terremoti. Durante l’esplorazione e la raccolta dei resti dell’antica città, gli archeologi hanno trovato il relitto della vecchia nave. Secondo i rapporti, la nave è stata identificata come una “galera veloce” ed era lunga 82 piedi. Il corpo della nave è stato costruito con una chiglia piatta, una caratteristica comune trovata nelle navi per la navigazione del fiume Nilo e del Delta. In una dichiarazione pubblicata su Facebook, il Ministero del Turismo e delle Antichità egiziano ha affermato che le prove suggeriscono che la nave sia stata costruita in Egitto:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il Dr. Ayman Ashmawi, presidente del settore archeologia egiziana, ha spiegato che il relitto di quella nave è stato scoperto sotto circa 5 metri di argilla solida che rappresenta il fondo del mare e il misto con i monumenti del tempio, utilizzando dispositivi di escavatori sott’acqua come i dispositivi Sub – Bottom profiler. Frank Gaudio (presidente della missione dell’Istituto europeo di archeologia annegata (IEASM)), ha sottolineato che la scoperta delle navi rapide risalenti a quell’epoca temporale è ancora molto rara, e che le navi greche di questo tipo erano completamente sconosciute fino alla scoperta della nave Boneq Marsala ( risalente al 235 a.C. è l’unico esempio che abbiamo). Aggiunto che gli studi iniziali suggeriscono che la nave era lunga più di 25 metri, il corpo è stato costruito secondo il classico stile di base alla tecnologia dell’epoca, caratterizzata dallo stile antico egiziano:

- Prosegue dopo la pubblicità -
La nave gode di un fondo piatto e ha un modello molto utile per navigare nel Nilo e all’interno del Delta e con remi dotati di una grande vela, come si vede dalla forma di un sacchetto di dimensioni grandi. Come indicano alcune caratteristiche tipiche della costruzione delle navi nell’antico Egitto, oltre a le prove per il riutilizzo del legno, quella nave è stata costruita in Egitto. Il professor Ihab Fahmi, capo del dipartimento centrale di antichità annegati, ha detto che la missione è riuscita a trovare i resti di un’area funebre greca risalente all’inizio del IV secolo a.C. all’ingresso del canale nord-orientale della città, il che spiega la presenza dei commercianti greci che hanno vissuto in questa città Hanno controllato l’ingresso dell’Egitto nella filiale del Nilo Kanobi dove sono stati autorizzati a insediare durante la tarda epoca faraonica, i loro templi funebri vicino al tempio principale della macchina Amon, ma a causa dei disastri naturali la zona è stata distrutta, e i loro resti archeologici misti al Tempio di Amon Stabile, in perfette condizioni nel canale profondo durante l’atterraggio causato dal fenomeno della fragilità della terra. Questi monumenti sono testimoni della ricchezza dei templi di questa città ora sotto la superficie del Mediterraneo a 7 chilometri dalla spiaggia di Abi Qair:
Vale la pena ricordare che la città di Heraklion è stata nel corso dei secoli il più grande porto d’Egitto sul Mediterraneo, prima della fondazione della città di Alessandria da parte di Alessandria nel 331 a.C. Diversi terremoti seguiti dalle maree, causando la fragilità della terra e il crollo di una parte di circa 110 chilometri quadrati di Delta del Nilo, con le città di Heraclion e Canob crollano sotto il livello del mare. Le due città sono state riscoperte dalla Missione dell’Istituto Europeo di Archeologia annegata (IEASM) in collaborazione con il Dipartimento di Archeologia Centrale annegata al Ministero del Turismo e dell’Archeologia, dal 1999 e 2001. Link post Facebook:

https://www.facebook.com/moantiquities/posts/179978074163747

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.